Latte di mandorle bio: come prepararlo in casa

1.420 views
latte mandorle

Quante bevande vegetali conosciamo per le loro proprietà benefiche? Dal latte di curcuma ( o Golden Milk al latte vegetale alla banana. Ma in tanti non vogliono rinunciare alla tradizione pur continuando a seguire diete biologiche. Per tutti i vegetariani, vegani e non, ecco una ricetta facile per una bevanda fresca e ricca di nutrienti amata da tutti: il latte di mandorle ma… Bio!

Proprietà del latte di mandorle bio

Questa bevanda vegetale contiene sali minerali, fibre e acidi grassi essenziali che contribuiscono al buon funzionamento dell’apparato digerente e circolatorio.

La ricchezza di calcio del latte di mandorle deriva dalla presenza abbondante di questo sale minerale nei frutti stessi. 100 grammi di mandorle contengono infatti 266 milligrammi di calcio.

Altre fonti vegetali di calcio sono i fichi secchi, la quinoa, i semi di lino e i semi di sesamo. Da non dimenticare, inoltre, legumi e broccoli.

Ingredienti e Preparazione

Volete assaggiare dell’ottimo latte di mandorle bio? Bene potete finalmente prepararlo direttamente a casa vostra. Ecco gli ingredienti per preparare un litro di latte di mandorle bio

150 gr di mandorle pelate bio
1,2 litri d’acqua
1 frullatore
1 ciotola
1 imbuto
1 bottiglia di vetro
1 colino, telo da cucina o carta da filtro

Latte di mandorla con estrattore

Uno dei modi migliori di realizzare il latte di mandorla direttamente a casa è quello di  preparare il latte di mandorla in casa con l’estrattore. Basta avere a disposizione pochi  ingredienti essenziali, ossia mandorle, acqua tiepida e se si desidera dare un po di dolcezza in più al latte vegetale, potete aggiungere anche un po di miele.

Con l’aiuto di un buon estrattore, si può così ottenere un ottimo latte di mandorla fatto in casa, facilmente e soprattutto velocemente, evitando di utilizzare e sporcare molte ciotole e attrezzi da cucina. In più la spremitura a freddo dell’estrattore consente di mantenere intatte tutte le proprietà e i principi nutritivi contenuti nelle materie prime che utilizziamo, come in questo caso le mandorle, cosa che non si avrebbe con l’utilizzo di un semplice frullatore.

Il consiglio è di bere il latte di mandorla fatto in casa con l’estrattore il giorno dopo la preparazione: risulterà così ancora più buono. È possibile conservarlo perfettamente in frigo in una bottiglia di vetro.

Latte di mandorla con il frullatore

Versate le mandorle in una ciotola, ricopritele con dell’acqua a temperatura ambiente e lasciatele riposare da 30 minuti a 1 ora per farle ammorbidire. Dunque scolatele e tenete da parte l’acqua dell’ammollo, a cui aggiungerete l’acqua necessaria per raggiungere la quantità di 1,2 litri.

Disponete le mandorle sul fondo di un frullatore ed azionatelo versando l’acqua necessaria a poco a poco. Continuate a frullare per alcuni minuti in modo tale da tritare le mandorle il più finemente possibile.

Quando avrete terminato, potrete filtrare il latte di mandorle con un colino, un telo da cucina o della carta da filtro e trasferirlo nella bottiglia di vetro con l’aiuto di un imbuto, strizzando bene la polpa di mandorle.

Per rendere il vostro latte di mandorle più dolce, oltre che più corposo, potete pensare di aggiungere al momento di frullare uno o due datteri, una albicocca essiccata, oppure fette di banana. Se invece avete intenzione di utilizzare il latte di mandorle per delle preparazioni salate, potrete addizionarlo con un pizzico di sale marino integrale.

Gli alimenti bio sono ormai un toccasana per la nostra salute oltre al divertimento nella preparazione casalinga delle più svariate specialità. Buon divertimento