Il caffè di cicoria fa bene?

Il caffè di cicoria viene spesso utilizzato a colazione in alcune diete, come ad esempio la dieta Mozzi (o dieta del gruppo sanguigno) per disintossicare l’organismo. Quali sono le sue proprietà? Il caffè alla cicoria fa bene?

La cicoria sin dall’antichità è stata utilizzata e apprezzata per le sue proprietà terapeutiche, in particolar modo depurative per sangue e fegato (gli Egizi ne facevano largo uso) consumandone le foglie crude o cotte in diverse preparazioni; della cicoria però non si butta niente e così le radici essiccate vengono utilizzate per preparare il caffè di cicoria, un’alternativa al caffè tradizionale che sembra trarre origine nella Francia napoleonica.

Molto diffuso nella cultura contadina e nel dopoguerra come surrogato del caffè (raro e costoso) il caffè di cicoria è stato apprezzato sempre più perchè è in grado di stimolare il sistema nervoso e favorisce la digestione.

Come si prepara il caffè di cicoria?

Il caffè alla cicoria dal caratteristico aroma tostato si può preparare sia come un caffè tradizionale utilizzando la moka che come un infuso utilizzando l’acqua calda. In commercio (erboristerie e negozi specializzati) sono disponibili preparati a base di cicoria essiccata e triturata (o solubile) già pronti all’uso ma, avendone la possibilità, si può autoprodurre il caffè raccogliendo ed essiccando le radici di cicoria.

La prima cosa da fare è ovviamente reperire le radici fresche che vanno pulite e lavate per bene, tagliate a rondelle e messe ad essiccare su una griglia in un luogo caldo e asciutto o, in alternativa, usando il forno riscaldato a 50 gradi, inserendole con lo sportello mezzo aperto per mezz’ora al giorno fino a quando non risultano completamente secche.

Una volta essiccate le radici di cicoria vanno triturate o macinate come se fossero dei chicchi di caffè e pronte per la preparazione:

  • in moka bisogna ricordarsi di riempire il filtro a metà
  • in acqua calda versare un cucchiaio di cicoria, portare ad ebollizione, lasciare in infusione per qualche minuto e filtrare con un colino

Il caffè alla cicoria fa bene?

La radice di cicoria con cui si prepara il caffè è ricca di colina, sali minerali, vitamine del gruppo B, C, K, P, tannino ed inulina, quest’ultima è una fibra molto importante per favorire l’equilibrio della flora batterica intestinale ma allo stesso tempo rende la cicoria poco indicata se si soffre di gastrite o di ulcera.

Il caffè alla cicoria stimola la digestione ma così come il caffè contiene una percentuale di caffeina per cui se si soffre poi di insonnia è bene evitarlo la sera; anche l’attività nervosa è stimolata dalla bevanda alla cicoria che migliora la concentrazione e le capacità mentali in generale.

La radici della cicoria con cui si prepara il caffè sono anche ricche di sostanze zuccherine e amare, oltre che alcuni derivati dell’acido caffeico che gli conferiscono proprietà disintossicanti e depurative stimolando soprattutto l’attività di fegato e reni.

Condividi con un amico