Lo scrub per le pelli sensibili e delicate

Chi ha una pelle delicata e sottile è spesso restio a sottoporsi allo scrub, per paura d’irritazioni. Per mantenere l’epidermide elastica e morbida le regole d’oro sono essenzialmente due: esfoliare e idratare.

Con una corretta esfoliazione, la pelle riacquista rapidamente la sua naturale luminosità, permettendole di “respirare”, è pronta a ricevere i successivi trattamenti idratanti e nutrienti traendone i maggiori benefici possibili.

Per avere una pelle luminosa, però, il gommage deve essere fatto utilizzando prodotti con microcristalli molto fini, così l’azione levigante è leggera e non aggredisce la pelle.


Si può optare per la versione dolce oppure per quella salata: nel primo caso sarà a base di zucchero semolato o di canna, nell’altro, invece, di Sali del Mar Morto che, oltre ad esfoliare, aiutano a eliminare i liquidi in eccesso.

Per l’applicazione, ecco un accorgimento importante: le polveri esfolianti devono essere miscelate con un olio naturale, come quello d’oliva, di sesamo o di jojoba, tutte sostanze che rendono scorrevole lo scrub e nutrono in profondità la pelle.

Perché il gommage sia ancora più piacevole, si possono aggiungere alcune gocce d’olio essenziale aromatico, all’aroma che preferite.

Il massaggio dovrà essere concentrato soprattutto, dove la pelle tende a essere più spessa, come i gomiti e le ginocchia.

Questa lieve abrasione della pelle, non solo favorisce il ricambio cellulare ma migliora l’ossigenazione della cute che così diventa più luminosa e rosea.

Chi ha la pelle particolarmente fragile può provare lo scrub al miele. Si prende della scorza d’arancia, si sminuzza bene e si fa essiccare. Al momento del gommage, la si mischia con del miele e si massaggia su tutto il corpo, agendo molto delicatamente sulle parti più fragili come seno e dècolletè.

Un’idea in più può essere: un bagno di calore in sauna subito dopo il gommage al miele, il calore lo fa sciogliere, facendo sì che penetri più facilmente nella pelle, purificandola e rendendola vellutata.

Uno scrub va sempre seguito da una doccia, che elimina i residui del prodotto e rinfresca, e da un massaggio fatto con una crema molto ricca: burro di karitè oppure olio di mandorla, d’Argan o d’orchidea, sono perfetti.

Lo scrub è un trattamento ideale per combattere la cellulite poichè si rinnova l’epidermide e stimola il microcircolo e il ricambio cellulare.

Infine, spesso usiamo indifferentemente i termini scrub, gommage e peeling, in realtà non significano esattamente la medesima cosa.

Lo scrub è il trattamento esfoliante indicato per tutte le zone del corpo, tranne il viso. Per la pelle delicata del viso, il trattamento esfoliante più delicato si chiama gommage. Invece, il peeling, è un’esfoliazione “importante”, che si ottiene anche attraverso procedimenti sia meccanici sia chimici.

Condividi con un amico