Come prevenire la comparsa delle macchie solari sulla pelle

Le macchie solari sono un brutto inestetismo della pelle che si presenta principalmente sul dorso delle mani, ai lati del naso, sul labbro superiore, sul décolleté, sulle tempie e sulla fronte. Si presentano come delle ombre brune o comunque più scure rispetto al tono della pelle e la loro dimensione può variare da qualche millimetro a diversi centimetri.

Tecnicamente il loro nome è melasma o cloasma.

L’unica arma che abbiamo per evitare la loro comparsa è la crema protettiva.

Le macchie sulla pelle si formano per un’eccessiva esposizione al sole, che provoca una pigmentazione anomala su alcune zone del corpo (ipermelanosi), solitamente il viso.

Il loro sviluppo è influenzato dagli estrogeni, gli ormoni sessuali femminili che aumentano in caso di gravidanza o con l’uso della pillola contraccettiva. Anche l’ovaio policistico può originare chiazze scure.

Questa iper-pigmentazione della pelle può comparire anche a seguito di piccoli traumi ripetuti con immediata esposizione al sole, come nel caso della ceretta, di acne in forma aggressiva e di follicolite.


In altri casi le macchie scure dipendono dall’uso di integratori o farmaci foto-sensibilizzanti, cioè sensibili all’esposizione solare. I prodotti a rischio sono molti: integratori a base di iperico e bergamotto, alcuni antibiotici, gli antinfiammatori.

Una volta comparse, l’unico rimedio per eliminarle, o almeno attenuarle, è provare a ricorrere a dei trattamenti chimici schiarenti oppure alla dermo-abrasione.

Ecco perché è indispensabile utilizzare una crema solare con un fattore di protezione mediamente alto per prevenire la comparsa di queste antipatiche discromie e per evitare di peggiorare l’aspetto delle macchie già comparse. E’ importante anche utilizzare occhiali da sole e un cappello a tesa larga, evitando così che il sole colpisca direttamente l’epidermide.

Per prevenire la comparsa delle macchie solari sulla pelle, è utile anche seguire un regime alimentare equilibrato, quindi: bere molta acqua, consumare almeno cinque porzioni giornaliere di frutta e verdura, evitare il consumo di caffeina, nicotina e alcool.

Le macchie solari si sviluppano principalmente d’estate, ma anche d’inverno possono tendere a scurirsi sempre più, ecco perché bisognerebbe applicare tutto l’anno un idratante con un fattore di protezione medio alto.

Può essere utile anche assumere con costanza degli integratori che contengano betacarotene, zinco, selenio, vitamina A, C, E.

Se avete già delle macchie solari sulla pelle e decidete di sottoporvi ad un trattamento schiarente chimico, è importante riservarlo esclusivamente alla stagione fredda. Una volta trattata la zona, in questo punto la pelle diventerà più sensibile e, una volta corretto l’inestetismo, l’anno prossimo bisognerà essere più attenti quando ci si espone ai raggi, proteggendo la parte che si era macchiata con creme solare molto alto (50 spf).

Altrimenti si può sempre ricorrere a degli schiarenti naturali, come il succo di limone. E’ però importante poi non esporsi al sole, perché il limone rende la pelle troppo sensibilità alla luce.

Un altro rimedio naturale è massaggiare un paio di volte al giorno dell’aloe vera.

Applicare con costanza anche una crema a base di Elicina è utile per contrastare questo inestetismo.

Purtroppo i rimedi naturali sono lenti ad agire, per cui i primi miglioramenti si noteranno dopo circa tre mesi di utilizzo costante.


In alcuni casi le macchie della pelle possono essere più chiare rispetto al colore dell’epidermide, in questi casi i principali fattori sono la pitiriasi versicolor, le condizioni costituzionali e l’ipomelanosi guttata idiopatica.

Anche in questi casi è fondamentale un fattore di protezione adeguato. Alla fine dell’estate il dermatologo saprà indirizzare verso il trattamento più indicato per rendere nuovamente il colore della pelle omogeneo.

 

Condividi con un amico