Collirio naturale

Con l’estate, il sole, la salsedine, la sabbia e le allergie aumentano i fastidi agli occhi ed ecco che bisogna ricorrere ai fatidici colliri. Quando i nostri occhi hanno bisogno di essere leniti da fastidi, pruriti e bruciori meglio optare per un trattamento naturale.

Oltre alle cause legate all’estate, gli occhi possono subire danni anche per un’eccessiva esposizione ai pc, tablet e smatphone (vedi rischi luce blu). In questi casi l’intervento tempestivo con i rimedi naturali è la scelta più efficace.

I colliri naturali sono la scelta migliore per l’irritazione oculare. I colliri naturali sono benefici, efficaci e soprattutto non hanno controindicazioni e rischi di effetti collaterali. Scopriamo insieme i principali colliri naturali adatti ai nostri occhi.

Eufrasia per un’azione antinfiammatoria

Sono i fiori dell’Eufrasia a svolgere un’azione decongestionante. Cosa cura l’Eufrasia? I fiori e le foglioline sono ricchi di flavonoidi e sono indicati per:

Grazie al contenuto di tannini, l’Eufrasia ha la capacità di disinfettare ed astringere i tessuti. In commercio esistono diversi colliri naturali a base di Eufrasia per lenire ed alleviare i sintomi. E’ possibile anche creare da soli degli infusi a base di fiori di Eufrasia.

Una volta immersi i fiori nell’acqua e portati ad ebollizione, lasciare raffreddare ed applicare sugli occhi arrossati con un batuffolo di cotone.


Camomilla

Conosciamo già i vari effetti della camomilla. Uno di questi è il suo utilizzo per gli occhi soggetti ad irritazione ed infiammazione. La camomilla viene usata per:

  • occhi gonfi
  • occhi arrossati
  • occhi stanchi

La camomilla ha un’azione addolcente e calmante sia per le mucose, sia per le zone oculari che perioculari. Come visto per l’Eufrasia, anche per la camomilla possiamo preparare un infuso da applicare sugli occhi dopo che si è raffreddato. L’importante è usare delle garze sterili.

Un’opzione è quella di mettere i sacchetti di camomilla dopo l’ebollizione in freezer e successivamente applicarlo sugli occhi almeno 2/3 volte al giorno.

Fiordaliso

Il fiordaliso ha un’azione idratante per gli occhi grazie al contenuto di flavonoidi e pectina, Sulla zona oculare forma un vero e proprio scudo protettivo e favorisce l’idratazione profonda delle mucose. L’acqua di fiordaliso è indicata per:

  • disidratazione oculare
  • secchezza oculare
  • stanchezza agli occhi

E’ possibile trovare in erboristeria direttamente il collirio naturale a base di fiordaliso, oppure creare un infuso a casa fai da te come visto per la camomilla e l’eufrasia. Applicare l’acqua di fiordaliso sul contorno occhi significa donargli lucentezza, morbidezza e un effetto schiarente.

Altea

Anche l’altea come il fiordaliso è particolarmente indicata per stanchezza e secchezza oculare. Molto efficace anche nei casi di prurito e bruciore degli occhi a causa del sole, allergie o condizioni climatiche avverse (come vento e polvere).


Applicare il decotto di altea sugli occhi per avere un effetto emolliente, idratante e rinfrescante. E’ consigliato umettare sia la parte interna che esterna dell’occhi per favorire un beneficio totale. L’altea forma una barriera gel protettiva che agisce come una barriera per proteggere gli occhi.

Come eliminarlo? Semplicemente con l’acqua di fiordaliso. I colliri naturali sono un ottimo rimedio contro i fastidi di stagione che attaccano gli occhi. Consigliatissimo anche la sinergia degli stessi prodotti che possono essere usati insieme per trattare le zone colpite da pruriti e rossori.

L’uso di colliri naturali non provoca effetti collaterali, è sconsigliato solo in casi di allergie al composto  naturale. Chiedere il parere del medico.

Condividi con un amico