Cibi contro l’artrosi: cosa evitare e cosa mangiare

2.087 views
dieta artrosi

Di artrosi ne soffrono circa quattro milioni di Italiani, anche se pochi ne parlano. È una malattia cronica degenerativa che colpisce le articolazioni, il rivestimento delle giunture e la cartilagine. Ne sono interessate le mani, le ginocchia, la schiena, le spalle, i gomiti e l’anca principalmente e ne risentono le persone sopra i 45 anni.

Non esiste una sola causa, ma un insieme di fattori che possono portare a questo disturbo. Ci può essere una predisposizione familiare, può essere adibito ad uno stile di vita sedentario, a problemi di obesità. Le donne, in genere, sono quelle più colpite soprattutto dopo la menopausa.

Secondo alcuni studi esiste una dieta anti-artrosi, un modo corretto di alimentarsi che può metterci al riparo da problemi fastidiosi e in alcuni casi invalidanti. È cosa nota, ormai, che una giusta alimentazione è fondamentale sin dalla giovane età per evitare malattie legate a disfunzioni metaboliche e problemi infiammatori annessi.

Anche se risulta difficile, una volta a tavola, fare una selezione dei cibi che si possono e che non si possono mangiare, è una cosa che va fatta se si vuole un organismo sano. In generale gli elementi da evitare sono: carne, farine raffinare e grassi in eccesso. Esistono alcuni cibi che aiuterebbero a prevenire disturbi gravi come:

  • Le crucifere (cavoletti di bruxelles, cavoli, ravanelli) sono ricche di solforafano, un componente che svolge un’azione benefica per artrite e artrosi, bloccando gli enzimi responsabili della distruzione delle articolazioni.
  • La verdura a foglia verde è tra gli ortaggi più ricchi di omega 3, ottimi per la riduzione dell’infiammazione articolare
  • I frutti rossi (frutti di bosco, mirtilli, prugne) sono ricchi di antiossidanti, utili nel contrastare lo stress ossidativo associato alle malattie reumatiche
  • I cereali integrali non raffinati hanno proprietà antinfiammatorie e sono ricchi di sali minerali.
  • L’ olio extra-vergine di oliva: ha una potente azione antinfiammatoria
  • Il tè verde: ricco di epigallocatechina gallato, vanta un effetto antinfiammatorio. Riduce il danno alla cartilagine e l’erosione delle ossa
  • La cucurma: è una pianta erbacea dal potente effetto antiossidante e antinfiammatorio impiegato per i dolori articolari, artrite e artrosi
  • Le alghe: ricche di antiossidanti, minerali e vitamine, le alghe sono utili nella prevenzione dell’artrosi, favorendo peraltro la riduzione del dolore e migliorando la facilità di movimento

Quali sono i cibi alleati contro l’artrosi e quali i nemici?

Gli zuccheri semplici vanno sostituiti con carboidrati complessi come cereali integrali ricchi di fibre. Pomodori, patate, peperoni e melanzane non sono indicati perché contengono solanina, una sostanza infiammatoria. Da ridurre anche i latticini pieni di grassi saturi. I vegetariani sono favoriti perché evitando la carne, sono meno esposti al rischio artrosi. Ancor meglio se scelgono verdure della famiglia delle crocifere e se consumano farine integrali, poco sale.

Molto importante è inserire nell’alimentazione una buona dose di antiossidanti, pesce, frutta secca, frutti rossi, spezie e alcuni tipi di verdure (broccoli, cavolfiori, zucca, finocchi, rapanelli). L’ananas è molto consigliato in questi casi poichè contiene bromelina, vanno bene anche le mele, le fragole, i lamponi, i mirtilli.

Una dieta amica delle articolazioni esclude carne, formaggio, latte, tuorlo d’uovo e il pesce solo due volte a settimana. Legumi a volontà: sono un’ottima fonte di proteine di origine vegetale.

Consigli utili da seguire con costanza

La dieta contro l’artrosi è semplice da seguire: tutti i pasti della giornata devono contenere molti elementi consigliati. Prima di inziare, però, bisogna dare il tempo al corpo di depurarsi: una settimana. Bisogna indicare un giorno di digiuno totale nel quale si dovrebbe bere tè verde a metà mattina e metà pomeriggio e un altro giorno si può aggiungere una bevanda antiossidante a colazione.

Dal quarto al settimo giorno si possono introdurre vari alimenti solidi: riso integrale con un goccio di olio, verdure, frutta. In ogni caso è buona regola tenere il peso sotto controllo e monitorare l’indice di massa corporea il quale garantisce la prevenzione di infortuni e l’integrità cartilaginea articolare.

Molti studi hanno dimostrato che l’acidificazione del liquido sinoviale porta ad un invecchiamento articolare. Un’alimentazione iper-proteica non sembra incidere particolarmente sull’acidificazione del sangue in quanto il plasma subisce spesso il tamponamento dei sistemi omeostatici.

Avatar
Nata nel 1990, si è laureata alla triennale di Editoria e Pubblicistica, ha proseguito gli studi con la Magistrale in Informazione, editoria e giornalismo e un Master in Comunicazione e Giornalismo di moda.E' giornalista pubblicista, Vicedirettrice del periodico “Altirpinia", collabora con varie riviste tra cui Fashion News Magazine e Chic Style. Social media manager e web copywriter. Ama la scrittura, la moda e gli animali.