Rimedi naturali per il trattamento del lupus

1.108 views
lupus

Il lupus è una patologia autoimmune cronica, nella quale il sistema immunitario attacca tessuti e organi del suo stesso corpo. Esso causa un’infiammazione acuta e persistente che può interessare quasi ogni parte dell’organismo.

Poiché i sintomi del lupus sono simili a quelli di molte altre condizioni patologiche – come disturbi della tiroide e fibromialgia –  può rivelarsi davvero una malattia difficile da diagnosticare. Il lupus tende ad avere periodi di esplosione del disturbo, caratterizzati da acutizzazione dell’infezione e peggioramento dei sintomi, seguiti da intervalli di remissione.

Le cure convenzionali per il lupus includono l’assunzione di corticosteroidi e di ormoni sintetizzati chimicamente. Esistono però anche dei rimedi naturali in grado di alleviarne i sintomi e donare una carica di energia al sistema immunitario, senza il rischio di fastidiose complicazioni.

Da cosa è causato il lupus?

Il lupus è una risposta infiammatoria che può essere scatenata da diversi fattori che spingono il sistema immunitario ad attaccare erroneamente i tessuti dello stesso corpo a cui appartiene.

Ancora non si conosce con certezza il motivo principale di questa complicata reazione, ma studi scientifici stanno dimostrando come le componenti genetiche e un cattivo stile di vita possano giocare un ruolo fondamentale nell’insorgere della malattia.

Altri possibili fattori in grado di causare l’infiammazione includono reazioni allergiche, stress emotivo, virus, alterazioni del livello di estrogeni a seguito di una gravidanza, squilibri ormonali e intossicazione da metalli. La possibilità di sviluppare il lupus aumenta nelle donne tra i 15 e i 45 anni; così come nelle persone appartenenti ad etnie afroamericane, asiatiche o native d’America.

Principali sintomi del lupus

I sintomi del lupus possono essere diretti (legati all’infiammazione) o indiretti (provocando un notevole innalzamento dei livelli di stress). Molti soggetti affetti da questo disturbo subiscono uno stress psicologico e fanno i conti con ansia, depressione, perdita di memoria e insonnia.

Ciò avviene perché il lupus può parzialmente danneggiare i nervi della spina dorsale e infiammare i tessuti del cervello, ma anche perché si tratta di una condizione patologica che può essere difficile da combattere. I principali sintomi del lupus includono:

  • Affaticamento cronico
  • Dolori a muscoli e giunture
  • Gonfiore
  • Respiro corto
  • Eruzioni cutanee
  • Depressione e ansia
  • Insonnia
  • Secchezza oculare
  • Ulcere
  • Anemia
  • Macchie su naso e bocca
  • Perdita di memoria

Cibi sconsigliati in caso di lupus

Alcuni alimenti possono contribuire alla comparsa e al peggioramento del lupus. Vediamo quali sono.

Glutine

Il glutine è un tipo di proteina che si trova in grano, orzo e nella maggior parte dei prodotti a base di farina. L’intolleranza al glutine è comune perché è una sostanza non facile da digerire in modo corretto. Esso può aumentare il rischio di patologie allo stomaco, infiammazioni generiche e lupus.

Grassi trans e alcuni grassi saturi

I grassi trans si trovano nel cibo da fast food, nella maggior parte degli alimenti fritti e in quelli lavorati industrialmente. Essi possono condurre verso infiammazioni e problemi cardiovascolari. Alcuni soggetti affetti da lupus hanno poi difficoltà a metabolizzare i grassi saturi e dovrebbero, quindi, limitare l’assunzione di formaggi, carne rossa e cibi confezionati.

Cibi ricchi di sodio

Il lupus può danneggiare i reni. Per questa ragione, una dieta pensata per alleviarne i sintomi e scongiurarne la comparsa prevede l’assunzione di cibi che non aumentino eccessivamente il livello di sodio e sale nel corpo. In questo modo, si eviteranno ritenzione idrica e gonfiori.

Alcol e caffeina

Alcol e caffeina possono aumentare l’ansia, peggiorare le infiammazioni, danneggiare il fegato, intensificare il dolore e causare disidratazione e problemi di insonnia.

Alcuni legumi

Cavoletti di Bruxelles, taccole, noccioline e fagioli di soia contengono una sostanza potenzialmente capace di innescare le infiammazioni da lupus in alcuni soggetti, sebbene non sia così comune. Le reazioni negative scatenate in determinati pazienti si pensa siano dovute da un amminoacido chiamato L- canavanina.

Trattamenti naturali contro il lupus

Sono sempre più diffuse terapie naturali e alternative adatte a gestire i fastidiosi sintomi legati alla comparsa del lupus. Ecco alcune delle più efficaci.

