Indivia

L’indivia è una pianta molto simile alla cicoria (Cichorium endivia) appartenente alla famiglia delle Asteraceae e usata in cucina come insalata. In antichità l’indivia veniva considerata portatrice assoluta di energie positive.

Quali sono le caratteristiche della pianta? Quante tipologie di indivia ci sono? Come usarla e conservarla in cucina? Quali benefici? Può avere effetti collaterali? Scopriamolo insieme.

Caratteristiche dell’indivia

La pianta d’indivia ha una forma schiacciata verso il basso, tipo cespi bassi e con foglie sovrapposte serrate tra loro in forma di piccole rose. La rosa più interna è detta cuore e di colore giallo-verde. Viene coltivata tutto l’anno anche se i periodi migliori sono l‘autunno e l’inverno.

L’indivia ama un clima fresco e temperato. Resiste abbastanza bene alle temperature gelide e teme siccità e parassiti. Per quanto riguarda questi ultimi, uno dei principali nemici dell’indivia è la peronospora, che può causare macchie scure sulla parte superiore portando in poco tempo la pianta alla morte.

L’indivia viene attaccata anche da lumache e afidi. La pianta è anche ricca di sali minerali, calcio, oligoelementi che stimolano l’attività dello stomaco e non solo. Prima di parlare delle proprietà benefiche e degli usi culinari dell’indivia, vediamo quante tipologie di questa piccola pianta commestibile simile alla cicoria e all‘insalata ci sono.

Tipologie di indivia

Nel nostro Paese vengono coltivate solo due tipologie di indivia:

  • quella a foglie intere o indivie scarola: hanno forme larghe, lisce o ondulate. Di questa tipologia esistono diverse varietà:
  1. Gigante degli ortolani fino a 40 cm di diametro dal cespo compatto e voluminoso
  2. Bionda a cuore pieno e Fiorentina con cespi serrati e foglie allungate
  3. Verde a cuore pieno con cespo allargato e schiacciato
  • quella a foglie ricce: hanno cespi voluminosi con foglie crespate e margini irregolari e frastagliati. Ecco le varietà:
  1. D’estate a cuore d’oro con cuore croccante
  2. Pancalieri a costa rosa con sfumature rosa alla base delle foglie
  3. Riccia d’Inverno con cespo molto voluminoso
  4. Ruffec con foglie ricciute
  5. Romanesca da taglio o Endivietta verde con cespo fino a 35 cm, foglie arricciate e serrate con cuore bianco-dorato

L’insalata indivia contiene fibra naturale con effetto saziante e lassativo, buone quantità di sali minerali (ferro, calcio e potassio) e antiossidanti (carotenoidi). La pianta contiene pochissime calorie (circa 15 Kcal per 100 grammi di prodotto).


Come scegliere l’indivia?

L’indivia per essere buona da mangiare e da usare come ingrediente in diverse pietanze deve essere scelta con cura. L’indivia deve avere:

  • colore brillante
  • foglie fresche, carnose, intatte e croccanti
  • cespo bianco o appena rosato nel punto di taglio

Evitate le insalate d’indivia con foglie dai bordi anneriti e cespi dal punto di taglio scuro e appassito.

Come conservare l’indivia?

L’indivia si mantiene 5 giorni in frigorifero nel cassetto della frutta e verdura, l’importante che sia ben avvolta da carta assorbente da cucina. L’indivia può essere conservata cruda e cotta. Quest’ultima massimo per una settimana.

Usi dell’indivia in cucina

L’indivia ha diversi usi in cucina, ma prima di utilizzarla è necessario pulirla bene. La pulizia è molto semplice, basta separare le foglie scartando quelle più esterne e quelle rovinate e annerite. A questo punto lavatele in acqua fredda e asciugate o fate sgocciolare in un recipiente con dei fori.

Nelle preparazioni che richiedono il cespo intero occorre allargare le foglie in modo che l’acqua penetri fino alla base e pulire bene strofinando con le dita dove è necessario. L’indivia si può consumare cruda o cotta al vapore come contorno.

Un altro uso molto diffuso è come ingrediente nelle torte salate, zuppe e primi piatti con aglio, acciughe, olive e peperoncino. La base del cespo dell’indivia è la più amara, se vi piace il gusto amarognolo lasciatela così altrimenti eliminatela.

Ricetta: indivia saporita con cipolla

Un piatto gustoso e saporito a base di indivia è l’abbinamento con la cipolla. Come si fa l’indivia saporita alle cipolle? Ecco gli ingredienti per 2 persone:

  • 4 cespi di indivia
  • mezzo limone
  • 1 cipolla
  • 20 g di burro
  • pepe e sale q.b

Mondare i cespi di indivia e con un coltello fate una croce sul torsolo e asportate la parte centrale più dura e amara. Lavate l’insalata, tagliate a rondelle e scottatela per tre minuti in acqua salata. Aggiungete il limone e fate sgocciolare bene.

Pendete il burro e fatelo rosolare con la cipolla a fettine sottili. Profumate con sale e pepe, mescolate e servite.

loading...
loading...





Condividi con un amico