Anti Age, smart cream e pelle sempre giovane con le novità della cosmetica

64

La genomica e la glicobiologia sono oggi alla base della ricerca cosmetica che diventa sempre più tecnologia e innovazione. L’obiettivo è semplice: farci sembrare sempre più giovani in un’epoca in cui l’età media si è fortemente innalzata e la richiesta di cosmetici che “ringiovaniscano” è sempre più pressante.

Secondo gli scienziati, infatti, l’invecchiamento è un processo controllato dai geni. I moderni cosmetici, sempre più all’avanguardia, riescono a intervenire su questi geni, rallentando in un certo senso il processo di invecchiamento naturale.

Ad esempio limitando lo zucchero assunto si riesce a migliorare la funzionalità del gene Foxo3A che regola la durata della vita. Si sta lavorando dunque su un farmaco che interviene sul gene in modo da stimolarlo senza che venga indebolito dall’accumulo di insulina nel sangue.

La ricerca ovviamente mira anche a migliorare il nostro aspetto fisico, partendo proprio dalla pelle, il nostro vero e proprio biglietto da visita: per migliorare l’elasticità cutanea, Helena Rubinstein sta lavorando su un complesso di derivazione vegetale, la Bio Linfa Molecolare TM, un preparato che contiene 5 principi attivi in grado di migliorare la densità della pelle, l’idratazione e rinforzare il collagene presente naturalmente nell’epidermide.

Non solo: da febbraio sarà in commercio una smart cream che grazie alla tecnologia Intui-Gen riattiverà il fattore Nrf2, una proteina stimolante della produzione di enzimi con funzione antiage. Questa formula riesce anche ad attivare e stimolare il gene della longevità Sirt-l migliorando così l’attività cellulare e quindi l’aspetto della pelle che apparirà luminosa e idratata.

Tra gli altri prodotti tecnologici in commercio oppure in dirittura d’arrivo vi segnaliamo DermoLift di Vichy, contenente il ramnosio, uno zucchero naturale in grado di riattivare i fibroblasti, responsabili dell’elasticità della pelle. Yves Saint Laurent farà uscire a febbraio una linea di cosmetici che contengono glicani, i polisaccaridi che ricoprono la membrana cellulare e responsabili della differenziazione cellulare.

Secondo gli studiosi, si tratta della chiave per ritrovare la giovinezza della pelle, aumentandone lo spessore, la luminosità e l’elasticità. Difatti è ormai noto che con il passare degli anni si perde tessuto, circa il 7% ogni 10 anni. Le cellule iniziano a dividersi più lentamente, formando così nuovo tessuto, e la pelle inizia ad invecchiare apparendo più sottile e secca.

L’ultima novità che avremo modo di testare nei prossimi anni a venire riguarda i capelli. Pantene sta mettendo a punto degli shampoo mirati, indirizzati alle tre tipologie di capelli esistenti, ovvero fini, normali/spessi e colorati. Agendo in modo mirato, secondo i ricercatori Pantene, è possibile migliorare notevolmente la qualità dello shampoo che, ad esempio, sui capelli colorati agirà riempiendo le cuticule aperte dai trattamenti chimici di colorazione, rendendo i capelli più lucidi e brillanti e facendo durare più a lungo la tinta.