Proteina C Reattiva PCR nelle analisi del sangue

147 views
proteina c reattiva

La proteina C reattiva (PCR) è una proteina della fase acuta, ossia che viene prodotta a livello epatico a seguito di processi infiammatori, infezioni, malattie reumatologiche, interventi chirurgici e traumi. Il suo aumento nelle analisi del sangue è utilizzato come segnale della presenza di uno stato infiammatorio.

Il valore della PCR è sensibile, aumenta rapidamente nel corso dell’infiammazione e subisce variazioni altrettanto rapide durante il corso di una terapia. Questo fa del dosaggio della PCR un esame utile per capire se c’è l’infiammazione e per valutare e monitorare l’efficacia di un’ eventuale terapia. Tuttavia per quanto utile la PCR non è informativa sulla sede ne sull’origine dell’infezione.

Studi recenti hanno dimostrato come il dosaggio di hs-PCR sia correlato all’aumentato rischio di sviluppare una patologia cardiaca.

Valori di riferimento della PCR

La concentrazione di proteina C reattiva in condizioni fisiologiche è piuttosto bassa: 0,5 – 10 mg/L.

I valori della PCR variano a seconda del sesso e dell’età del paziente, ad esempio nelle donne è comune trovare valori di PCR un po più elevati rispetto agli uomini.

A seconda dei valori di PCR che si dosano nel sangue sono indicativi o meno dell’infiammazione. Durante il processo infiammatorio acuto, i valori di PCR possono aumentare notevolmente e raggiungono il picco massimo entro 48 ore dall’inizio del processo infiammatorio.

È possibile dosare anche i valori di hs-PCR come fattore di rischio cardiaco:

  • basso rischio cardiaco <1 mg/L
  • moderato rischio cardiaco 1 – 3 mg/L
  • elevato rischio cardiaco >3 mg/L

Cause della PCR alta nel sangue

La PCR è una proteina che aspecificamente viene prodotta quando è in corso un processo infiammatorio, pertanto non è difficile trovare il valore alterato a seguito di patologie di varia natura e traumi.

Le cause dell’aumento della proteina C reattiva sono:

  • Infezione batterica
  • infezione fungina
  • appendicite
  • lupus eritematoso sistemico
  • linfoma
  • infarto del miocardio
  • rischio cardiovascolare
  • sepsi
  • tubercolosi
  • ustione
  • trauma
  • polimialgia reumatica
  • pancreatite
  • malattia infiammatoria intestinale
  • gotta
  • malattia infiammatoria pelvica
  • neoplasie
  • artrite reumatoide
  • intervento chirurgico

Quando viene richiesto l’esame

Il dosaggio della PCR viene richiesta dal medico per:

  • valutare la presenza di un’infiammazione acuta
  • monitorare l’efficacia della terapia sull’infiammazione
  • valutare infezioni di varia natura in corso
  • verificare la guarigione di ferite da interventi chirurgici
  • verificare la guarigione da ustioni o traumi
  • valutare malattia infiammatoria pelvica
  • valutare patologie infiammatorie intestinali, come il morbo di Crohn
  • valutare artrite
  • valutare malattie autoimmuni, come il lupus eritematoso sistemico
  • valutare il rischio di sviluppare coronopatie

Spesso il dosaggio della PCR viene prescritto insieme alla VES, la velocità di eritrosedimentazione dei globuli rossi, un altro indice infiammatorio ma meno sensibile e aspecifico.

Poiché questi due valori risultano buoni indicatori infiammatori ma non sono informativi sull’origine dell’infiammazione, sono solo un punto di partenza per l’esecuzione di ulteriori indagini specifiche e approfondite.

PCR come marcatore di malattia cardiaca

Recenti studi hanno evidenziato la correlazione tra l’infiammazione e l’aumentato rischio di avere un infarto o di sviluppare una patologia cardiaca.

Quindi la PCR, come marcatore dell’infiammazione, viene sempre più usata anche in questi casi. È stato dimostrato soggetti con valore inferiore a 1 mg/L di proteina C reattiva hanno un basso rischio di sviluppare una patologia cardiaca.

È un dosaggio importante in quanto è sensibile all’infiammazione ed è indipendente dal dosaggio di LDL e trigliceridi.

Fattori che influenzano l’esame

L’aumento della proteina C reattiva può essere influenzato da:

  • assunzione della pillola anticoncezionale
  • assunzione di alcuni farmaci come paracetamolo, ibuprofene, statine
  • gravidanza
  • obesità 
  • lupus eritematoso
  • artrite reumatoide
  • età avanzata

Poiché il dosaggio della proteina C reattiva può essere influenzato da tanti fattori è importante far valutare i risultati delle analisi del sangue da un medico.