Il benessere della persona attraverso le sedute reiki

3.198 views

Il reiki è un metodo di guarigione naturale, oggi tra i più stimati, basato sulla recezione del paziente, attraverso l’operatore reiki, dell’energia universale la quale viene “trasmessa” da quest’ultimo al primo mediante un tipico procedimento che utilizza l’imposizione delle mani sul corpo come mezzo di tale trasferimento energetico essenziale.

Si tratta di una tecnica risalente al 1922, che dobbiamo al maestro Mikao Usui, un uomo dotato di capacità straordinarie.L’esperienza di un’intera vita dedita all’apprendimento e alla raccolta di informazioni lo aiutarono a dare origine e ad ampliare l’arte poi chiamata reiki.

Per Usui lo scopo principale del reiki non era solo la guarigione delle malattie, quanto il rafforzamento di tutti i talenti naturali disponibili, l’equilibrio dello spirito, la salute del corpo e conseguentemente il raggiungimento dell’auto realizzazione.

Nel 1914 divenne un monaco laico Tendai. Un giorno si recò sul monte Kurama per ritirarsi nella meditazione e digiunò per 21 giorni, al termine dei quali percepì in sé la grande energia reiki, che da allora usò su se stesso, sulla sua famiglia e sulle persone sempre più numerose che gli chiedevano di essere “curate”, con ottimi risultati. Egli divenne il fondatore della pratica reiki e spese la sua vita nella diffusione e conoscibilità dello stesso, anche attraverso le scuole e i libri, fino ad arrivare ai giorni nostri.

Cosa comporta il reiki?

Il reiki potenzia e armonizza la circolazione energetica sia a livello fisico che emotivo e mentale, portando un rilassamento profondo nella persona e facilitando lo scioglimento dei blocchi energetici, stimolando così i naturali processi di guarigione del nostro organismo.

 Come agisce?

Collocandosi tra il massaggio ayurvedico e certi tipi di riflessologia plantare,  con il reiki si entra in uno stato di rilassamento quasi meditativo che conduce ad un sensibile calo di ansia, con un senso di benessere e tranquillità che perdura anche diversi giorni dopo i trattamenti.

La seduta reiki prevede innanzitutto un breve dialogo conoscitivo di apertura e sintonia tra terapista e paziente. Essa avviene a paziente sdraiato in un ambiente silenzioso, con luce soffusa e musica rilassante. Le mani dell’operatore vengono poi delicatamente appoggiate per qualche minuto su varie parti del corpo del paziente, in corrispondenza dei centri energetici (chakra), con un ordine e modalità prestabilite. L’operatore reiki canalizza l’energia dell’universo attraverso  i suoi plessi energetici. L’energia fluisce dunque liberamente e fuoriesce dai palmi delle mani. In questo modo il suo corpo diviene un canale di scorrimento tra l’io e il supremo. Ciò è possibile  grazie ad un precedente processo di armonizzazione e preaparazione tecnica e spirituale che avviene durante il seminario reiki chiamato appunto attivazione reiki, a cui l’operatore ha partecipato per essere iniziato alla cura altrui.

Ogni trattamento reiki dura in tutto 45 minuti.

Gli effetti benefici riscontrati sono tra gli altri:

-autoguarigione del corpo

-eliminazione del dolore

-riequilibrio del sistema nervoso, delle energie dell’organismo, degli organi e delle ghiandole  del corpo,

-equilibrio emozionale e mentale che dona pace , compassione e rispetto per la vita, elevazione della coscienza spirituale

-accrescimento dell’intuizione, della creatività, della lucidità mentale

-disintossica e purifica il corpo e i centri energetici

-accelera il conseguimento delle proprie finalità benefiche.