Menù anticalvizie: consigli alimentari per una folta chioma

5.402 views
dieta uomo

dieta uomoAbbiamo già parlato di calvizie, maschili e femminili, ma senza approfondire l’argomento sul regime alimentare o meglio esiste un vero e proprio menù anticalvizie.
Al gene, si sa, non si comanda. Quello delle calvizie, poi, fa tutto da solo. Passa di padre in figlio e finisce per farli assomigliare. Molto spesso però, spiegano i tricologi, è nel piatto che si perdono i primi capelli. Colpa di un’alimentazione sbagliata e di troppi grassi. Ma anche dei radicali liberi, in agguato per fare piazza pulita delle criniere di un tempo.

Cosa sono i radicali liberi

Un radicale libero è una molecola o un atomo particolarmente reattivo che contiene almeno un elettrone spaiato nel suo orbitale più esterno. A causa di questa caratteristica chimica i radicali liberi sono altamente instabili e cercano di tornare all’equilibrio rubando all’atomo vicino l’elettrone necessario per pareggiare la propria carica elettromagnetica. Questo meccanismo dà origine a nuove molecole instabili, innescando una reazione a catena che, se non viene arrestata in tempo, finisce col danneggiare le strutture cellulari.

La produzione di radicali liberi è un evento fisiologico e si verifica normalmente nelle reazioni biochimiche cellulari, soprattutto in quelle che utilizzano ossigeno per produrre energia. Gli stessi radicali liberi possono essere prodotti anche a causa di fattori esterni, cioè ambientali, come: inquinamento, droghe, fumo attivo e passivo, alcol, farmaci, stress prolungato.

A tale proposito è interessante sapere che esistono anche degli alimenti in grado di neutralizzare i radicali liberi: pomodori, cipolle, peperoni, cavolfiore, fagiolini, cetrioli, melanzane, spinaci, albicocche, mele, melone, pesche, kiwi, susine, arance, prugne, more, pompelmo rosa, fragole, mirtilli, uva nera.

Vitamine e minerali nella dieta anticalvizie

Anche una carenza di vitamine e minerali, può spiegare la debolezza del capello. Per questo nel menù, anti-calvizie è meglio inserire questi alimenti: yogurt, ceci e fagioli, uova, mitili, pesce spada e salmone, infine carne rossa.

– Lo yogurt è ricco di iodio, un minerale essenziale per la salute di capelli, ma anche di unghie e pelle. Alimento proteico che nutre anche la cute.

– I ceci e i fagioli contengono zinco, ferro, proteine e buone quantità di vitamina B6 (la vitamina del ciuffo).

– Nelle uova il selenio e il magnesio, uniti alle proteine del latte, sono un efficace combinazione arresta-caduta.

– I mitili in generale e le cozze in particolare sono un’ottima fonte di zinco, minerale coinvolto nel processo diriproduzione delle cellule e nella regolazione dell’equilibrio ormonale, base di partenza per capelli più sani.

Pesce spada e salmone che contengono omega3.

– La carne rossa non deve sparire dalla dieta. I capelli sono composti soprattutto da proteine e la carne ne è una miniera. Anche il contenuto di zinco torna utile a gestire le ghiandole pilifere.

Sonia Brunelli
Sonia Brunelli vive a Imola dove ha studiato agraria occupandosi di alimentazione per diversi anni in una nota azienda del territorio. Si è poi specializzata nella gestione aziendale e ad oggi lavora per una ditta che promuove nuove starup con progetti e idee innovative.