Come fare lo yogurt in casa?

Bianco, cremoso, invitante, lo yogurt è ideale per qualsiasi momento della giornata, dalla prima colazione fino al dopocena.

I benefici dello yogurt

L’etimologia di tale antichissimo prodotto, deriva dal turco yogumark, che significa “mescolare con un utensile”. Molto presto, si pensa fin dalla preistoria, lo yogurt è divenuto parte fondamentale di una sana alimentazione grazie al suo contenuto di fermenti lattici, che garantiscono una buona azione antinfettiva e antitossica, agendo contro i germi dannosi per l’intestino. I microbi vivi dello yogurt non stimolano solo l’attività dell’intestino, dimostrandosi così, un validissimo rimedio contro la stitichezza, ma contribuiscono a riequilibrare la flora batterica e sono utilissimi anche perchè potenziano il sistema immunitario.

Lo yogurt ha una marcia in più rispetto al latte: è molto più digeribile.

Perchè? Perchè, pur mantenendo del latte, la gran quantità di calcio e di proteine, queste vengono più facilmente digerite grazie al suo elevato grado di acidità. I protagonisti della trasformazione del latte in yogurt sono due batteri, lo Streptococcus thermophitus e il Lactobacillus bulgaricus, i quali si sviluppano e trasformano il lattosio in acido lattico che, a sua volta, fa addensare il latte in fiocchi dando allo yogurt la classica consistenza densa.

Perchè preferire lo yogurt fatto in casa

In commercio, oggi, se ne trovano di tutti i tipi: bianco, bianco senza zuccheri aggiunti, con pezzi di frutta, con pezzi di cioccolata, da mixare con croccantini etc…
Ma tutti questi vasetti così invitanti, quanta strada fanno prima di arrivare sulle nostre tavole? Probabilmente tanta e così, molti dei fermenti probiotici (la parte più salutare dello yogurt!) non sopravvivono.

Ecco allora che produrre da sé lo yogurt, diviene qualcosa di davvero vantaggioso per la nostra salute. È facile, economico e soprattutto potrete sbizzarrirvi nel creare mille gusti diversi o semplicemente, arrivare a produrre questa squisita crema dandole grado di densità e acidità che più preferite.
Ultimo vantaggio, ma non per importanza, della produzione casalinga, è sicuramente legato al rispetto dell’ambiente, visto che molti meno vasetti monouso andranno ad ingombrare le vostre pattumiere.

Come preparare lo yogurt


Lo yogurt lo si può preparare sia avendo a disposizione una yogurtiera sia non avendola. Alla base della preparazione vi è l’azione di unire latte e fermenti, provenienti da qualche cucchiaino di yogurt o anche liofilizzati che troverete in farmacia o in negozi di alimentazione naturale.

Con la yogurtiera

ingredienti:

• 1 litro di latte
• 1 barattolino di yogurt o fermenti liofilizzati

Unite i fermenti o lo yogurt al latte, se usate del latte fresco, fatelo prima bollire e raffreddare.
Con un frullino sbattete bene fino ad avere un composto liscio senza grumi.
Riempite i vasetti della yogurtiera, ma non fino all’orlo.
Chiudete i vasetti e disponeteli nella macchina, attaccate la presa e regolate la quantità delle ore.
Una volta scaduto il tempo, mettete i vasetti subito in frigorifero.

Senza la yogurtiera

ingredienti:
• 1 litro di latte
• 1 barattolino di yogurt o fermenti liofilizzati

Mescolate il latte e lo yogurt o i fermenti liofilizzati senza creare grumi.
Versate il composto in una bottiglia di vetro la quale tapperete ermeticamente.
Inserite la bottiglia in un calzettone di lana e sistematela vicino ad una fonte di calore. La temperatura adatta è di 37°.
Una volta scaduto il tempo (dalle 8 alle 12 ore), mettete subito lo yogurt in frigorifero.

Consigli

Per regolare l’acidità è da ricordare che più si lascia al caldo il composto, più questo risulterà acido. Per un gusto più dolce sono consigliate le 8 ore, per uno più acidulo, circa 12.
Per regolare la densità, adoperate un latte intero per uno yogurt più denso, se lo desiderate fluido e più magro, adoperate un latte interamente scremato.

loading...
loading...





Condividi con un amico