Valori dell’emoglobina nel sangue

211 views
emoglobina analisi del sangue

L’emoglobina (Hb) è una proteina di colore rosso, solubile, presente nei globuli rossi il cui ruolo è quello di trasportare l’ossigeno ai tessuti.

Con la respirazione l’emoglobina contenuta nei globuli rossi acquisisce molecole di ossigeno da trasportare ai tessuti che, a seguito dei loro processi metabolici, producono anidride carbonica. L’emoglobina è sensibile alla variazione della concentrazione di ossigeno quindi, una volta nei tessuti, lo rilascia e lo scambia con l’anidride carbonica. Carico di anidride carbonica il sangue venoso torna ai polmoni, dove l’emoglobina la rilascia per favorire l’eliminazione a favore di un nuovo carico di ossigeno.

La funzione dell’emoglobina nell’organismo è fondamentale, perciò è importante valutare periodicamente i livelli di questa proteina.

Valori di riferimento dell’emoglobina

I valori dell’emoglobina sono influenzati dal sesso e dall’età:

  • uomini: 14.0 – 17.5 g/dl
  • donne: 12.3 – 15.3 g/d
  • neonati alla nascita: 16.5 g/dl
  • neonati nei primi tre giorni di vita: 18.5 g/dl
  • neonati nella prima settimana di vita: 17.5 g/dl
  • neonati nella seconda settimana di vita: 16.5 g/dl
  • neonati nel primo mese: 14.0 g/dl
  • neonati di 2 mesi: 11.5 g/dl
  • neonati di 3-6 mesi: 11.5 g/dl
  • bambini di 0.5-2 anni: 12.0 g/dl
  • bambini di 2-6 anni:  12.5 g/dl
  • bambini di 6-12 anni: 13.5 g/dl
  • bambini di 12-18 anni: 14.5 g/dl
  • bambine di 12-18 anni: 14.0 g/dl

Come vengono valutati i valori dell’Hb

I valori dell’emoglobina di solito vengono valutati con:

  • ematocrito: valuta la proporzione tra porzione corpuscolata e porzione plasmatica del sangue
  • esame emocromocitometrico: valuta quantità e dimensioni delle componenti cellulari del sangue
  • elettroforesi dell’emoglobina: questo esame permette di valutare la conformazione della proteina che fondamentale per il corretto funzionamento dell’emoglobina. Condizioni patologiche, come le emoglobinopatie, anemia falciforme e talassemia, l’emoglobina assume una conformazione diversa da quella fisiologica limitando la sua funzione

Emoglobina bassa

Valori bassi poco significativi di emoglobina sono molto comuni nella pratica clinica. Quando i valori bassi sono significativi, condizione di anemia, è sintomo che il corpo:

  • non produce globuli rossi a sufficienza per il fabbisogno dell’organismo
  • distrugge troppo in fretta i globuli rossi rispetto a quanti ne produce
  • ci sono emorragie in corso (ciclo mestruale abbondante, interventi chirurgici, sanguinamenti gastrointestinali)

Le condizioni patologiche che possono portare ad una condizione di anemia sono:

  • anemia
  • idratazione eccessiva
  • gravidanza
  • endocardite
  • febbre reumatica
  • ipotiroidismo
  • infezioni
  • carenza di ferro
  • carenza di folati
  • carenza di vitamina B12
  • emorragia
  • cirrosi
  • leucemia
  • linfoma
  • linfoma di Hodgkin
  • mieloma multiplo
  • lupus eritematoso sistemico
  • malnutrizione
  • morbo di Addison
  • patologie a carico del midollo osseo
  • nefropatia
  • talassemia

Emoglobina alta

Riscontrare valori alti significativi valori alti di emoglobina è abbastanza raro.

Questa condizione si può riscontrare quando:

  • il fabbisogno di ossigeno ai tessuti non è soddisfatto e quindi il midollo osseo produce più globuli rossi, come conseguenza di patologie cardiache e patologie polmonari
  • con patologie a carico del midollo osseo che causano una condizione di policitemia
  • assunzione di eritropoietina (EPO), un ormone che stimola la produzione di globuli rossi (è una pratica di doping molto utilizzata nello sport agonistico)
  • aumentata sintesi renale di EPO a causa di patologie renali
  • vizio del fumo
  • situazioni ambientali estreme, ad esempio l’alta quota l’aria è rarefatta e quindi l’organismo mette in atto meccanismi di compensazione incrementando la quota di globuli rossi 

Spesso, l’aumento dell’emoglobina è sintomo di condizioni patologiche importanti come:

  • cisti renale
  • patologie cardiovascolari
  • policitemia
  • patologie polmonari
  • ustioni
  • shock
  • forte disidratazione
  • sindrome di Cushing
  • tumore al fegato
  • vomito ripetuto
  • esercizio fisico intenso ed eccessivo

Quando viene fatto il dosaggio dell’emoglobina

Il dosaggio dell’emoglobina viene richiesto da medico:

  • come esame di routine per uno screening generale del paziente
  • per monitoraggio, per la valutazione dell’andamento di una terapia in corso
  • per fare diagnosi di patologia

Il dosaggio dell’emoglobina è un esame di laboratorio che non ha bisogno di nessuna prescrizione medica.

Qualora l’esame evidenzi una carenza o un eccesso di emoglobina nel sangue è necessario chiedere un parere medico per avere una chiara diagnosi e una terapia che porti alla risoluzione della condizione patologica.