Come curare la cistite in modo naturale?

Il termine cistite indica infiammazione della vescica;  per molte donne è un disturbo frequente che si manifesta principalmente con bruciori, urgente necessità di urinare e fastidiosi dolori al basso ventre, soprattutto nei cambi di stagione, a causa degli sbalzi di temperatura.

La causa principale dell’ infiammazione è un batterio, l’Escherichia coli che inizia a proliferare nella vescica, generando l’infezione.

Vediamo allora come orientarsi tra le cure possibili della cistite. Potete scegliere tra cure farmacologiche (consigliate solo nei casi più gravi, rivolgendovi al medico di famiglia) e cure naturali che a differenza degli antibiotici, non debilitano l’organismo e non creano problemi a fegato ed intestino, i primi a risentirne in questi casi.

Rimedi naturali per la cistite

Ci sono degli ottimi integratori naturali che possono realmente risolvere l’infiammazione ed eliminare il temuto batterio.

D-mannosio

Uno dei migliori, anche se ancora poco conosciuto è il D-mannosio, (uno zucchero estratto dalla pianta della betulla o dal larice) che viene assunto oralmente in un bicchiere d’acqua 2 o più volte a giorno, a seconda delle necessità, e si assume a digiuno con la vescica svuotata. Le dosi utili sono 500/1.000 mg .

La forza di questo “zucchero” sta nel fatto che i batteri presenti nelle urine si legano tenacemente ad esso e vengono quindi eliminati con lo stesso quando si urina. Per consentirne al meglio l’azione “pulente” è bene non bere e non mangiare l’ora successiva alla sua assunzione. Può inoltre essere assunto anche per lunghi periodi ( in caso di cistite cronica)  senza controindicazioni anche perché è uno zucchero che viene difficilmente metabolizzato dal corpo quindi non induce  aumenti di glicemia.

Mirtillo rosso

Altro rimedio naturale ed efficace è il mirtillo rosso americano (Cranberry). Le sue bacche sono utilissime nel ridurre il rischio di cistiti ricorrenti, con dosaggi di almeno 500 mg al giorno e anch’esso rendere più difficile l’adesione dei batteri alle pareti della vescica e ne favorisce l’espulsione con l’urina.

Probiotici

Si è potuto constatare che di frequente l’Escherichia coli e altri batteri proliferano a causa della migrazione dall’intestino alla vescica. Quindi se l’intestino risulta essere privo di quella naturale flora batterica , necessaria per controllare i microrganismi nocivi, sarà necessario agire prima su questo organo. E’ utile in tali casi fare una cura di probiotici per qualche settimana. Esistono anche quelli dedicati proprio alla flora genitale, per aumentarne le difese.

Tisane

Specifiche azioni benefiche sono poi svolte da principi attivi estratti da piante ad azione diuretica e disinfettante. Così per velocizzare la guarigione si consiglia di assumere tisane che contengano ( in estratto secco)

  • Equiseto, dalle proprietà diuretiche e rimineralizzanti
  • Ortica, diuretico e potente antinfiammatorio
  • Mirtillo, con proprietà diuretiche, antiossidanti e disinfettanti delle vie urinarie
  • Corbezzolo, disinfettante e antinfiammatorio, spesso prescritto proprio come rimedio naturale per la cistite
  • Echinacea, importante per le sue caratteristiche immunostimolanti, che protegge dall’attacco di batteri e virus.
  • Ce ne sono ancora altre come la pilosella, il carciofo, l’asaparago dalle proprietà prettamente diuretiche. Chiedete una miscela ad hoc al vostro erborista.

Dunque questi i rimedi naturali più efficaci. Buona guarigione!

Condividi con un amico