Il gelato fa ingrassare? Mangiare il gelato in dieta

La bella stagione è alle porte e la voglia di gelato cresce: alimento buono, gustoso, fresco e ottimo compagno per dolce, merenda e di passeggiate, è sicuramente uno degli alimenti più consumati nei prossimi mesi.

E non preoccupiamoci per il peso, la prova costume e la dieta… se consumato con intelligenza, senza eccedere in golosità e facendo le giuste scelte fra le offerte di prodotti presenti sul mercato, anche la nostra linea può trarne vantaggio!

Vediamo, allora, come trasformare un potenziale alimento nemico del nostro corpo a nutriente alleato amico del nostro organismo e palato!

Il gelato è un alimento ottenuto con un procedimento che incorpora aria dentro una miscela liquida in fase di congelamento, mentre si attua uno scuotimento della stessa. I gelati in commercio sono di diversi tipi, a seconda del metodo di produzione e degli ingredienti utilizzati.

Bisogna distinguere innanzitutto tra gelato artigianale e industriale: il primo è composto da materie prime fresche, con una fase di incorporatura dell’aria lenta, che raggiunge il 30 – 50% del volume del composto. Non è possibile produrre gelato di qualità senza utilizzare alcuni additivi (che non sono nocivi), come la farina di semi di carrube come addensante.

Il gelato industriale, invece, contiene latte in polvere, oli vegetali, e additivi come coloranti, emulsionanti, stabilizzanti e aromi. Solitamente è più soffice e voluminoso perché contiene più aria, ma dipende dalla marca. In generale quindi, non vi è paragone fra la qualità del gelato artigianale e quello industriale ma, attenzione, si possono anche trovare gelati artigianali di bassa qualità: a volte, infatti, quest’ultimo può esser prodotto utilizzando una base liofilizzata alla quale si aggiunge acqua o latte e , spesso, proprio queste basi vengono realizzate con gli stessi ingredienti del gelato industriale. L’unica differenza quindi, è il fatto che questo tipo di gelato artigianale deve essere venduto al dettaglio dal gelataio giorno per giorno e non conservato a lungo come quelli industriali.

Attenzione agli ingredienti

I principali ingredienti base per produrre il gelato sono: latte, zucchero e uova. In base ai gusti desiderati poi, si aggiungono polpa di frutta, panna, vaniglia, cioccolato, biscotti, caffè, etc.
In realtà, è possibile produrre del gelato alla frutta anche senza utilizzare latte e uova, in modo che il prodotto finale contenga meno calorie, ma in questo caso sarà meno cremoso e gustoso. Molti produttori ne indicano anche l’assenza di zucchero ma in realtà, in questi casi il saccarosio è solo sostituito con il fruttosio, che possiede un indice glicemico più basso con lo stesso numero di calorie. Questa ricerca di una produzione meno calorica è dovuta al fatto che il gelato è un alimento altamente digeribile ma ricco di calorie.

Quando siamo alla ricerca di una gelateria, ricordiamoci di notare alcune particolarità: innanzitutto, la lista degli ingredienti utilizzati nella produzione deve essere esposta chiaramente per la consultazione dei clienti. Se in essa vi è esplicitato che la gelateria utilizza oli/grassi vegetali idrogenati o parzialmente idrogenati oppure oli vegetali in quantità determinante fra tutti gli ingredienti (la voce in questione si trova nelle prime posizioni di elenco quindi) scartate questa gelateria e recatevi in un’altra! L’indicazione delle calorie e dei valori nutrizionali non è invece obbligatoria.

Le caratteristiche di un buon gelato

La bontà del gelato invece, la si valuta in base alla cremosità (più il gelato è cremoso, ossia meno si avvertono i grumi di ghiaccio, maggiore è la sua qualità), alla velocità di scioglimento (se non si scioglie in fretta, soprattutto se la temperatura esterna è molto calda, è probabile che contenga grassi vegetali idrogenati e quindi è meglio evitarlo), alla dolcezza e pesantezza (se è eccessivamente dolce o vi sentite molto appesantiti dopo averlo mangiato, è probabile che la scarsa qualità sia stata mascherata aggiungendo zucchero e grassi -quindi calorie-).

Inoltre, deve avere un aspetto e una superficie liscia-leggermente porosa, un colore naturale ed invitante e un sapore fresco e immediatamente riconoscibile (come gusto). Diffidare quindi di quelli che hanno un aspetto ruvido, granuloso, con colori troppo “accesi” e un sapore rancido, stantio e aspecifico.

Il buon gelato deve essere un alimento completo ed equilibrato negli aspetti nutrizionali e non avere possibilmente controindicazioni (come per esempio essere troppo grasso). Il gelato infatti, contiene acqua, glucidi (di cui fanno parte gli zuccheri), lipidi (grassi animali o vegetali), proteine, sali minerali, antiossidanti e vitamine e per questo viene definito un alimento completo che è facilmente digeribile, dà buon umore ed energia (immediatamente utilizzabile), adatto a tutti e può quindi essere consumato tranquillamente come merenda, in alternativa alla frutta, o come sostitutivo di un piatto.

