I 10 cibi più calorici delle feste

Giornate intere passate in casa con amici e parenti sono una gioia alla quale non si può rinunciare. Il Natale, si sa è una delle poche occasioni durante la quale si cerca di raccogliersi tra gli affetti che, magari, sono lontani per il resto dell’anno. L’importante è però, non raccogliere troppi chilogrammi.

A tal proposito vi propongo una top 10 dei cibi più tipici, ma soprattutto più calorici delle tanto agognate festività natalizie, sperando di invogliarvi a dire più spesso di no all’ennesimo pezzetto di torrone che la zia vi pone sotto il naso.

(Calcolo delle calorie su 100 g di prodotto)

Pandoro: il tipico dolce veronese, famoso oggi in tutta Italia, può sembrare più leggero di tante altre prelibatezze natalizie, ma in realtà contiene ben 400 calorie.

Panettone: il più fedele alla ricetta milanese originale, quindi a base di canditi e uvetta contiene 360 calorie, se si preferisce invece un panettone arricchito di gocce di cioccolato, allora le calorie saliranno a 430.

Torrone: 100 g di torrone classico contiene ben 460 calorie. I torroni ancora più golosi a base di mandorle e nocciole sfiorano addirittura le 580 calorie.

Calcionetti: i panzerottini dolci, tipici della tradizione abruzzese, preparati con marmellata d’uva nera, ceci, noci tritate, mandorle triturate, mosto e cacao, apporteranno al vostro menù ben 510 calorie.

Struffoli: dolci caratteristici della Campania, sono palline di piccole dimensione, preparati con pasta frolla ricca di uova, burro e zucchero e, successivamente, fritti nell’olio. Il tocco di dolcezza finale, è garantito dal miele, dalle scorze d’arancia e di cedro che li ricoprono. 500 calorie.

Cartellate: preparate in tutte le cucine della Puglia e Basilicata per il natale, le cartellate non sono altro che dei nastri di una sottile sfoglia di pasta, ottenuta con farina, olio e vino bianco, avvolta su sé stessa fino a formare una specie di “rosa” che verrà poi cotta in abbondante olio. Una volta cotte le cartellate vengono impregnate nel miele o semplicemente spolverizzate con zucchero a velo, per un totale di 600 calorie (le calorie scendono un po’ se non le si immerge nel miele)

Panpepato: dolce tradizionale del centro Italia, il Panpepato è caratterizzato da ingredienti come cacao amaro, cioccolato fondente, noci sgusciate, mandorle, nocciole, pinoli, uva passa, miele, farina e ovviamente dal pepe nero. Le varianti di questo dolce sono molteplici e le calorie possono essere diverse per ognuna, ma all’incirca per un 100 g di panpepato, contiamo 500 calorie.

Spumante: a rinfrescare il palato non può mancare lo spumante, ma ricordiamoci che per soli 10 cl di spumante dolce, manderemo giù 90 calorie.

Frutta secca e candita: nei cesti natalizi non mancano mai fichi secchi, datteri, frutta candita, che attirano i golosi di tutte le età. 100 g di datteri secchi equivalgono a 135 cal., 100 g di fichi secchi a 256 , 100 g di frutta candita a 310, 100 g di mandorle a 603 cal, 100 g di noci a 582 e 100 g di pistacchi a 600 cal.

Gubana: tipico dolce del Friuli, è preparato con pasta lievitata ripiena di noci, uvetta, pinoli, zucchero, liquore e ha una forma particolare a chiocciola. È servito generalmente irrorato da slivovitz, un liquore ricavato dalla distillazione delle prugne. 700 calorie.

Dopo questo cortissimo elenco di alcune delle prelibatezze natalizie del nostro bel Paese, rimbocchiamoci le maniche e non piangiamoci addosso se di torrone ne abbiamo mangiato troppo o se ci siamo riempiti la bocca di calcionetti e struffoli, perchè passato capodanno il nostro obiettivo sarà riacquistare un giusto peso in vista dell’estate 2011.

Ecco a voi qualche consiglio per tornare in forma:

  • Bevete almeno due litri di acqua al giorno e possibilmente lontano dai pasti.
  • Salate molto poco i piatti (cercate di ridurre la quantità di sale anche quando fate bollire l’acqua per la pasta)
  • Provate ad inserire nella vostra dieta, per almeno 3 volte a settimana, un bel piatto di minestrone
  • Iniziate i pasti con un’insalata, mangiarla prima di tutto il resto e non come contorno, facilita il metabolismo.
  • Cercate di muovervi il più possibile!

Condividi con un amico