Le proprietà dei chiodi di garofano

8.790 views
chiodi di garofano

I chiodi di garofano sono una spezia usata in molte preparazione culinarie ma che trova largo e antico uso nella medicina tradizionale che ne sfrutta le innumerevoli proprietà terapeutiche, soprattutto di tipo digestivo, antisettico e antinfiammatorio.

Il nome deriva dall’aspetto molto simile a dei piccoli chiodi e sono i boccioli essiccati prima della fioritura della Eugenia caryophyllata, pianta tipicamente orientale che però differisce dal fiore garofano che conosciamo in Italia.

I chiodi di garofano sono la parte della pianta più ricca di tannini (azione antinfiammatoria), flavonoidi (azione antiossidante), mucillagini (azione digestiva) e sostanze volatili come l’eugenolo, componente base dell’olio essenziale di chiodi di garofano che conferisce proprietà analgesiche e antisettiche a questa spezia, oltre che contribuire alla caratteristica profumazione.

Mal di denti

Grazie alle proprietà anestetiche i chiodi di garofano trovano largo uso soprattutto nella cura del mal di denti ricorrendo a sciacqui e gargarismi con una soluzione a base di acqua e della spezia (da preparare come una tisana e usare fredda) o posizionando un chiodo di garofano o un batuffolo di cotone imbevuto dell’olio essenziale direttamente vicino al dente che duole.

Questa spezia è in generale benefica per la salute del cavo orale infatti oltre a lenire il dolore ai denti aiuta anche in caso di infiammazioni alla gola, tosse (in questo caso è preferibile l’olio essenziale) e in presenza di alito cattivo masticando per qualche minuto qualche chiodo di garofano.

Digestione e nausea

Una tisana a base di chiodi di garofano è un buon rimedio naturale in presenza di problemi digestivi perchè facilitano il transito del cibo e, di conseguenza, il lavoro dello stomaco oltre a favorire l’espulsione di eventuali gas intestinali e tossine

L’azione antisettica della spezia si rivela in questi casi utile per combattere vermi e altri parassiti intestinali e qualora si fosse colpiti da nausea, così come per l’alito cattivo, basta masticare qualche chiodo di garofano per pochi minuti.

Micosi

A questi usi interni si affiancano degli usi esterni dei chiodi di garofano per la salute della pelle in presenza di micosi, oltre che per contrastare l’invecchiamento grazie alla presenza di sostanze antiossidanti come i flavonoidi.

In caso di micosi ai piedi o alle mani è possibile preparare un pediluvio (o maniluvio) a base di chiodi di garofano preferibilmente unito a timo, coriandolo, vaniglia e cumino per potenziarne l’azione antimicotica.

Mal di testa

In aromaterapia l’olio essenziale di chiodi di garofano è spesso utilizzato per vincere la spossatezza e il mal di testa sfruttandone l’azione energizzante e tonica che nella sfera della sessualità lo trasforma in un afrodisiaco naturale; nessuna prova collega invece la capacità dei chiodi di garofano di favorire il concepimento.