Tutto ciò che devi sapere sull’igiene intima

Le secrezioni naturali intime provvedono a rimuovere le impurità, ecco perché un’eccessiva pulizia può provocare problemi, come uno squilibrio del ph. Per rimanere fresche e pulite è sufficiente eseguire un lavaggio delle piccole, grandi labbra e delle altre parti esterne dei genitali con un detergente neutro.

Se desideri un’igiene più accurata ti basta sostituire il detergente neutro abituale (deve avere un ph 5.5) con uno a ph più acido (4.5, 3.5).Ottimo anche un prodotto probiotico per la detersione, che aiuta le difese naturali. Questa piccola accortezza va seguita anche durante i giorni in cui hai il ciclo mestruale.

Igiene intima durante il ciclo

Una lavanda vaginale all’estratto di salvia, può accelerare la fine delle mestruazioni (parliamo di residui del mestruo), per cui a volte si può utilizzare, ma che non diventi un’abitudine.

Infatti, se si spinge il getto con troppa forza, la lavanda può favorire la risalita dei residui di sangue nell’utero e favorire così le infiammazioni.

Importante è non eccedere mai con le lavande intime, privano il corpo del biofilm e della microflora, elementi preziosi per proteggerti. Entrambi si possono considerare delle sentinelle naturali, lavarli via può consentire il passaggio agevolato dei germi, rischiando infezioni.

Se ti accorgi di una perdita o di uno strano odore, è meglio parlarne con il ginecologo o con proprio medico di fiducia. Vietato auto-curarsi con le lavande vaginali.

Cattivi odori?

I cattivi odori intimi possono essere la spia di una vaginosi batterica o di un’infezione di Gardnerella. Stai allerta anche nel caso compaiano arrossamenti o pruriti intimi, accompagnati da perdite biancastre, potrebbe trattarsi di leucorrea.

Spesso può comparire anche un bruciore e un dolore vulvo-vaginale, soprattutto dopo i rapporti sessuali. In questi casi eseguire lavaggi vaginali improvvisati, può sia aggravare il processo infettivo, sia ritardare la diagnosi da parte del proprio ginecologo.

Igiene intima e malattie

Alcune malattie sono strettamente legate ad una mancata o scorretta igiene intima. Ma è molto più probabile che le malattie o le infezioni intime siano causate da altri fattori più determinanti, uno fra tutti i rapporti sessuali non protetti.

In ogni caso l’igiene intima resta un elemento importantissimo nella cura e nella salvaguardia dell’apparato genitale e per garantire il benessere intimo.

Senza contare il fatto che una volta contratta un’infezione o una malattia intima è fondamentale una corretta igiene intima, lavare accuratamente con i giusti prodotti le parti intime per alleviare i sintomi e aiutare il processo di guarigione.

È importante per capire se abbiamo contratto un’infezione vaginale, informarsi sulle possibili malattie vaginali e sapere quali sono i sintomi più comuni e rivolgersi immediatamente al proprio medico. Ecco alcune delle patologie ed infezioni intime più diffuse:

  • Candidosi
  • Gonorrea
  • Vaginite
  • Clamidia
  • Herpes genitale
  • Cistite

Candidosi:

La Candida è un fungo che si trova di norma all’interno della vagina, ma capita molto spesso che a causa di fattori come lo stress, un abbassamento delle difese immunitarie, l’uso di antibiotici o una scorretta alimentazione, rapporti sessuali non protetti, questo fungo proliferi scatenando una delle più comuni infezioni intime, ossia la Candidosi.

La Candidosi è un’infezione che può manifestarsi più di una volta e colpisce molto frequentemente le donne. I sintomi più comuni della Candidosi sono prurito e bruciore intimo, e perdite biancastre.

In presenza di un’infezione cronica, come la candidosi, può essere un ottimo aiuto un accurato lavaggio intimo con una lavanda disinfettante, che favorisce la guarigione, aumentando l’efficacia dei farmaci.

Gonorrea:

La Gonorrea è una tra le infezioni intime più comuni, causate da un batterio, il Gonococco, che si contrae tramite rapporti sessuali non protetto laddove il partner è un soggetto infetto.

Questo tipo di infezione intima, come la clamidia, interessa la cervice uterina, l’endometrio, le tube di Falloppio, in questo caso purtroppo può anche cagionare l’infertilità,  più raramente interessa l’uretra e l’ano. 

sintomi più comuni di quando si contrae la Gonorrea sono: perdite giallastre, bruciore e prurito intimo, dolori durante i rapporti sessuali, febbre e dolori addominali quando l’infezione peggiora.

