I cibi “amici” della pancia piatta

303

E’ ora di mettere il bikini, ma la pancia non è proprio piatta e quel rotolino ci infastidisce… come fare?

Sicuramente è importante fare esercizio fisico e seguire un’alimentazione equilibrata da mesi per arrivare in forma all’estate, ma ci sono degli alimenti che ci possono aiutare anche all’ultimo, per ridurre la pancia ed il suo gonfiore. Ricordatevi di assumerne almeno due fra questi, per ogni pasto:

– Ortaggi verdi / a foglia verde: insalata, spinaci, bietole proteggono l’organismo dai rischi di tumore al seno e, grazie all’acido folico che contengono, proteggono anche i capelli dall’effetto del sole, mantenendo il loro colore. L’insalata previene i disturbi di cuore e di circolazione e protegge dalle intossicazioni da smog. Meglio mangiare gli ortaggi cotti però, poiché regolarizzano l’intestino e, da crudi, potrebbero fermentare nell’intestino e generare gas e aria. Gli spinaci sono importanti perché aiutano a rafforzare la struttura muscolare e quindi, a tonificare e irrobustire anche gli addominali.

– Legumi (fave, fagioli, lenticchie, fagioli, ceci, piselli): preziosi perché donano fibre, proteine, calcio e ferro al corpo, dovrebbero essere mangiati ogni giorno. Per evitare flautolenza o difficoltà di digestione, è consigliabile togliere la pellicola che li ricopre, ossia la cellulosa.

– Latte e yogurt: fonte di calcio basilare per le ossa, sono indicati per tutte le età e genere, ed essendo ricchi di fermenti lattici, aiutano a riequilibrare la flora batterica e l’attività intestinale.

– Frutta secca non salata: nocciole, anacardi, noci, pinoli, pistacchi e, soprattutto, le mandorle sono una fonte preziosa di grassi insaturi e di vitamina E: i primi, veri alleati del cuore, la seconda vera lottatrice contro l’invecchiamento. La frutta secca inoltre mantiene sotto controllo il colesterolo poi, e tramite le fibre migliora la digestione e l’attività intestinale.

– Uova: fonte di proteine (se si soffre di colesterolo alto, mangiare solo l’albume)

– Frutti di bosco, in particolar modo i lamponi: ottimi per soddisfare la sete, per rinvigorire il corpo soprattutto d’estate con il super caldo e soprattutto, con le loro vitamine e sali minerali, per contrastare l’invecchiamento cellulare.

– Pane e cereali integrali: contengono fibre che combattono l’insorgenza di cancro al colon retto e carboidrati complessi, che sono la miglior fonte di energia per il corpo (rispetto agli zuccheri), nonché apportano velocemente il senso di sazietà.

– Olio extra vergine di oliva: protegge le arterie, regola il livello di colesterolo tramite i grassi monoinsaturi ed ha potere antiossidante. Che sia però, assolutamente a crudo.

–  Pesce: grazie ai suoi Omega3 riduce le infiammazioni e quindi il gonfiore che ne deriva, e mantiene la pelle elastica.

– Frutta: soprattutto l’avocado ricco di acidi grassi monoinsaturi, aiuta a ridurre il gonfiore addominale ma è importante consumare la frutta lontano dai pasti: al termine, ritarda la digestione e fa fermentare (aumentando il gonfiore). La mela è il frutto “migliore” poiché contrasta l’accumulo dei grassi e del colesterolo, nonché agevola il regolare transito intestinale e dà senso di sazietà. La banana ricca di potassio, abbatte il sodio (ideale se si è mangiato molto salato)

– Peperoncino: aiuta ad accelerare il metabolismo dei grassi grazie alla capsaicina (principio attivo che contiene e rilascia) e fa evitare la formazione di gas intestinali.

– Tisane: è il finocchio il principe delle tisane per combattere la pancia, poiché aiuta la digestione, purifica e depura (proprietà diuretiche) e sgonfia (anche l’ortica, il coriandolo, il cumino e l’anice sono indicati). Berle più volte al giorno, tutti i giorni. Anche il carbone vegetale è ottimo per riassorbisce i gas depositati nell’intestino: in commercio, si trova sotto forma di capsule o tavolette.

I cibi che favoriscono la pancia gonfia

Al contempo, dobbiamo anche eliminare o limitare altri cibi, colpevoli della ritenzione idrica e del gonfiore:

  • Dolci, gelati, cioccolato e caramelle
  • Bevande gassate
  • Cibi fritti e molto conditi
  • Sale: ridurlo il più possibile, sfruttando il sale già contenuto in molti alimenti (ad es. alimenti in scatola, salumi, formaggi, etc) o il sapore delle spezie
  • Alcool e superalcolici: non più di un bicchiere a pasto di vino. Almeno 2 litri di acqua naturale invece, per liberarsi dalle tossine.
  •  Masticare chewingum (o fumare sigarette) che fanno introdurre molta aria in corpo.

E non dimenticate altre importanti abitudini come:

–          Mangiare poco e spesso

–          Mangiare lentamente, per non ingurgitare aria

–          Mangiare ad ogni pasto, senza saltarne alcuno.