I fanghi termali di Montegrotto Terme per dolori ossa, reumatismi e infiammazioni

montegrotto

La storia di Montegrotto Terme (Padova) è da sempre legata all’acqua calda del suo territorio: i Colli Euganei, fiore all’occhiello del Veneto. Qui l’acqua calda scorre a grande profondità, quando affiora in superficie, è raccolta nei pozzi degli stabilimenti termali, dove raggiunge circa gli 87°C.

A Montegrotto Terme, non esiste un unico centro termale, ma si possono praticare i bagni caldi e i fanghi termali in tutti gli hotels presenti.

Oggi questa zona costituisce uno dei centri più antichi e nel contempo più all’avanguardia per le terapie termali, apprezzato ogni anno da un ampio numero di ospiti italiani e stranieri. A 10 chilometri da Padova, l’area delle Terme Euganee rappresenta il maggiore bacino termale d’Europa, con un’offerta complessiva di 148 alberghi. Questi alberghi oltre ad offrire ogni comfort al soggiorno del villeggiante sono anche stabilimenti termali, attrezzati di tutte le strutture necessarie per le terapie termali.

Fanghi e bagni termali

I fanghi di Montegrotto Terme sono rinomati, grazie a reazioni chimico-fisiche e biologiche in cui particolari alghe dette diatomee producono sostanze che hanno un’azione anti-infiammatoria e antidolorifica, sono indispensabili per l’efficacia terapeutica per molte affezioni delle ossa, dei muscoli e delle articolazioni.

La cura termale, a base di acque salso-bramo-iodiche che qui sgorgano generosamente in questo territorio, induce un’azione anti-infiammatoria, anti-dolorifica, stimolante a livello circolatorio e depurativa per l’organismo.

Le patologie che si possono attenuare e curare a Montegrotto Terme con i bagni e i fanghi sono:

  • l’osteoporosi
  • i reumatismi fibromiositici (borsiti, tendiniti, periartriti)
  • le lesioni traumatiche e postumi di fratture,  interventi ortopedici
  • la gotta i reumatismi infiammatori primari
  • le infezioni dell’apparato genitale femminile

I fanghi termali sono applicati sul corpo alla temperatura di 39° C-40° C, per circa 20 minuti ( 30 minuti per quelli parziali). Al termine della fangatura il paziente prosegue il trattamento con una doccia calda o con un’immersione in acqua calda alla temperatura di 37° C- 38° C per 10 minuti.

Segue poi una fase di relax, in cui il paziente deve rimanere a letto ben coperto per circa un’ora per la reazione sudorale. Poi sarà sottoposto a un massaggio specifico in base alle proprie esigenze (massoterapia, chinesiterapia, massaggio subacqueo).
Il massaggio è importante perchè esercita una tonificazione cutanea e muscolare profonda, utile contro le rigidità articolari, le contratture muscolari, la mobilizzazione di articolazioni infiammate e dolenti. Dietro prescrizione medica, si può effettuare anche la terapia in “grotta sudatoria“.

Le tecniche inalatorie

Le tecniche inalatorie sono  indicate per le malattie otorinolaringoiatriche e dell’apparato respiratorio (in particolare forme croniche di riniti, faringiti, sinusiti, bronchiti e tracheiti).

Le principali tecniche inalatorie di Montegrotto Terme sono:

  • nebulizzazioni in ambiente a getto diretto
  • inalazioni a getto diretto a vapore o ad aria compressa
  • spruzzature di acqua termale in faringe
  • aerosol per vie aeree superiori e inferiori
  • humages o emanazioni
  • collettivi diretti e indiretti
  • insufflazione naso-faringe o tubo-timpaniche.

Hotel e strutture termali

Ecco alcune delle strutture di soggiorno e cure termali:

  • Continental Terme Hotel
  • Hotel Terme Neroniane
  • Hotel Terme Preistoriche
  • Hotel Terme Apollo
  • Hotel Commodore Terme
  • Hotel Olympia Terme

Consiglio Montegrotto Terme per trascorrere un week end speciale in compagnia delle amiche a farsi belle prendendosi cura del proprio corpo. Il pacchetto “Aqua & Thermae” parte da 185,00 € e prevede il soggiorno dal venerdì sera alla domenica mattina con pensione completa, con trattamenti di bagni caldi e fanghi termali.

Sonia Brunelli
Sonia Brunelli vive a Imola dove ha studiato agraria occupandosi di alimentazione per diversi anni in una nota azienda del territorio. Si è poi specializzata nella gestione aziendale e ad oggi lavora per una ditta che promuove nuove starup con progetti e idee innovative.