Dieta antinfiammatoria

Alcune ricerche dimostrano che una dieta adeguata è molto efficace nel trattamento del lupus perché riesce a controllare l’infiammazione, a ridurre il rischio di complicazioni cardiache e a ricaricare l’organismo. Essa comprende:

  • Alimenti non confezionati: che riducono il rischio di esposizione a troppi additivi chimici e tossine.
  • Verdure crude: capaci di promuovere le reazioni alcaline e stimolare una corretta digestione.
  • Pesce: fornisce al corpo gli omega-3 di cui ha bisogno, riducendo infiammazioni e malattie cardiovascolari. Le migliori fonti di questo elemento sono le sardine, il tonno, il salmone, l’halibut e le aringhe.
  • Cibi ricchi di antiossidanti: aglio, cipolla, asparagi, avocado e frutti di bosco sono alimenti ricchi di vitamina C, fibre, selenio, magnesio e potassio che prevengono i potenziali danni causati dai radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento precoce delle cellule.

Attività fisica

Un esercizio fisico regolare tratta efficacemente il lupus. Esso infatti riduce i livelli di stress, migliora la qualità del sonno, rinforza la salute di cuore e ossa e allevia i dolori delle giunture, aumentandone la flessibilità.

Poiché il lupus può causare affaticamento cronico e anemia, è importante cominciare a praticare attività fisica in modo graduale, senza stressare eccessivamente il corpo. Il tempo di esercizio benefico per le persone affette da lupus include circa 20-30 minuti di nuoto, aerobica, yoga, pilates o ciclismo.

Diminuire lo stress

Lo stress psicologico ed emozionale può dare la spinta alla comparsa del lupus. Molte persone hanno tratto beneficio da meditazione, yoga e agopuntura, sia per il corpo che per la mente. Un altro metodo per gestire l’ansia è quello di passare del tempo nella natura, quando possibile. Può essere inoltre utile imparare delle tecniche di respirazione.

Riposarsi in modo adeguato

La maggior parte dei pazienti affetti da lupus manifesta l’affaticamento cronico come sintomo principale. È quindi importante adottare le precauzioni necessarie per assicurarsi una buona qualità del sonno.

L’ideale sarebbe dormire almeno 8 ore per notte, ma alcuni hanno bisogno di un breve sonnellino pomeridiano per ricaricarsi di energia necessaria. Ci sono alcune piccole regole da seguire per convivere al meglio con l’affaticamento causato dal lupus:

  • Provare ad andare a letto entro le 22.00.
  • Dormire in stanze fresche e buie e spegnere le luci artificiali almeno un’ora prima di addormentarsi.
  • Concedersi 10-15 minuti al mattino per svegliarsi con calma.
  • Fare una sostanziosa e salutare colazione.
  • Ridurre le bevande a base di caffeina.

Proteggere la pelle sensibile

Il lupus sviluppa una serie di reazioni cutanee che possono comparire in varie regioni del corpo, soprattutto collo e naso. Si manifestano con rossori, prurito, secchezza, lesioni e alta sensibilità alla luce solare. Queste condizioni sono causate dall’infiammazione ed è molto importante proteggere la pelle che ne è affetta, seguendo questi consigli:

  • Evitare l’esposizione diretta ai raggi solari, specialmente dalle 9.00 alle 15.00.
  • Indossare occhiali da sole e cappello.
  • Usare un deumidificatore in casa, per aiutare la pelle a rimanere idratata.
  • Evitare l’utilizzo di prodotti cosmetici e casalinghi chimici, optando per l’alternativa preparata con ingredienti naturali come olio di cocco, olio di jojoba, burro di karitè e oli essenziali.
  • Evitare docce bollenti
  • Vaporizzare dell’acqua minerale durante la giornata sulla pelle del corpo che tende a seccarsi.
  • Evitare di indossare abiti non traspiranti e profumi chimici.

Trattare l’infiammazioni naturalmente

Per alleviare i sintomi legati al lupus è molto efficace il trattamento con oli essenziali. I più adatti allo scopo sono

l’olio essenziale di franchincenso: versatene 3 gocce in un bicchiere d’acqua e assumete la soluzione tre volte al giorno per ridurre l’infiammazione.

l’olio essenziale di lavanda o geranio:da massaggiare direttamente sulle zone interessate.

l’olio essenziale di zenzero: assumetene 3 gocce due volte al giorno per scongiurare fastidi legati al sistema digerente.

 

Poiché il lupus può evolversi in una condizione patologica seria, non esitate a consultarvi con il vostro medico prima di ogni trattamento. È importante infatti rimanere sotto controllo sanitario.

Alessandra Montefusco
Ho una laurea magistrale in Teoria dei linguaggi e sono appassionata di rimedi naturali e cosmetica ecobio sin dall’adolescenza. Per questo cerco sempre di tenermi aggiornata sulle ultime novità del settore e sulle potenzialità dei prodotti che madre natura ci ha donato.Mi occupo di comunicazione e lavoro nel settore degli audiovisivi. Amo la musica - mia grande passione - la letteratura, il cinema, le passeggiate all’aria aperta e…il cibo!