Curarsi con le acque salsobromoiodiche di Acqui Terme

Le Terme di Acqui si trovano in località Acqui Terme in provincia di Alessandria. Il complesso delle regie Terme Acqui, in realtà è costituito da due strutture termali nettamente separate. In città vicino alla stazione ferroviaria c’è lo stabilimento termale Nuove Terme (in via XX Settembre 5), in zona Bagni (nel parco in viale Donati 25) vi è poi lo stabilimento cure termali Regina.

Le terme sono alimentate da due sorgenti termali. Quella della “Bollente” che sgorga a 75°C nel cuore di Acqui Terme e quelle, un po’ meno calde (50°C circa) che nell’OltreBormida danno vita al piccolo lago delle “Antiche Terme”.

In realtà si tratta di acque pluviali che penetrando lentamente nell’arco degli anni attraverso il sottosuolo si sono arricchite di minerali, principalmente quelli rilasciati dai vasti depositi salini di quel braccio di mare che un tempo occupava l’area dell’attuale Pianura Padana. Queste acque termali sono di tipo sulfureo, soprattutto salsobromoiodiche.

Le proprietà benefiche e rilassanti di queste acque sono note fin dall’epoca romana. Sono ideali per i trattamenti dell’artrosi primaria e secondaria, nelle fibromialgie, nelle periartriti e nelle tendinite. Inoltre, essendo acque ricche di iodio sono ottime se impiegate nelle varie cure inalatorie (inalazioni, aerosol, humage, nebulizzazioni) e nelle insufflazioni tubo-timpaniche grazie ai loro effetti espettoranti antiflogistici, sono indicate nel trattamento di riniti, sinusiti e faringiti croniche semplici e ostruttive.

Queste acque sotto forma d’irrigazioni vaginali, curano le vaginiti croniche, atrofiche e le varie forme di sclerosi dolorose pelviche. Sono anche benefiche se sfruttate per un ciclo d’idroginnastica vascolare, per curare linfodemi, postumi flebitici, in generale quindi tutte le manifestazioni cliniche dell’insufficienza venosa cronica.

Acqui Terme è specializzata anche in trattamenti termali per la pelle, come fanghi e bagni.

Infine tra le ultime, ma non meno importanti applicazioni termali acquesi bisogna ricordare quelle nell’ambito della riabilitazione motoria, sia essa conseguente a incidenti sul lavoro, automobilistici o a traumi sportivi, sia quelle medico-estetiche per il corpo e il volto.

Ai fini della validità per il S.S.N. si accede alle cure termali con la prescrizione medica, che deve riportare: la prestazione terapeutica, la diagnosi relativa espressa in modo esatto anche se semplificato e le cure da seguire. Le Terme di Acqui hanno in convenzione con il S.S.N. i seguenti trattamenti: fanghi con bagni terapeutici, bagni terapeutici (per osteoartrosi o reumatismi extra articolari), cure inalatorie (solo per fenomeni cronici come faringolaringite cronica, sinusite cronica, etc…), cure per la sordità rinogena, ventilazioni polmonari (per bronchite cronica o bron-copneumopatia cronica ostruttiva), irrigazioni vaginali anche con bagno, cure per vasculopatie periferiche (per postumi di flebopatie croniche). Muniti di certificato medico è poi necessario procedere alla prenotazione delle cure contattando il servizio welcome al numero 0144 324390 (interno1), ore ufficio 8.00/13,00- 15,00/18,00 (dal martedì al venerdì). Nei giorni di sabato e lunedì le operazioni di accettazione e le visite mediche verranno effettuate dalle ore 7.00 alle 11.30.

Lo stabilimento termale Nuove Terme è aperto tutti i mesi dell’anno tranne gennaio, il Regina è aperto dal mese di aprile a metà novembre.

Le Terme hanno in essere alcune convenzioni che prevedono sconti e agevolazioni: per i titolari della Trenitalia card, i soci dell’Alitalia Club, gli iscritti all’Università di Genova e il personale della Polizia di Stato.

In zona Bagni all’interno dello storico polo termale delle Vecchie Terme SPA è sorto il Lago delle Sorgenti: un punto di riferimento per gli amanti di benessere e relax, specializzato in trattamenti estetici viso e corpo. Si propone come un modernissimo tempio del wellness olistico, impostato su di un concept assolutamente innovativo e originale: “Rigenerarsi con l’acqua, riequilibrarsi coi suoni”.

