Ho l’herpes labiale? Sintomi, cause e prevenzione

L’herpes simplex labialis, o volgarmente detto “febbre”, fa parte della famiglia degli alfa herpes virinae, di cui fa parte anche il virus varicella-zoster. Si può definire il virus perfetto perché, dopo la prima infezione che solitamente avviene da bambini anche in modo asintomatico o, all’opposto, con una gengivostomatite molto intensa e con febbre, rimane latente nel corpo e persiste per tutta la vita.

Una volta penetrato nell’organismo, il virus migra in senso centripeto, seguendo le terminazioni nervose e giungendo al midollo spinale. Si stabilisce così nei gangli dorsali, in maniera latente appunto, senza mostrare alcun segno o sintomo, e soprattutto senza poter essere attaccato dagli anticorpi del sangue.

In talune circostanze però, si manifesta e facendo il percorso inverso, raggiunge di nuovo la superficie cutanea dove si moltiplica e crea la tipica lesione da herpes. Quando termina questa fase di replicazione, il virus torna indietro nei gangli nervosi e si rimette “in letargo”, mantenendo così il ciclo vizioso che sta alla base dell’infezione.

E’ per questo motivo che dall’herpes non si guarisce in nessun modo e con alcuna cura farmacologica o altro, ma certamente lo si può dominare! E’ un’infezione dolorosa e si può manifestare in qualsiasi parte del corpo, ma generalmente colpisce le gengive, l’esterno della bocca, le labbra, il naso, le guance e le dita.

ATTENZIONE! Se da adulti il virus dell’herpes labiale è “innocuo”, nei lattanti può diffondersi a vari organi e indurre anche malattie gravi. Se il vostro bimbo, dunque, è colpito da herpes con febbre, rivolgetevi immediatamente al vostro medico.

Il virus dell’herpes è molto contagioso. Bisogna però prima distinguere i 2 tipi di herpes simplex:

Tipo 1. Si contrae nella prima infanzia, di solito mediante la saliva. Quindi attraverso baci, posate, bicchieri,…Non è ancora certo se si trasmetta senza la presenza di lesioni in corso, ossia si sta studiando se esistano dei portatori di virus “sani”, ma non si ha ancora la certezza di questo;

Tipo 2. Si propaga per via sessuale, infatti è responsabile dell’herpes genitale.

Come si manifesta l’herpes?

Generalmente, 12 ore prima della manifestazione vera e propria, nella parte che sarà poi interessata, si avverte un iniziale bruciore ed un insolito prurito che degenera in vescicole o pustole arrossate, raccolte a grappolo (dolore pungente e fastidioso).

Il contenuto è inizialmente limpido, poi diviene torbido. Il momento in cui si riempiono di pus è la fase maggiormente contagiosa del virus.

L’agglomerazione di più vescicole può dar luogo ad una lesione simil-bollosa e nel giro di 1 settimana, scoppiano e si forma una crosticina (preambolo della scomparsa dell’herpes). Non lascia normalmente segni o cicatrici.
Sebbene sia una malattia benigna, quando interessa o si propaga in parti del corpo delicate come gli occhi, è meglio una visita dal medico.

Cause e prevenzione dell’herpes

Essere in perfetta salute ed immunologicamente impeccabili, non garantisce la non manifestazione del virus. In media, avvengono 2-3 recidive l’anno del virus, in concomitanza con alcuni fattori di rischio (se le recidive arrivano a 6-8, meglio provare la vaccino-terapia. Consultare il medico):

  • l’eccessivo caldo o freddo,
  • lo stress e la stanchezza fisica e mentale (anche un cambiamento di orari, jet-lag o un’eccessiva attività-sforzo fisico) e un cattivo stato generale di salute,
  • il ciclo mestruale,
  • la gravidanza (variazioni ormonali),
  • un trauma locale,
  • un uso continuo di farmaci o una determinata malattia (influenza, raffreddore, febbre, sindrome influenzale, …) che indeboliscono il sistema immunitario,
  • disturbi gastrointestinali, eccessi alimentari,
  • eccessiva esposizione ai raggi UVA (al sole o a lampade abbronzanti),
  • il contatto con una persona affetta.

In realtà, non si può prevenire la comparsa dell’herpes simplex, tuttavia è possibile evitare tutti quei fattori di rischio che ne stimolano la comparsa, piuttosto che aiutare il nostro organismo ad essere “più forte”:

Evitare di sottoporsi a stress fisici (anche troppa attività sportiva o troppe attività concomitanti), stress psichici o situazioni che possono crearne

-Porre attenzione a possibili traumi sulle labbra o al volto

-Utilizzare creme protettive per volto e labbra ogni volta che ci si espone al sole (soprattutto in alta montagna o al mare in alta stagione)

-Arricchire l’alimentazione con frutta e verdura che rafforzano le difese naturali dell’organismo, grazie al loro alto contenuto di vitamina C: soprattutto verdure a foglia verde scuro, asparagi, cavoletti di Bruxelles, broccoletti (si consiglia di consumare infusi di rosa canina e karkadè, e propoli ed echinacea per via interna).

-Evitare gli zuccheri che indeboliscono il sistema immunitario. Assumere anche integratori alimentari

-Lavarsi bene le mani e rispettare le comuni norme igieniche

-Se si è soggetti all’herpes labiale (più di 6 volte l’anno), il medico può prescrivere l’uso quotidiano di antivirali a titolo preventivo

Non baciate chi ha l’herpes labiale in corso e non usate le medesime posate, tovaglioli, bicchieri, asciugamani, rasoi e qualsiasi altro mezzo che potrebbe trasmettere il virus.