Il caldo non ti fa dormire? Consigli su come fare

L’estate per molti è considerata la stagione più bella dell’anno: sole, mare, vacanze e sere d’estate spensierate. Peccato che dopo una serata all’aria aperta ci tocca tornare a casa e affrontare l’insopportabile caldo in camera da letto.

Le notti afose sono un vero e proprio incubo, non è affatto facile riuscire a dormire bene nella stagione calda, con temperature che superano i trenta gradi e il sudore che ci appiccica nel letto, così finiamo per rigirarci tra le lenzuola, alzarci di continuo per trovare un po di freschezza, e alla fine, nonostante i disperati tentativi, il sonno è rovinato.

Insomma, le notti d’estate non sono poi così magiche quando l’afa ci impedisce di riposare serenamente. A volte siamo costretti a tenere accesa l’aria condizionata o il ventilatore puntato addosso, per assicuraci un po di aria fresca durante la notte, anche se sappiamo bene che dormire con l’aria condizionata non è proprio il massimo per la nostra salute.

Cosa fare allora? Fortunatamente esistono altri modi per sopportare l’afa di notte. Ci sono infatti dei piccoli e semplici accorgimenti che potrebbero aiutarci a conciliare il sonno nonostante le soffocanti temperature estive.

Letto fresco

Il primo consiglio pratico ed efficace, per riuscire a conciliare il sonno nonostante il calore soffocante che invade le nostre camere da letto, è sicuramente quello di avere un letto sempre fresco. Per dormire bene è infatti necessario stare in un ambiente fresco, con una temperatura più bassa rispetto al nostro corpo, l’ideale sarebbe una temperatura compresa tra i 16 e i 20 gradi.

Essere avvolti da lenzuola chiare, fresche e pulite è quindi fondamentale per prendere sonno. Ecco alcuni modi per avere un letto fresco prima di andare a dormire:


  • le lenzuola devono essere di cotone e possibilmente bianche o comunque chiare.
  • mettere le lenzuola in una busta e lasciarle in frigo per qualche ora prima di andare a dormire, così da averle fresche il tempo necessario per prendere sonno.
  • riempire la classica borsa dell’acqua calda con acqua fredda e lasciarla tra le lenzuola.

Non dormire nudi

Purtroppo bisogna sfatare il mito secondo cui dormire nudi aiuti a dormire bene e a contrastare il calore. Contrariamente a quanto si pensa, dormire nudi in estate non è affatto una soluzione efficace, è molto meglio dormire vestiti, indossando indumenti di cotone, chiari e freschi, come una camicia da notte di cotone, o semplicemente una canotta, o anche solo la biancheria intima.

Questo perché gli indumenti aiutano ad assorbire il sudore, che altrimenti resterebbe appiccicato addosso, quelli di cotone in particolare sono traspiranti, e di notte contribuiscono a regolare la temperatura corporea e ad avere una sensazione di freschezza.

Alimentazione

In estate cambiano le nostre abitudini alimentari, si cena molto di più fuori, la sera si mangia molto più tardi, e spesso si va a letto con lo stomaco pesante o comunque quando siamo ancora in fase di digestione. Tutto questo non aiuta affatto a dormire bene. Se quindi vogliamo riuscire a conciliare il sonno in estate bisogna fare dei piccoli accorgimenti alle nostre abitudini alimentari, come ad esempio:

  • mangiare piatti freschi e leggeri, facili da digerire, soprattutto a cena.
  • non cenare troppo tardi, ed evitare di mangiare poco prima di mettersi a letto, sarebbe meglio far passare almeno due o tre ore prima di andare a dormire.
  • non bere troppi alcolici prima di andare a letto, perché non fanno altro che aumentare la temperatura corporea anche durante la notte.
  • mangiare poche proteine a cena, poiché accelerano il metabolismo facendo aumentare la temperatura corporea.
  • bere un bicchiere di acqua fresca prima di coricarsi è un buon modo per conciliare il sonno

Doccia fresca

Un consiglio per favorire il sonno in estate è quello di fare una bella doccia fresca o tiepida, prima di coricarsi. Una doccia veloce e fresca poco prima di mettersi a letto, aiuta infatti a rinfrescarci, a contrastare il sudore e ad abbassare leggermente la temperatura corporea.

Ambiente fresco e confortevole

Sicuramente dormire in una camera da letto fresca e confortevole favorisce il sonno. È importante preparare l’ambiente prima di andare a dormire per affrontare l’eccessivo calore estivo, magari accendendo l’aria condizionata per qualche ora prima di addormentarsi cosi da trovare una stanza fresca, inoltre è necessario tenere spente le luci, oppure lasciare accesa solo una lucina tenue che non emetta troppo calore.

Una soluzione per avere una stanza fresca è quella di tenere le finestre e le tende chiuse durante il giorno per evitare che entri il calore esterno e la luce del sole, e aprirle solo quando viene sera per far entrare un po di aria fresca durante la notte.

Evitare di rannicchiarsi a letto

Anche la posizione in cui si dorme, in estate può essere un fattore decisivo per favorire o meno il sonno. Sarebbe meglio evitare di rannicchiarsi a letto poiché questa posizione non fa altro che aumentare il calore corporeo. La cosa migliore da fare è dormire con le braccia e le gambe aperte, questa è infatti una posizione che aiuta a sentirsi più freschi.

Piedi sempre freschi

Non c’è cosa più bella dell’avere i piedi freschi durante le notti afose. I piedi infatti sono particolarmente sensibili al caldo, e tenerli freschi, magari lavandoli prima di coricarsi o ancora meglio lasciandoli un po in ammollo in acqua fredda, dà una giusta sensazione di freschezza che facilita notevolmente il sonno.

Condividi con un amico