Dove soggiornare alle Terme di Acqui

Le Terme di Acqui non dispongono di una propria struttura in cui soggiornare, ma nelle vicinanze vi sono alberghi, alloggi in affitto (Residence Domus e Cavanna Maria Teresa entrambi ad Acqui Terme), una casa vacanza e un agriturismo.

L’Agriturismo è Villa Caffarelli a Sessame (Strada Provinciale Valle Bormida, 7 in provincia di Asti). E’ situato tra le dolci colline della Langa Astigiana, terra di vigneti e di prodotti tipici come la “robiola di Roccaverano” e la “mostarda d’uva”. Dispone di 6 appartamenti ognuno con un nome di vino (mono, bilo e trilocali) con angolo cottura e dotati di tutti i comfort. Durante il periodo estivo si può usufruire di un’ampia piscina, dove si tengono corsi di nuoto e acqua gym; inoltre si possono effettuare escursioni ciclo turistiche e per i più piccoli è a disposizione un parco giochi. La struttura è accessibile a persone disabili e sono ammessi animali di piccola taglia. Ha convenzioni con ristoranti tipici vicino alla struttura e con gli stabilimenti termali distanti circa 17 km.

La Casa Vacanze Royal si trova ad Acqui Terme (Via Guido Biorci 1) a circa 150 metri dallo stabilimento termale. Di fronte a questo piccolo albergo ci sono due parchi e la Fontana delle Ninfee, a100 metri il Museo e la Cattedrale. La struttura del Royal è antica e nel suo interno, oltre all’attività alberghiera, vi si svolge anche attività di ristorante-pizzeria. Inoltre nella piccola enoteca è possibile degustare vini locali.

Gli alberghi adiacenti alle Terme sono sei, altri quattro sono nelle immediate vicinanze, mentre un’altra decina di strutture mettono a disposizioni degli ospiti un servizio navetta.

Il più comodo è il Grand Hotel Nuove Terme che è collegato internamente allo stabilimento termale. Dispone di 142 camere, arredate in stile classico di cui 3 suites, 5 junior suite, camere deluxe, superior, standard e singole. Due ristoranti, di cui uno riservato alla clientela che soggiorna in hotel e un bar storico con decori e affreschi originali dell’epoca. Ha anche una beauty farm di 800 metri quadri con piscina di acqua termale, due saune, un bagno turco, solarium, 7 cabine per trattamenti estetici/massaggi e 13 cabine per la fangoterapia.

Ideale anche l’Hotel Acqui***, che è collocato di fronte all’antico porticato che lo unisce alle Terme. Presenta un’atmosfera rilassante e accogliente, è dotato di Centro Benessere interno che occupa interamente l’ultimo piano dell’Hotel, bar, salotto con caminetto e zona lettura, tre sale ristorante; tutti ambienti climatizzati.

Un favoloso “itinerario di piacere e coccole” in 12 tappe, che utilizza tutti i benefici dell’acqua termale sotto forma liquida, di vapore e di ghiaccio.

Offerte e pacchetti benessere alle Terme di Acqui

Ecco qualche proposta per rilassarsi e “rinascere”.

Il percorso olistico “Bagno delle Sorgenti” è un’esperienza speciale, indimenticabile, ed è uno dei fiori all’occhiello dell’offerta di rituali wellness firmati Spa del Lago delle Sorgenti: durata del percorso: circa 3,5 – 4  ore. Comprende 12 tappe nelle quali si sfruttano tutti i benefici dell’acqua termale sotto forma liquida, di vapore e di ghiaccio. Prezzo: lunedì, mercoledì, giovedì € 39,00 mentre il venerdì, sabato, domenica e giorni festivi € 45,00

Al percorso “Bagno delle Sorgenti” si può affiancare il percorso “Hanakasumi” che comprende un massaggio orientale della durata di 55 minuti, un’esfoliazione delicata e profumata, effettuata con un prodotto dalla texture vellutata a base di polvere di riso e papaia. Segue poi un modelage rilassante, effettuato con burro di karité tiepido, dove il corpo viene avvolto in una nuvola inebriante, grazie alla fragranza dei fiori di ciliegio. In settimana il costo è di € 127,00 il sabato e domenica € 133,00.

Condividi con un amico