Amarene: proprietà, benefici e controindicazioni

Le amarene sono frutti molto simili alla ciliegia (ma con un colore più scuro e un sapore più acidulo) e molto utilizzati per la preparazione di liquori, confetture, marmellate e gelati. Le amarene sono molto amate dai pasticceri e dalle casalinghe esperte di dolci per la guarnizione di torte e crostate alla frutta.

In pochi sanno che le amarene contengono delle proprietà benefiche molto importanti per il benessere del corpo e per la salute. Scopriamole insieme.

Caratteristiche delle amarene

Le amarene abbiamo visto essere molto simili alle ciliegie, ma con un colore più scuro (rosso scuro), una forma più piccola e più tonda e un sapore più acido e amaro rispetto al frutto antistress per eccellenza. Le amarene si trovano soprattutto nella bella stagione (da aprile a luglio). Possono essere mangiate fresche, secche e in succo e concentrati.

Esistono diverse varietà di amarene, riconosciute dal sapore e dalla forma:

  • visciole: le più dolci con polpa di colore rosso intenso
  • marasche: dal sapore amaro e dalla polpa di colore quasi nero
  • amarene classiche: amare e di colore rosso chiaro

Le piante di questo frutto sono molto alte e più grandi del ciliegio, hanno bisogno di molta aria e luce e si adattano ottimamente ai climi mediterranei. Dell’amarena si utilizza tutto il frutto, dal gambo (peduncolo) soprattutto per decotti e infusi diuretici alla polpa e la buccia (adatte a confetture, liquori e guarnizioni per dolci) e le foglie (impieghi erboristici).

Le amarene sono molto ricche di flavonoidi, Vitamina A e Vitamina C, utili per il benessere della pelle (contro l’invecchiamento) e degli occhi. Le amarene sono utili anche per eliminare i liquidi in eccesso, per migliorare la salute intestinale, il metabolismo, per aumentare il senso di sazietà e sono indicate per coloro che seguono diete (grazie al basso carico calorico)

Benefici delle amarene

Le amarene ha un gusto molto buono e particolare. Si prestano bene ad essere assunte secche, fresche o miscelate in succhi, infusi, decotti e marmellate. I bambini in particolare adorano la marmellata di amarene. In qualsiasi modo le mangiamo, le amarene hanno le seguenti proprietà benefiche:

  • combattono l’insonnia (il succo aumenta la melatonina) e riequilibra il ritmo sonno-veglia
  • migliorano l’umore
  • migliorano l’elasticità della pelle
  • facilitano la diuresi
  • combattono l’invecchiamento cutaneo
  • combattono i radicali liberi (antiossidanti)
  • facilitano la diuresi
  • eliminano i liquidi in eccesso
  • curano la stipsi grazie al contenuto di fibre
  • migliorano la vista grazie alla vitamina
  • migliorano la pelle grazie alle vitamine che stimolano la produzione di collagene
  • curano la gotta (diminuendo l’acido urico)
  • migliorano la peristalsi
  • migliorano la digestione

Usi in cucina delle amarene

Le amarene non vengono mangiate come frutto fresco, a meno che non sono molto mature (il gusto si addolcisce). In genere vengono abbinate a dolci o inserite in sciroppo, confetture e succhi. In cucina le amarene hanno svariati usi:

  • mostarda
  • marmellata per guarnire torte e crostate
  • birra belga
  • maraschino
  • sciroppi
  • frutta candita
  • gelati
  • liquore alle amarene
  • vino di visciole marchigiano

Le amarene trovano largo impiego anche in erboristeria. Le foglie del frutto sono, infatti, utilizzate per la preparazione di infusi e sciroppi contro l’insufficienza renale, la cistite e per favorire la diuresi. Le amarene sono ottime anche per ripristinare e purificare il colon e per i dolori da artrite (sono un buon antinfiammatorio naturale). Per lavarle basta metterle sotto l’acqua corrente per qualche minuto.

Per conservarle, invece, le amarene possono mantenersi per massimo 2/3 giorni nello scompartimento della frutta in frigo (leggi anche come conservare nel modo giusto frutta e verdura).

Controindicazioni delle amarene

Le amarene possono essere mangiate tranquillamente da tutti (con particolare attenzione nei bambini perchè sensibili alle allergie come per kiwi e fragole). Non ci sono particolari controindicazioni del frutto, che deve essere evitato solo dai soggetti allergici.

Condividi con un amico