Vaginite:

La Vaginite è un’infiammazione acuta di natura infettiva a carico della vagina. È una delle maggiori conseguenze delle infezioni vaginali ed è spesso causata da alterazioni nel normale equilibrio della flora batterica vaginale.

La Vaginite è un’infezione intima che può essere causata da eventi sia patogeni che ambientali, per cui si possono individuare diverse tipologie di vaginite: vaginite parassitaria, fungina, atrofica, batterica, e non infettiva.

I sintomi più comuni della Vaginite sono: dolore intimo durante i rapporti sessuali, o quando si va in bagno durante la minzione, prurito e infiammazione nella zona genitale, perdite biancastre, cattivo odore intimo.

Braun Silk-Expert 3 BD 3005 Epilatore a Luce Pulsata, Epilazione Definitiva dei Peli Visibili a Casa con Custodia, Bianco/Viola
  • Prezzo minimo applicato negli ultimi 30 giorni: EUR 217,87
  • Riduzione permanente dei peli in soli tre mesi*
  • Tecnologia a luce pulsata sicura, clinicamente testata per la rimozione definitiva dei peli visibili a casa
  • raccomandato da Skin Health Alliance
  • Luce Pulsata intelligente con SensoAdapt: la tecnologia di rimozione dei peli a luce pulsata che si adatta automaticamente alla tonalità  della pelle**

Clamidia:

La Clamidia è un batterio che provoca una fastidiosa infezione alla vagina, e che in genere si trasmette durante rapporti sessuali non protetti con un partner infetto.

L’infezione vaginale prodotta dalla Clamidia, può colpire in particolare: la cervice uterina, l’endometrio e le tube di Falloppio. I sintomi causati dalla Clamidia sono: la comparsa di perdite giallognole o grigiastre, più raramente bruciori e dolori durante i rapporti sessuali, nella fase più avanzata dell’infezione si può riscontrare ebbre e dolori addominali.

Herpes Genitale:

L’Herpes genitale è una patologia, frequente e recidiva cioè tende a manifestarsi più volte. È un tipo di infezione causata dal virus Herpes Simplex 2, che viene contratto attraverso rapporti sessuali non protetti con un soggetto che è portatore del virus.

sintomi dell’Herpes genitale consistono in un dolore e bruciore intimo causati dalla comparsa di brutte lesioni vescicolose sulla vulva che tendono a ulcerarsi.

Cistite:

La cistite è un’infiammazione urinaria molto comune e frequente nelle donne, ma soprattutto molto odiata. È un’infezione causata da diversi microrganismi, ma la causa principale della cistite possiamo dire che è di origine batterica, anche se si può contrarre una cistite causata da radioterapia oppure un tipo di cistite intestinale.

Inoltre i rapporti sessuali, la stitichezza e la menopausa sono fattori che tendo a facilitare l’insediamento dei microrganismi patogeni che appunto causano la cistite.

I fastidiosi e comunissimi sintomi della cistite sono: bruciore intimo, dolore durante la minzione, un continuo stimolo a urinare, dolore nella parte bassa dell’addome, a volte accompagnato da sangue nelle urine

Igiene intima e sesso

Come abbiamo visto i rapporti sessuali spesso sono la causa di molte infezioni  e malattie intime. Oltre che avere rapporti sessuali protetti e sicuri, è anche importante sia prima che dopo il sesso una corretta igiene intima.

È infatti sufficiente la detersione normale con un antibatterico con ph 4.5, arricchito di sostanze lenitive come calendula o malva.

Quindi, meglio evitare lavande intime, o comunque mai eccedere nel loro utilizzo e preferire lavande vaginali naturali. Durante la giornata lavorativa per rinfrescarti, puoi utilizzare delle salviettine intime alla calendula, malva o tiglio.

Igiene intima fai da te:

Se ami il fai da te per l’igiene personale: un cucchiaio di bicarbonato di sodio ottimo alleato dell’igiene personale, sciolto nell’acqua tiepida durante il bidet, può attenuare infiammazioni e pruriti, infatti è un ottimo detergente non aggressivo.

Ma ricorda che i lavaggi riguardano solo i genitali esterni, mai utilizzare irrigazioni vaginali, o introdurre all’interno della vagina qualsiasi tipo di prodotto, se non è prescritto o consigliato dal proprio ginecologo o medico di fiducia.