Accelerare la ripresa dopo una pericardite: ecco come farlo con i rimedi naturali

1.886 views

Provare una sensazione di dolore al petto è un’esperienza che sicuramente spaventa molto. Questo perché si tratta di uno dei più comuni sintomi legati ad un attacco cardiaco. C’è però un’altra condizione, chiamata pericardite, che può provocare fitte al torace. Esse sono spesso pungenti e creano difficoltà nella respirazione.

La pericardite è un’infiammazione della sacca che contiene il cuore (pericardio) e può condurre a un progressivo accumulo di fluidi nella zona circostante il muscolo cardiaco. In questa condizione, è possibile che l’organo non riesca più a funzionare in modo corretto.

Ai primi sospetti di pericardite è quindi importante consultare il proprio medico e valutare le condizioni e lo stato di avanzamento della patologia. Il disturbo, infatti, può diventare serio se non trattato con le giuste misure.

L’infiammazione tende a manifestarsi principalmente negli uomini tra i 16 e i 65 anni, con un’incidenza maggiore nel caso di soggetti con una storia clinica già segnata da problemi cardiaci. Tuttavia, la patologia può colpire anche le donne e i pazienti completamente sani. Il pericardio svolge diverse funzioni molto importanti.

Previene infatti che il cuore si espanda in modo eccessivo in seguito ad un aumento del volume del sangue. Lo protegge poi dall’attacco di batteri e agenti patogeni e da possibili traumi o danni. La gravità della patologia dipende dal tipo di pericardite da cui si è interessati.

Se il pericardio è molto infiammato e, di conseguenza, il cuore si affatica particolarmente, c’è il rischio che si sviluppino sintomi severi. La pericardite è un disturbo che va curato con l’assistenza di un medico e non deve essere sottovalutata. Esistono però dei metodi naturali utili a prevenire la malattia e che, affiancati ai trattamenti standard, aiutano ad accelerare la ripresa. Ecco quali sono.

Ridurre lo stress fisico

Ogni tipo di stress fisico, inclusa un’attività fisica troppo intensa o inadatta al proprio corpo, può essere dannosa quando si soffre di pericardite. Si raccomanda quindi di non esagerare con sforzi eccessivi, così da promuovere una rapida guarigione.

Durante il periodo di cure, provate a gestire lo stress attraverso delle pratiche mirate, come: yoga leggero, meditazione, esercizi di respirazione o massaggi. È importante poi dormire dalla 7 alle 9 ore a notte.

Dieta antinfiammatoria

Date più forza al sistema immunitario eliminando i cibi industriali dalla vostra dieta. Scegliete invece alimenti ricchi di sostanze nutritive, antiossidanti, vitamine e minerali. Quelli più indicati sono la frutta e la verdura, specialmente contenenti vitamina C, come: arance, kiwi, verdure a foglie larghe, fragole e peperoni.

Molto importanti per il nostro organismo sono poi i nutrienti che ci vengono forniti da olio di oliva, frutta secca e olio di avocado. Ricchi di proteine sono invece le uova, il salmone e la carne di allevamento non intensivo.

Ricordatevi poi di bere la giusta quantità di acqua durante la giornata, questo semplice gesto renderà più agevole la respirazione riducendo la tosse: sono consigliati circa 8 bicchieri d’acqua al giorno, uno ogni 2-3 ore.

Combattere le infezioni

L’attacco di agenti patogeni può peggiorare le condizioni di una pericardite. È possibile proteggere il proprio organismo dalle infezioni utilizzando alcuni ingredienti naturali:

  • Olio essenziale di origano: la sua efficacia ha luogo sia usato internamente che esternamente. Ha la capacità di trattare le infezioni virali, ridurre l’infiammazione e alleviare i disturbi respiratori
  • Ingredienti antivirali: aiutano a proteggere l’organismo contro le infezioni e a risolvere diverse condizioni patologiche. Essi includono: aglio, argilla bentonite, noce ed estratto di semi di pompelmo. Oltre a contrastare le infezioni, coadiuvano le attività del sistema cardiocircolatorio e di quello digerente
  • Erbe adattogene: l’ashwagandha, la liquirizia e la rhodiola sono alcuni degli ingredienti naturali in grado di supportare la buona salute del sistema immunitario e di alleviare la fatica fisica e mentale

Migliorare la respirazione

L’utilizzo di un umidificatore, specialmente durante il sonno, aiuta a sciogliere i muchi e a mitigare l’affanno e la sensazione di fiato corto. È importante poi evitare il fumo, anche quello passivo.

Esso infatti aggrava le infiammazioni e aumenta il rischio di sviluppare varie patologie, comprese quelle cardiache. Per migliorare la respirazione è inoltre indicato l’olio di eucalipto: basterà versarne 10 gocce in acqua bollente e fare dei suffumigi per inalarne i vapori.

Già dai primi segnali di una possibile pericardite è bene contattare il medico per una pronta valutazione del problema. Non bisogna lasciare la patologia senza un adeguato trattamento perché una sua complicazione può mettere a rischio le funzioni vitali. I rimedi appena descritti possono aiutare a prevenire il disturbo e a stimolare la ripresa, ma non si sostituiscono alle cure convenzionali in caso di pericardite già in atto.

Alessandra Montefusco
Ho una laurea magistrale in Teoria dei linguaggi e sono appassionata di rimedi naturali e cosmetica ecobio sin dall’adolescenza. Per questo cerco sempre di tenermi aggiornata sulle ultime novità del settore e sulle potenzialità dei prodotti che madre natura ci ha donato.Mi occupo di comunicazione e lavoro nel settore degli audiovisivi. Amo la musica - mia grande passione - la letteratura, il cinema, le passeggiate all’aria aperta e…il cibo!