Che antipatico il raffreddore. Ecco alcuni semplici consigli casalinghi

Il raffreddore in questo periodo di “cambio di stagione” ci colpisce, purtroppo, inesorabilmente. Durante una serata di “chiacchiere tra amiche”, confrontandoci, ci siamo scambiate i rimedi suggeriti dalle nostre nonne contro l’antipatico raffreddore.

I consigli più gettonati sono:

  • L’idratazione dell’organismo. Durante il giorno bevete spesso liquidi, ma evitate le bevande gassate. L’ideale sono le spremute d’arancia, l’acqua calda arricchita con miele, che si può sciogliere anche nel latte bollente o nel tè.
  • Lo stomaco caldo. Quando siete in casa, non abbandonate mai la borsa dell’acqua calda (molto comode quelle con la spina, l’attacchi alla corrente e in 30 secondi è bollente!).
  • Naso idratato. Sotto le narici spalmate del balsamo all’eucalipto (o una crema, l’importante che sia molto nutriente e idratante). Inspirando avrete sollievo ed eviterete le screpolature.

Poi, perfetti i summifugi: sciogli un cucchiaio di bicarbonato in una pentola d’acqua bollente e con un asciugamano sulla testa, inspirane il vapore fino a quando il tutto è freddo. I summifugi si possono anche fare sciogliendo nell’acqua bollente un pugno di sale grosso o un’abbondante dose di peperoncino o polvere di zenzero (il detto è “tanto quando riesci a sopportarne …”). Eventualmente si possono aggiungere nell’acqua calda alcune gocce di olio essenziale di menta, eucalipto, pino o timo. Anche quando andate a dormire tenete il pentolino bollente sul comodino. Durante la notte inspirerete i vapori sprigionati dall’acqua arricchita di essenze.

Usate i tamponi: bagnate un fazzoletto di stoffa in acqua molto calda, sdraiatevi e tenetelo sul naso, fino a quando si sarà raffreddato.

Per almeno due sere, prima di coricarvi bevete a scelta:

  • una tazza di decotto preparato con 5 cardamomi, 5 chiodi di garofano, 1 cucchiaino di cumino, mezzo bastoncino di cannella, 5 grani di ginepro, 20 gr. di zenzero. Far bollire per 10 minuti, filtrare, bere caldo con l’aggiunta di un cucchiaio di miele d’eucalipto.
  • un bicchiere di vin brulé bollente. Preparatelo scegliendo del vino rosso di buona gradazione (consiglio il Cerasuolo, il Nero d’Avola, il Morellino di Scansano). Arricchitelo con un pezzo di cannella, qualche chiodo di garofano e grano di coriandolo, scorza di limone e d’arancia, zucchero a piacere. Preparazione: fate bollire il vino con la cannella, poi aggiungere il resto degli ingredienti e fate macerare qualche minuto il composto. Alla fine filtrate e bevete ancora caldo.
  • un bicchiere di vino bianco con il succo di due limoni
  • latte caldo con una manciata di peperoncino oppure con del rhum
  • un bicchiere di limonata calda
  • una bevanda con succo di cipolla rossa (la grattugiate e ne otterrete il succo) e addolcito con un cucchiaino di miele. Un’altra ricetta è: succo di cipolla rossa in 300 ml d’acqua arricchito con pepe di Caienna (possibilmente fresco), filtrare e bere più volte al giorno
  • una tazza di brodo caldo di pollo arricchito con tanto sedano

Ultimi consigli: ponete un pizzico di pepe di Caienna su un pezzo di carta, avvicinatelo al naso e inspirate. Questo sembra avere un potente effetto antisettico, liberando il naso grazie agli starnuti. Se siete golosi: mangiate un quadratino di cioccolata fondente al peperoncino.

Infine un ultimo suggerimento, dormite con due cuscini sotto alla testa. La posizione rialzata vi permetterà di respirare meglio durante la notte.





Condividi con un amico