Capsaicina: elisir di buona salute

capsaicina

Se siete amanti del sapore speziato e piccante del peperoncino, sappiate che, non solo questo ingrediente rende i piatti più gustosi e speciali, ma la capsaicina contenuta al suo interno offre numerosi benefici all’organismo.

Molti ricercatori scientifici sono sempre più sicuri nell’affermare che la capsaicina ha tutte le qualità per rivoluzionare i tradizionali metodi di trattamento in medicina. Vediamo come funziona questa sostanza e quali sono le sue proprietà.

Cos’è la capsaicina?

La capsaicina pura è un composto chimico che si trova principalmente nelle spezie piccanti; non contiene calorie, né nutrienti addizionali. È stato dimostrato che essa aiuta a mantenere sotto controllo il peso e dona sollievo dal dolore cronico.

Una volta che questa sostanza si lega ad un particolare ricettore (chiamato TRPV1), il cervello viene informato della presenza di lesioni o ustioni e inizia a sviluppare una leggera infiammazione in grado di riparare il danno cellulare. È grazie a questa reazione che si manifestano tutti gli effetti positivi della capsaicina.

Benefici della capsaicina

Diminuisce gli episodi di mal di testa a grappolo

La capsaicina si rivela particolarmente efficace nel trattare i fastidi del mal di testa a grappolo. A differenza delle emicranie o dei mal di testa da tensione, questo specifico disturbo provoca un dolore molto più intenso.

Esistono diversi accorgimenti, relativi allo stile di vita e alla dieta, che possono alleviarne i sintomi, compresa l’applicazione di una crema a base di capsaicina. Ripetendo regolarmente l’operazione, i soggetti affetti da mal di testa a grappolo sperimentano una riduzione della comparsa dei sintomi.

Allevia il dolore

Utilizzare la capsaicina in capsula contro il dolore è una pratica abbastanza comune. Ancora non si conosce esattamente il motivo della sua efficacia, nonostante la ricerca scientifica stia facendo passi da gigante per svelare tutti i misteri legati a questa sostanza.

Pare che la capsaicina sviluppi i suoi poteri analgesici grazie alla capacità di attivare il recettore TRPV1, responsabile del rilascio di un neurotrasmettitore chiamato sostanza P. Le creme contenenti capsaicina sono spesso utilizzate per trattare osteoartrite, artrite reumatoide e dolore alle giunture.

Di recente, studi medici stanno tentando di trovare un modo per iniettare capsaicina purificata direttamente nella cartilagine e nei tendini, per ridurre significativamente il dolore provocato dalle lesioni.

Tratta la psoriasi

La capsaicina tratta notevolmente molte condizioni della pelle, inclusa secchezza, prurito e psoriasi. La sostanza P, stimolata proprio dalla piomata di capsaicina, sembra giocare un ruolo fondamentale al riguardo. Anche in questo caso, l’applicazione di una crema a base di capsaicina è in grado di bloccare la diffusione della psoriasi.

Aiuta a gestire il diabete

Come numerosi altri cibi benefici, anche la capsaicina riesce a prevenire e trattare il diabete. Una dieta ricca di alimenti che contengono questa particolare sostanza stabilizza il livello di zucchero nel sangue e migliora la reazione dell’insulina, sia nelle donne che negli uomini. Le condizioni dolorose associate al diabete possono essere invece trattate con una crema, sempre a base di capsaicina.

Aiuta a gestire il peso

Le persone che stanno tentando di perdere peso riscontrano risultati positivi da una dieta che include alimenti contenenti capsaicina. Ingerire cibi piccanti viene associato al mantenimento del giusto peso forma.

Ciò avviene perché questa sostanza accelera il metabolismo, aiuta a bruciare i grassi e stimola il senso di sazietà. La capsaicina è un valido alleato anche per chi sceglie di abbinare la dieta ad una regolare attività fisica: essa migliora infatti la performance atletica e aumenta la resistenza del corpo.

Come assumere la capsaicina

Il modo più semplice di assumere la capsaicina nell’organismo è quello ingerire cibi che ne contengono: ad esempio, tutte le varietà di peperoncino, tranne il peperone. Se non si è abituati a mangiare alimenti piccanti, è bene iniziare con una quantità moderata per dare alle papille gustative il modo di prendere confidenza con quel particolare sapore.

Un altro ingrediente in grado di fornire un buon apporto di capsaicina è il pepe di cayenna. È inoltre possibile trovare in commercio, nelle migliori erboristerie fisiche e online, creme e integratori a base di capsaicina.

Generalmente, la quantità di capsaicina che si trova nei cibi risulta sicura da consumare. Tuttavia, esistono casi di nausea, dolori allo stomaco, diarrea e altri problemi legati alla digestione provocati proprio da questa sostanza. Attenzione inoltre ad eventuali episodi di allergia: si consiglia di monitorare tutte le eventuali reazioni che possono scatenarsi dopo l’assunzione di capsacina, sia oralmente che in modo topico.

Alessandra Montefusco
Ho una laurea magistrale in Teoria dei linguaggi e sono appassionata di rimedi naturali e cosmetica ecobio sin dall’adolescenza. Per questo cerco sempre di tenermi aggiornata sulle ultime novità del settore e sulle potenzialità dei prodotti che madre natura ci ha donato. Mi occupo di comunicazione e lavoro nel settore degli audiovisivi. Amo la musica - mia grande passione - la letteratura, il cinema, le passeggiate all’aria aperta e…il cibo!