8 false verità di bellezza che credevi vere

Esistono regole non scritte che seguiamo quasi automaticamente. Nel mondo beauty, molte di queste regole sono infondate, ma continuano a circolare aggiudicandosi una certa credibilità ampiamente riconosciuta.

A volte, le case cosmetiche giocano su queste credenze, spingendoci ad acquistare prodotti che in realtà non hanno sufficienti proprietà benefiche.

Non lasciamoci cogliere impreparati.

I prodotti cosmetici più efficaci sono quelli che costano di più

Non sempre un prezzo alto è sinonimo di qualità. Ci sono tanti altri motivi che giustificano il costo dei cosmetici, non necessariamente legati alla loro efficacia. Oggi, anche tra i prodotti di marche meno note e costose si trovano formulazioni composte da ingredienti e pigmenti molto validi.

Provare il fondotinta sul polso

È molto diffusa la teoria secondo la quale, per trovare la nuance di fondotinta perfetta per l’incarnato bisogna valutarne il colore spalmandone una piccola quantità sul proprio polso.

In realtà, il polso è una delle zone più chiare del corpo, quindi non è indicato per capire quale colore corrisponde il più possibile al nostro viso. Provate su altre zone: la parte superiore del braccio e la mascella, ad esempio, sono molto più indicate.

La pelle grassa non ha bisogno di idratazione

Spesso si sente dire che la pelle grassa, poiché già oleosa di suo, non ha bisogno di essere ulteriormente idratata con creme o altri prodotti. Sbagliato!

Anzi, non ricevendo la giusta idratazione dall’esterno, la pelle grassa è stimolata a produrre più sebo, rendendola lucida e oleosa. Usare una crema idratante senza olii aggiunti è la scelta migliore per trattare adeguatamente questo tipo di pelle.

La crema intorno agli occhi va applicata con l’anulare

La teoria dietro questo falso mito è che, poiché l’anulare è il dito più debole della mano, sarà applicata meno pressione su quella zona delicata. Non c’è però nulla di vero.

Innanzitutto, non è stato mai dimostrato che l’anulare sia il dito più debole di tutti gli altri. Inoltre, non importa la loro forza, ma come le dita vengono usate sul contorno occhi: l’importante è applicare la crema con tamponamenti leggeri, senza mai strofinare. Indipendentemente dal dito utilizzato.

Il dentifricio combatte l’acne

Il dentifricio contiene davvero sostanze in grado di seccare la pelle, come acqua ossigenata, mentolo e alcol. Sembrerebbe un ottimo trattamento contro i brufoli causati dall’eccesso di sebo, eppure questo mix di ingredienti è in grado solo di peggiorare la situazione. Il dentifricio può infatti irritare maggiormente una pelle già sofferente e soggetta ad acne.

Le cuticole vanno tagliate per avere unghie sane

Le cuticole formano una barriera protettiva tra le unghie e gli organismi esterni. Aprire queste frontiere con le forbici significherebbe creare una facile via di ingresso per batteri e funghi, aumentando il rischio di infezioni non solo nelle unghie stesse, ma in tutto il nostro corpo.

Inoltre, una volta tagliate, sarete poi costretti a continuare a rifarlo perché le cuticole recise tendono a crescere a brandelli poco piacevoli alla vista.

Macchie bianche sulle unghie indicano carenza di calcio

Quando le unghie crescono, le cellule spingono sulla matrice – la parte al di sotto delle cuticole – provocando la loro stessa rottura e rilasciando cisteina, che forma lo strato delle unghie.

Tuttavia, capita che esse non si rompano e le macchie bianche che vediamo sulla superficie delle nostre unghie sono proprio le molecole di cisteina intatte nelle cellule. Questo processo non ha nulla a che fare con la quantità di latte e formaggio che assumiamo, come spesso si pensa.

Accavallare la gambe fa comparire le vene varicose

Sedersi e accavallare le gambe non promuove la formazione di vene varicose. Al contrario, è il troppo stare in piedi il colpevole. Il problema spesso compare per fattori genetici o in persone che sono costrette a stare troppe ore senza sedersi.

Stare in piedi, infatti, obbliga il sistema venoso a svolgere un lavoro maggiore nel pompare il sangue dalle gambe al cuore. Se le valvole che gestiscono la direzione del flusso all’interno delle vene smettono di funzionare correttamente, può formarsi un piccolo grumo di sangue che renderà la vena più pronunciata e visibile, dando vita alla cosiddetta vena varicosa.

Condividi con un amico