Allergie: tutti i consigli che non sapevi

Con l’arrivo della primavera si apre la stagione critica per milioni di persone, graminacee, parietarie e polline sparsi nell’aria rendono la vita difficile e a partire dalle piccole attività quotidiane. Le allergie colpiscono tutti, indipendentemente dall’età e dal sesso e alcuni di loro è soggetta ad allergeni perenni tutto l’anno.

I sintomi più comuni sono starnuti a ripetizione, prurito e bruciore agli occhi, lacrimazione e naso chiuso. Il rimedio più diffuso e consigliato dai medici sono i farmaci antistaminici (leggi quelli naturali) per difendersi dalle allergie primaverili, in pochi sanno che esistono trucchi e segreti efficaci per godersi meglio la primavera.

Passeggiare con il fresco

In primavera in tanti si godono passeggiate all’aria aperta, ma coloro che soffrono di allergie sono limitati ad orari ben precisi. Questo perchè la luce solare produce maggiori quantità di polline sule piante unite alle polveri dell’atmosfera. Un mix deleterio per le persone, che si accentua con vento e arrivo della pioggia. I momenti migliori per uscire di casa?

  • mattina presto
  • tardo pomeriggio
  • dopo cena
  • dopo le piogge

Lavarsi spesso il viso

Durante la stagione dei pollini è bene lavarsi il viso più volte al giorno con l’acqua fresca (ideale un bel bagno di acqua fredda con i suoi molteplici benefici). L’acqua aiuta a rimuovere dalla pelle, dagli occhi e dalle mucose gli allergeni che si sono depositati.

L’acqua fredda, inoltre, favorisce la vasocostrizione dei capillari donando sollievo a occhi e naso. Un altro consiglio utile è spruzzare sul viso, con l’aiuto di un erogatore, dell’acqua termale (prolunga la sensazione di benessere e difesa da polline, polveri e graminacee).

Lavare il naso con acqua calda

Una manovra molto utile per alleviare i sintomi da allergie primaverili è lavarsi il naso con acqua bollita. Se non avete a portata di mano soluzioni isotoniche o ipertoniche già pronte, basta far bollire dell’acqua con il sale, lasciare intiepidire e provvedere a lavaggetti nasali.


Questa operazione aiuta a liberare i residui di polline e polveri dal naso donando un sollievo immediato e duraturo. Leggi anche tutti i benefici di bere acqua calda.

Non usare deodoranti e profumi

I soggetti allergici e sensibili a starnuti e naso chiuso dovrebbero evitare i deodoranti e profumi a spruzzo, preferendo i prodotti in lozione (meno residui nell’aria e meno fastidio ad occhi e naso). Molti profumi, inoltre, contengono alcaloidi, sostanze che esaltano la fragranza del prodotto e stimolano le terminazioni nervose del naso (già sensibili agli odori).

Non portare i capelli sciolti

I capelli sciolti trattengono più polveri e polline quando si è al’aria aperta. E’ consigliabile legare la chioma in una coda, una treccia o un elegante chignon (ed essere anche alla moda). Chi soffre di allergie dovrebbe lavarsi i capelli più spesso con sostanze delicate ma senza indebolirli.

Non mangiare fragole

I soggetti sensibili alle allergie primaverili devono stare attenti anche a ciò che mangiano. Alcuni alimenti, infatti, contengono delle sostanze presenti anche negli allergeni primaverili e quindi peggiorare la situazione. AD esempio, gli allergici a parietaria deve evitare di assumere:

  • melone
  • more
  • ciliegie
  • piselli
  • basilico

L’allergia alla betulla invece porta a diminuire in tavola il consumo di:

  • pesche 
  • albicocche
  • lamponi
  • mele
  • banane
  • nespole
  • carote
  • frutta a guscio
  • fragole

Sono soprattutto queste ultime a peggiorare i problemi di allergie stagionali, essendo insieme alle pesce il frutto più incriminato nelle allergie.

Calendario dei pollini

Come per le previsioni del tempo esiste il Meteo, così esiste per il polline un calendario che permette (in base alle località in cui si abita) di stabilire il tipo di di polline presente nell’aria e la sua concentrazione. In questo modo i soggetti allergici sanno meglio come orientarsi all’aria aperto sapendo per esempio quando fioriscono alcune piante e fiori:

  • marzo: fiorisce il cipresso e il ginepro (che colpiscono naso, bronci e congiuntivite)
  • aprile-maggio: graminacee (naso)

Vaccino

Oltre i segreti per convivere meglio con le allergie e alcuni farmaci specifici da assumere solo dopo una visita medica, c’è un altro rimedio efficace: il vaccino. Quest’ultimo, chiamato anche immunoterapia specifica, agisce in modo valido sul sistema immunitario modificando all’origine il decorso della patologia.

Questo rimedio è molto efficace, ma solo se si è costanti nella cura e soprattutto si conosce perfettamente il nome dell’allergene causa del disturbo. Prima di seguire questo trattamento, che consiste nella somministrazione in dosi crescenti dell’allergene incriminato, è importate eseguire esami specifici e una visita dall‘allergologo. 

Condividi con un amico