3 sostanze fondamentali per rimineralizzare i denti

La salute dell’organismo passa attraverso ogni angolo nel nostro corpo. Per questo motivo è molto importante prestare attenzione anche alla cura dei denti e del cavo orale. Lavarsi i denti dopo ogni pasto principale è una regola fondamentale, così come svolgere periodici controlli dal dentista. La dentatura è caratterizzata da uno strato superficiale detto smalto.

Esso svolge la funzione di scudo che protegge la parte interna e più sensibile del dente. Lo smalto è composto da minerali e deve essere preservato dal danneggiamento a cui, spesso, è soggetto. In presenza di problemi dentali, come carie o infezioni, questa patina protettiva può subire una demineralizzazione.

Quando ciò avviene, lo smalto si assottiglia e non garantisce più alcuna difesa per la dentatura. Quello delle patologie dentarie è un problema complesso che andrebbe sempre monitorato con l’aiuto di un professionista. L’alimentazione, però, gioca un ruolo decisivo nella prevenzione e cura del cavo orale.

Seguire una corretta dieta quotidiana aiuta infatti a rimineralizzare i denti ed evitare i fastidi legati al danneggiamento dello smalto. La rimineralizzazione è uno straordinario processo che il nostro organismo mette in atto in modo naturale per mantenere i denti sani, forti e funzionali.

Come per tutte le funzioni vitali del corpo, anche la rimineralizzazione ha bisogno del giusto carburante per mettersi in moto, in questo caso si tratta proprio di alcune sostanze nutritive già presenti in molti cibi.

Anche la dentatura ha spesso bisogno di un’integrazione di elementi fondamentali ed esistono proprio degli ingredienti naturali in grado di donare ai denti tutto ciò di cui necessitano per una corretta rimineralizzazione. Vediamo quali sono i 3 migliori nutrienti che potranno farvi dire addio ai problemi dentali.

Calcio

Probabilmente non sarete sorpresi di vedere il calcio in questa lista. Spesso, infatti, lo associamo alla salute e al mantenimento di ossa forti. Il calcio è uno dei mattoni principali della struttura ossea e di quella dentale. Ne abbiamo certamente bisogno per consentire la rimineralizzazione dei denti.


Tuttavia, può capitare che il calcio non venga assorbito nonostante sia presente nel corpo in giuste quantità. In questi casi, c’è bisogno di assumere altri nutrienti in grado di fronteggiare il problema.

Le vitamine D3 e K2 consentono l’assorbimento e fanno sì che il calcio arrivi a destinazione e svolga il suo importante ruolo. Per integrare il calcio, gli alimenti consigliati sono: latticini, fagioli, soia, spinaci e rape. Contengono invece buone quantità di vitamine D3 e K2 alcuni pesci, soprattutto tonno e salmone, e le uova.

Magnesio

Il magnesio è fondamentale per la formazione della struttura dentale. È importante bilanciare il suo apporto con quello del calcio. Quando, infatti, nell’organismo è presente una quantità troppo alta di calcio, il livello di magnesio diminuisce, compromettendo il processo di rimineralizzazione. La carenza di magnesio è una condizione molto comune.

Circa metà della popolazione ne è interessata. Si raccomanda di assumere dai 300 ai 400 milligrammi di magnesio ogni giorno. I cibi che possono aiutare in tal senso sono principalmente le verdure a foglie verdi, la frutta secca e i fagioli.

Collagene

Nel corso della vita i denti subiscono numerosi piccoli traumi. La cosa fantastica però è che, attraverso la rimineralizzaione, essi sono costantemente riparati e ricostruiti. Ogni dente è composto da diverse parti: smalto, dentina, cemento dentario e ossa.

Ciascuna di queste componenti è formata da sostanze organiche e inorganiche. Il collagene fa parte degli elementi organici della dentatura e ne costituisce circa il 90%.

Lo troviamo soprattutto nei prodotti di origine animale e, più precisamente, nelle interiora. Poiché si tratta di prodotti che non si consumano abitualmente, è possibile integrare il collagene grazie all’aiuto di specifici prodotti in commercio.

La prevenzione resta sempre il miglior modo per garantire la salute dei denti. Oltre ad incrementare l’apporto dei giusti nutrienti, è opportuno cercare di evitare quanto più possibile di ingerire cibi che promuovono la demineralizzazione, cioè quelli contenti alte quantità di acido fitico.

Basta poca attenzione per scongiurare problemi ai denti e far sì che siano sempre protetti dal loro naturale strato di smalto. Parlate con il vostro dentista in merito a qualsiasi dubbio e fatevi guidare nel prendere le giuste decisioni per preservare la dentatura ed evitare spiacevoli conseguenze.

Loading...

Condividi con un amico