Insonnia e depressione: il responsabile è un gene

insonnia e depressione

Quanti di voi soffrono di insonnia e depressione? Questi disturbi avvengono di solito nelle stagioni più fredde. Inverno e autunno sono infatti i periodi dell’anno in cui la difficoltà a dormire e un malessere vitale la fanno da padroni. Ma da cosa dipendono questi disturbi? perchè solo in determinati periodi dell’anno? La scienza ha individuato in un gene la causa. Scopriamone di più.

La genetica

L’insonnia e la depressione sarebbero più frequenti in autunno e in inverno quando non c’è il sole, le giornate uggiose sono frequenti e i giorni più lunghi.

Ma la responsabilità secondo alcuni scienziati dell’Università della California guidati dal dottor Louis Ptáček è della mutazione genetica. Il responsabile sarebbe un particolare gene, chiamato Gene PER3 fondamentale per regolare il ritmo sonno veglia e dunque regolare l’orologio biologico interno del corpo.

Come si è arrivati alla scoperta?

La correlazione tra l’insonnia e la depressione con la genetica è stata individuata già moto tempo fa,, ma non si erano mai soffermati sulle cause, studi e soprattutto esperimenti.

Per arrivare a questi risultati e ad affermare che insonnia e depressione hanno un legame con la genetica molecolare, i ricercatori californiani hanno analizzato il DNA di una famiglia di individui che avevano l’abitudine di addormentarsi prestissimo la sera e svegliarsi prima dell’alba il mattino seguente.

Si è riusciti a individuare così il PER3 notando come la presenza di questo gene porti alla comparsa della depressione stagionale.

Questa ricerca ha definito un input importante per combattere i disturbi più comuni nella popolazione negli ultimi decenni. Qualche anno fa la depressione era stata addirittura considerata come ‘malattia del secolo’.

Per l’insonnia invece si pensava a difficoltà dovute a problemi psicologici dettati da problemi di varia natura, stress, ansia, abitudini. Ma con la nuova scoperta del gene PER3 possiamo affermare con certezza che siamo ad un nodo cruciale per combattere depressione e insonnia.