Può esser tranquillamente inserito anche in una dieta dimagrante: quello artigianale contiene molte meno calorie rispetto ad una stessa quantità di altri dolci e dessert. L’apporto energetico di un tiramisù è 3 volte superiore a quello di una coppa di gelato a base di latte e 6 volte rispetto a 1 sorbetto alla frutta.

100 gr di gelato alla crema contengono circa 220 calorie e 100 gr di gelato alla frutta circa 100, mentre 100 gr di cioccolata fondente ne contano ben 542, le fette biscottate 410, la nutella 537, la crostata di marmellata 339, una merendina dai 350 ai 460, a seconda che sia fatta con marmellata o con pan di spagna.

I benefici del gelato

Altre proprietà benefiche del gelato sono il buon livello di attività antiossidante totale (TAA), utile a contrastare la naturale formazione dei radicali liberi (soprattutto per i gusti cioccolato, fragola e frutti di bosco, grazie alle vitamine A e C), e la sua capacità nutritiva soprattutto nelle diete degli inappetenti, grazie alla quantità di importanti sali minerali, quali calcio e fosforo, e di vitamine A, B2, C in esso contenuti.

Le analisi rivelano infatti che 100 gr di gelato a base di latte contengono in media 46,5 mg di calcio e 10,5 mg di fosforo (è un ottimo alleato per le donne quindi, per rafforzare le ossa e combattere l’osteoporosi). Quindi, il gelato alle creme può essere un’utile alternativa ad alimenti più tradizionali in caso di bambini inappetenti o sottopeso, e per gli anziani che, facendo fatica a nutrirsi con il caldo, in tal modo possono ingerire ugualmente nutrienti sostitutivi il formaggio e la carne.

Infine, il gelato è anche utile nelle diete ipernutritive, in particolare per quelle dei soggetti anoressici o con problemi di digestione. Una delle sue caratteristiche, infatti, è di stimolare la secrezione dei succhi gastrici, mentre il freddo che provoca il suo ingerimento può risultare anche un blando analgesico (tenere presente però, che non è raccomandabile mangiare del gelato durante la digestione perché la temperatura troppo fredda potrebbe rallentarla o complicarla).

Occhio alla quantità

Nonostante tutti questi benefici, bisogna sempre ricordare che se assunto in grandi quantità o in maniera errata, il gelato può diventare “nocivo” per la nostra linea. Come già detto, è un alimento calorico in quanto una porzione media (circa 2 etti) contiene da 300 a 500 calorie e non dà ugualmente sazietà al corpo. Ma due palline di gelato alla frutta forniscono l’equivalente in calorie di circa 4 crackers quindi, per inserirlo nella nostra dieta, è sufficiente consumare prima un pasto ipocalorico a base di carne o pesce. Ciò dimostra che con un po’ di attenzione ed accortezza, possiamo beneficiare della bontà e dei benefici del gelato ed al contempo, evitare i suoi possibili errori o effetti conseguenti negativi.

Per riassumere

Preferire il gelato artigianale a quello industriale (come ben spiegato sopra)
–  Preferire il gelato alla frutta che contiene meno grassi e calorie ed è più digeribile. Il gusto allo yogurt è sicuramente il più light in quanto è composto solo da yogurt, saccarosio e fruttosio, quando non contiene latte aggiunto, e fornisce solo 100 calorie per etto
Preferire il cono o la coppetta piuttosto che un vassoio da 1/2 kilo da mangiare a casa, per evitare di eccedere con le calorie
–  Scegliere una gelateria raggiungibile a piedi per percorrere almeno un paio di km e smaltire le calorie ingerite
–  Evitare gelati che contengono margarina o oli/grassi vegetali idrogenati (anche solo parzialmente)
–  Limitare il numero delle vaschette di gelato confezionato nel frigorifero: la qualità di questi prodotti è a volte discutibile poiché contengono oli vegetali e burro (non dannoso, ma utile a mascherare una scarsa qualità), o addirittura grassi vegetali idrogenati
–  Non mangiare mai direttamente il gelato dalla vaschetta: il rischio di non sapersi moderare è elevato
–  Scegliere il momento in cui mangiare il gelato in modo tale da “ammortizzare” le calorie nel pasto precedente o in quello successivo.

Per toglierci qualche curiosità, ecco un prospetto delle calorie medie apportate, dai gusti di gelato più comuni:

  • al Limone 140
  • alla Fragola 153
  • al Fior di latte 167
  • al Mirtillo 151
  • alla Stracciatella 193
  • al Pistacchio 211
  • al Cioccolato 291
  • alla Crema 219
  • alla Nocciola 326
  • al Melone 160

Pallina di gelato alla crema da 60 grammi 72 calorie; Coppetta con due gusti, cioccolato e fior di latte da 80 grammi 188 calorie; Cono con 3 gusti, cioccolato, crema e fragola da 110 grammi 255 calorie.

Nb. Per valutare e confrontare la qualità delle gelaterie, può esser preso il gelato a base di frutta secca come metro di valutazione: questi sono realizzati con frutta secca macinata e ridotta in pasta di nocciole, di noci, di pistacchi… (ossia prodotti molto costosi) e dunque, una gelateria che punta sulla qualità si differenzierà notevolmente dalle altre di media o bassa qualità.

Condividi con un amico