Come preparare il sapone liquido in casa

564 views
sapone liquido

Preparare in casa il proprio sapone può essere un procedimento in grado di divertire e regalare piccole soddisfazioni. Tutto quello che occorre è del tempo a disposizione e un po’ di pazienza, ma i risultati non tarderanno ad arrivare e potrete utilizzare un prodotto detergente sicuro e preparato direttamente da voi.

In questo modo, non solo sarà possibile risparmiare un po’ di denaro, ma sarete certi degli ingredienti e delle concentrazioni adoperate.

Nozioni preliminari per preparare il sapone liquido casalingo

Per preparare il sapone liquido è necessaria una soluzione alcalina che, in questo caso, sarà l’idrossido di potassio. Non lasciatevi però intimidire, questo ingrediente è facile da maneggiare perché si presenta in fiocchi, che sono più pesanti delle piccolissime componenti dei normali saponi.

Saranno inoltre necessari: olio di cocco, olio di oliva, olio di crusca di riso, olio di fagiolo di soia, olio di semi di girasole, acqua distillata, glicerina e vegetale e qualsiasi fragranza voi preferiate. Procuratevi poi dei vecchi giornali per coprire l’area di lavoro ed evitare chi si sporchi.

Ricetta del sapone liquido fai da te

Ingredienti

  • 250 ml di olio di cocco puro
  • 250 ml di olio di oliva
  • 80 ml di olio di crusca di riso
  • 300 ml di olio di fagiolo di soia
  • 150 ml di olio di semi di girasole
  • 250 g di idrossido di potassio
  • 750 ml di acqua distillata
  • 450 g di glicerina vegetale
  • Alcune gocce dell’olio essenziale preferito
  • Colorante naturale (opzionale)

Occorrente

  • Pentola
  • Guanti
  • Occhialini protettivi
  • Frullatore
  • Bilancia
  • Stracci vecchi

Ventilata la vostra area di lavoro e copritela con dei giornali. Indossate i guanti e gli occhialini e assicuratevi che bambini e animali domestici si muovano incontrollati mentre iniziate la preparazione. Cominciate col pesare tutti gli oli e versateli in una pentola che farete riscaldare a fuoco alto, fino a che le soluzioni non saranno completamente amalgamate.

È possibile utilizzare un pentolino più piccolo per questa prima operazione, per poi trasferire tutto in un recipiente più grande con l’aggiunta degli altri ingredienti. Mettete l’acqua distillata in una ciotola pulita e aggiungete lentamente l’idrossido di potassio, mescolando (è importante non invertire mai l’ordine di queste due operazioni).

Sentire una sorta di cigolio mentre l’idrossido si discioglie è assolutamente normale. Preparata questa soluzione, aggiungetela agli oli. Iniziate a mescolare gli ingredienti con le mani, per poi aiutarvi con una spatola. La miscela che ne risulterà avrà una consistenza quasi grumosa e tenderà a staccarsi, ma non preoccupatevi.

Continuate a mescolare per almeno 5 minuti, poi ricopritela e ponetela sul fuoco a fiamma viva per i primi 30-60 minuti e, trascorso il tempo necessario, diminuite la potenza del calore. Mescolate di tanto in tanto. Dopo circa due ore, il composto dovrebbe avere l’aspetto di una sostanza traslucida simile alla vaselina.

Quando apparirà completamente omogeneo e senza alcuna macchia opaca, potrete testare il vostro sapone. Per farlo, prelevatene una cucchiaiata e immergetela in acqua bollente, avendo cura di mescolare bene: ci metterà un po’ a dissolversi completamente.

A questo punto, se l’acqua risulterà chiara, potrete continuare con il procedimento di diluizione. In caso contrario, continuate a cuocere il composto.

Diluizione

Una volta che la vostra pasta di sapone sarà completamente cotta, si passerà al processo di diluizione. Riscaldate 1 e ½ litro di acqua fino a farla diventare molto calda, ma non bollente. Aggiungete la glicerina vegetale e mescolate bene. Versate questo composto nella pentola contenente gli ingredienti precedentemente preparati e mescolate aiutandovi con l’aiuto di uno sbattitore, se necessario.

Coprite e lasciate riposare per alcune ore, preferibilmente un’intera notte. La mattina seguente, mescolate bene il sapone e lasciate che raggiunga la giusta consistenza attendendo almeno un’ora. Il composto che non si sarà ben diluito risalirà in superficie, lasciando il sapone liquido al di sotto.

Eliminate i pezzi non amalgamati e trasferite il resto in un contenitore. A questo punto, potete colorare il sapone o aggiungervi le fragranze che preferite.

Le sostanze non disciolte, possono essere cotte nuovamente con l’aggiunta di acqua. Come in precedenza, fatele poi riposare per una notte e, la mattina successiva, dovrebbero essersi dissolte.

Non abbiate paura di sperimentare e sbagliare. Provate a realizzare il vostro sapone liquido fai da te e, una volta presa la mano, vi accorgerete di quanto è divertente creare qualcosa per se stessi.

Alessandra Montefusco
Ho una laurea magistrale in Teoria dei linguaggi e sono appassionata di rimedi naturali e cosmetica ecobio sin dall’adolescenza. Per questo cerco sempre di tenermi aggiornata sulle ultime novità del settore e sulle potenzialità dei prodotti che madre natura ci ha donato.Mi occupo di comunicazione e lavoro nel settore degli audiovisivi. Amo la musica - mia grande passione - la letteratura, il cinema, le passeggiate all’aria aperta e…il cibo!