Rimedi naturali per eliminare gli insetti dalla dispensa

pesciolini argento

La dispensa della cucina, quella in cui conserviamo le scatole di cibo, a volte può trasformarsi nel luogo perfetto in cui annidarsi per tutti quegli insetti e animaletti cosiddetti “da dispensa”.

Stiamo parlando di pesciolini d’argento, farfalline, tarme e larve, che depositano le uova nel nostro cibo, costringendoci a gettarlo via.

L’unico modo per impedire lo spreco permanente di cibo, visto che è impossibile recuperarlo una volta che questi insetti vi ci sono annidati all’interno, è quello di liberarsi di loro una volta per tutte, con rimedi naturali ed ecologici, assolutamente non inquinanti e privi di sostanze chimiche dannose.

Controllare minuziosamente il cibo

Il primo step, in questo caso, è senza dubbio quello di verificare i danni effettivi e controllare le nostre scatole e i nostri barattoli uno ad uno, anche quelli ancora chiusi e sigillati, perché questi minuscoli insetti riescono ad inserirsi nelle fessure più piccole.

Ovviamente, se all’interno delle scatole ritroviamo farfalle, larve, uova o piccoli filamenti simili a ragnatele, vuol dire che gli animaletti sono riusciti ad entrare nel contenitore e, soprattutto a nidificare. In questo caso, il cibo deve essere buttato via.

Le scatole e i barattoli ancora intatti e privi di insetti devono essere comunque tirati fuori dalla dispensa e riposti in frigo per un paio di giorni, in modo da poterla pulire e disinfettare a dovere.

Liberare e pulire la dispensa

Una volta completamente liberata la dispensa, non ci resta che pulirla a fondo e molto attentamente, in modo da disinfettarla per bene e rimuovere tutti gli eventuali insetti dimenticati durante il controllo del cibo.

In questo caso, l’aceto è un ottimo alleato e funge da detersivo naturale (qui spieghiamo come adoperarlo al meglio nelle pulizie casalinghe!).

Prepariamo, quindi, una soluzione a base di acqua e aceto e detergiamo per bene la dispensa, gli scomparti e le ante, rimuovendo l’eccesso di prodotto con un panno umido e asciugando il tutto con un panno in microfibra.

Una volta terminato il processo di pulizia, possiamo rimettere in dispensa il cibo che siamo riusciti a salvare. Un consiglio utile, in questo caso, è quello di trasferire la pasta, la farina e il pane in contenitori di vetro chiusi ermeticamente. E passiamo, dunque, ai migliori rimedi naturali per liberarsi definitivamente degli insetti da dispensa!

Rimedi naturali contro gli insetti da dispensa

Tra i rimedi naturali riconosciuti più efficaci per eliminare e prevenire la ricomparsa di tarme, farfalle, larve e altri insetti del genere possiamo trovare:

  • foglie di alloro: queste foglie sono utilissime per allontanare gli insetti dalla dispensa, in quanto il loro odore pungente risulta molto fastidioso per questi animaletti. Posizioniamo qualche foglia qua e là.
  • oli essenziali: ci sono alcuni oli essenziali che hanno odori molto forti e sono quelli di lavanda, arancia, menta o citronella. Possiamo utilizzarli per creare una soluzione con dell’acqua che disturbi gli insetti e ne prevenga la ricomparsa.
  • limone o cetriolo: agrumi dall’odore davvero intenso e fastidioso per gli animaletti, possiamo posizionarne qualche fetta fresca all’interno della dispensa e cambiarla nel momento in cui si secca. Il limone è utile anche per pulire casa in modo ecologico, scopri come qui!

Come capire se gli insetti sono ricomparsi

Nonostante l’applicazione di questi rimedi naturali efficaci, utili ed economici, occorre sempre fare la prova del nove, e cioè verificare un’eventuale ricomparsa di queste fastidiose farfalline.

Per fare ciò, posizioniamo all’interno della dispensa, in più punti, del nastro biadesivo e lasciamolo lì per qualche giorno. Se, trascorso un po’ di tempo, vi ritroviamo qualcuno di questi insetti attaccato vicino, vuol dire che il nostro cibo è stato nuovamente contaminato e dobbiamo procedere con una nuova pulizia approfondita.

Pesciolini d’argento

Menzione d’onore per i pesciolini d’argento – nome comune per definire i Lepisma saccharina – ossia quegli insetti dal corpo argentato e dalle innumerevoli zampette che si annidano in ogni angolo della casa, ovunque ci sia un clima sufficientemente umido.

Per questo motivo, spesso si posso ritrovare sotto il lavello della cucina, in bagno, ma anche sotto il frigorifero.

Ai pesciolini d’argento piace rosicchiare la mobilia, i libri o la tappezzeria e per questo motivo possono risultare piuttosto fastidiosi.

Rimedi naturali per eliminare i pesciolini d’argento

Innanzitutto, occorre deumidificare l’ambiente, visto che abbiamo accennato che a questi insetti argentati piacciono gli ambienti umidi. Con un deumidificatore, facciamo scendere il tasso di umidità della casa al di sotto del 50%.

Un ottimo repellente naturale per i pesciolini d’argento è senza dubbio il cetriolo, dall’odore pungente che risulta insopportabile per questi animaletti. Ci basterà lasciare una ciotola di cetriolo fatto a pezzetti nei vari angoli della casa, soprattutto dove sono stati avvistati gli insetti. Una volta seccato, il cetriolo dev’essere cambiato e il trattamento va ripetuto per una settimana.

Altri odori che i pesciolini d’argento non sopportano sono quelli della menta piperita, dei chiodi di garofano e del rosmarino. Possiamo inserire un mix di queste erbe in un sacchetto e posizionarlo negli angoli più umidi della casa, per allontanare questi insetti argentati.

Giorgia Greco
Frequento la facoltà di Economia Aziendale all'università degli studi del Sannio di Benevento, la mia grande passione è scrivere e sono da sempre interessata a tutto ciò che riguarda il benessere, la bellezza e la cosmetica.