Che cos’è la BIA?

La bioimpedenziometria (BIA) è una tecnica medica standardizzata che permette di valutare la composizione corporea.

La valutazione prevede l’utilizzo di uno strumento, il bioimpedenziometro, da cui si origina una corrente elettrica. Lo strumento misura la resistenza che il corpo oppone (la bioimpedenza) al passaggio della corrente elettrica e, a seconda dei dati ricevuti, produce risultati informativi per la valutazione della composizione corporea.

La BIA è una delle tecniche di valutazione che permette di stimare lo stato di salute, lo stato di nutrizione del paziente e il fabbisogno energetico. Infatti è una tecnica utilizzata spesso dai nutrizionisti per valutare oggettivamente le esigenze del paziente al fine di impostare un piano nutrizionale adeguato.

Cos’è l’analisi della composizione corporea

L’analisi della composizione corporea serve agli specialisti ottenere una serie di informazioni sul soggetto per la valutazione del suo stato di salute in generale. Viene utilizzata questa tecnica di valutazione frequentemente in:

  • ambito sportivo: per studiare la prestazione sportiva a seconda delle stato di salute
  • nutrizionale: per rapportare stato di salute e fabbisogno energetico

Prevede la valutazione di  varie componenti corporee:

  • Massa grassa (FM): indica la quantità totale di lipidi presenti nell’organismo. Il range di riferimento di FM nell’uomo è di circa il 15% rispetto alla massa totale corporea.
  • Massa mangra (FFM): con questo valore si intende tutte le componenti dell’organismo massa muscolare, acqua, mineralizzazione ossea. Lo specialista in nutrizione valuta questo parametro rapportandolo al peso corporeo per gestire in maniera ottimale il paziente. Questo valore è in opposizione alla valutazione della FM, quindi il range di riferimento è dell 85% rispetto alla massa totale corporea.
  • Body cell mass (BCM): è la massa dell’organismo che ha attività metabolica, quindi sono compresi i compartimenti corporei che svolgono funzioni che comportano consumo energetico tramite lavoro cellulare, scambio di nutrienti e di ossigeno.
  • ICM: è la massa inerte dell’organismo, la componente che non svolge processi metabolici.
  • TBW: è l’acqua totale corporea, è il 60 – 62% del peso. È il riferimento maggiore della FFM.
  • ICW: è l’acqua intracellulare, rappresenta circa il 60% dell’acqua totale. Valutando il compartimento intracellulare rappresenta la massa metabolicamente attiva dell’organismo
  • ECW: è l’acqua extracellulare, rappresenta circa il 40% dell’acqua totale.

A che serve la BIA?

La BIA quindi sfrutta la capacità dell’organismo di impedire il passaggio di corrente elettrica fornita dallo strumento.

Si basa sul principio che la massa magra essendo ricca d’acqua permette una conduzione maggiore della corrente elettrica che, al contrario, subirà una frenata nei tessuti ricchi di lipidi.

Di conseguenza, se il paziente ha una quantità importante di massa grassa, l’impedenza sarà maggiore, se il paziente ha una quantità maggiore di massa magra rispetto alla grassa, la corrente fluirà più velocemente e l’impedenza sarà minore.

Come viene fatto l’esame

L’esame viene eseguito dal nutrizionista, o comunque da uno specialista sanitario, con il paziente in posizione supina. Vengono applicati al paziente 4 elettrodi su dorso delle mani e dorso dei piedi che sono collegati a dei fili conduttori.

Dopo aver inserito i dati del paziente, il macchinario produrrà una corrente elettrica che confluirà nell’organismo. Il bioimpedenziometro valuterà la differenza di intensità tra la corrente entrante e la corrente uscente, il rapporto ottenuto indicherà l’impedenza del corpo in esame.

Sulla base di questo esame il medico valuterà:

  • disidratazione del soggetto
  • temperatura corporea
  • attività fisica svolta

Vantaggi della BIA

La BIA offre all’operatore dati accurati e precisi sullo stato di salute del paziente.

Ha numerosi vantaggi:

  • l’esame non è invasivo, veloce e indolore
  • non ha bisogno di una grande manualità ed esperienza per essere eseguito
  • permette una valutazione precisa dello stato del paziente
  • permette la valutazione dello stato di idratazione del soggetto

Condividi con un amico