Arti marziali: quale scegliere?

190
tai chi

Le arti marziali sono discipline di combattimento che agiscono a livello psicofisico. Come tante altre discipline sportive anche le arti marziali si suddividono in diverse specialità, ognuna con caratteristiche proprie in base all’obiettivo che si intende raggiungere.

Le arti marziali hanno origini antiche, sono nate infatti come tecniche di combattimento dei guerrieri orientali e avevano lo scopo di allenare corpo, mente e spirito. Una disciplina a 360° che l’Occidente ha preso in prestito ideando tante diverse tipologie agonistiche volte alla difesa personale e al fitness.

Oggi sono tante le persone che scelgono di seguire corsi di arti marziali, dai bambini alle donne, complice anche una società più complessa in cui a difesa della propria incolumità ha un valore molto importante.

Vediamo insieme come scegliere l’arte marziale giusta, quella più adatta allo scopo che si vuole raggiungere e alle caratteristiche individuali di ogni singolo soggetto.

Boxe

E’ una disciplina anglosassone, nata per gli uomini, ma che oggi (grazie alle sue svariate versione come la kick boxing) è sempre più apprezzata anche dal gentilsesso.

Le tecniche e la gestualità si ispirano molto al tradizionale karate, dal quale però si distingue per l’uso di guantoni, sacco e varie protezioni per il corpo. Perchè scegliere la boxe? Non solo per le gesta dei grandi sportivi del passato, ma soprattutto per perdere peso e sentirsi in forma.

La boxe è una disciplina efficace per:

  • aiutare il sistema cardiovascolare
  • rafforzare la resistenza fisica
  • scolpire il fisico in tempi brevi
  • rassodare gambe e glutei
  • rinforzare addominali
  • bruciare calorie e dimagrire

A chi è adatta la boxe?

La boxe è un allenamento abbastanza faticoso, grazie alla stimolazione del sistema endocrino per bruciare calorie, è molto apprezzato da chi vuole dimagrire e ritrovare una forma ideale.

La boxe accelera il metabolismo e dal punto di vista psicologico fa molto effetto sullo stress (riducendolo) e aumenta l’autostima. Molto consigliata la variante in acqua (acqua-boxing) da seguire in piscina (leggi anche Fitness in acqua). L’allenamento di boxe deve essere svolto almeno 2 volte a settimana (3 per i più atletici) e consente un consumo di calorie notevole (circa 750 all’ora).

Karate

Eccoci alla tradizionale disciplina nipponica, la varietà di arte marziali originaria del Giappone viene scelta da chi desidera prendere maggiormente consapevolezza della propria forza e della capacità di controllarla.

L’allenamento di karate ha la sua efficacia in quanto:

  • garantisce un corpo perfetto e sinuoso
  • tonifica braccia, gambe, glutei, spalle e collo
  • ha un effetto antistress
  • migliora l’insonnia
  • riduce le cervicalgie
  • smorza la fame
  • migliora coliti e gastriti
  • migliora l’umore

E’ adatto a chi vuole migliorare l’autostima e l’introversione. Si consigliano allenamenti di un’ora per una volta a settimana, aumentando le sedute in base alle indicazioni degli istruttori.

Savate

E’ forse la disciplina meno conosciuta nel panorama delle arti marziali.,Essa ha origini settecentesche, nasce in Francia e unisce tecniche del karate (piedi) e tecniche della boxe (intero corpo).

Prima di essere una disciplina elegante e basata sull’equilibrio, era considerata una disciplina selvaggia (nata come lotta da strada). Gli esercizi prevedono:

  • esercizi di danza classica
  • esercizi a corpo libero
  • streching
  • allungamenti articolari
  • velocità

E’ adatta a chi desidera avere un corpo perfetto, a chi ama la danza e a coloro che sono alla ricerca di preparazioni ad altissimo livello. Gli allenamenti prevedono sedute settimanali (2/3 lezioni) che fanno bruciare circa 450 calorie e perdere almeno 5 chili ogni due mesi.

Thai fit

E’ la versione fitness delle arti marziali che unisce schemi delle tecniche di combattimento orientali all’uso del sacco e aerobica a ritmo di musica tipici delle palestre.

E’ una sorta di danza a ritmo di boxe che piace alle donne per il ritmo e agli uomini per l’aspetto più virile della disciplina. L’allenamento si basa su esercizi a corpo libero o con il sacco e deve essere svolto massimo 3 volte a settimana con lezioni di circa un’ora.

Il Thai fit consente di bruciare dalle 300 alle 600 calorie all’ora, è adatto per perdere peso, ma soprattutto per tonificarsi e difendersi (senza scontri diretti e pericolosi).

Tai chi

Diverso è il Tai chi (pur presentando analogie di nome con il thai fit). Questa disciplina è uno stile del kung fu, il tradizionale combattimento cinese.

E’ una tecnica adatta per rilassarsi e si basa su tecniche di meditazione, respirazione e danza con effetti simili al training autogeno e alla ginnastica dolce.

Le lezioni durano un’ora per 3 volte a settimana e fanno bruciare circa 300 calorie. E’ indicato per coloro che vogliono:

  • rilassarsi
  • prendere più consapevolezza del proprio corpo
  • uscire dalla timidezza
  • aprirsi agli altri
  • distendere e sciogliere muscoli e articolazioni

Wing chung

Questa disciplina è diventata un successo grazie al Bruce Lee. Si tratta di una strategia di autodifesa di rapido apprendimento e per questo molto amata dalle donne.

A differenza delle altre discipline derivanti dalle arti marziali, il wing chung non sfrutta la propria forza fisica, ma gioca sulle debolezze degli avversari colpendoli proprio in quei punti.

E’ uno stile del kung fu (come il tai chi) che mira ad interiorizzare alcuni movimenti e tecniche in modo da diventare l’istinto di noi stessi.E’ una disciplina che si può fare in coppia e permette d bruciare fino a 900 calorie in un’ora.

Le lezioni sono a discrezione dell’allenatore. Non esiste un numero preciso, ma varia a seconda del livello degli atleti. E’ una tecnica che richiede solo allenamenti per farla propria e nessuna abilità in particolare. Durante le lezioni è possibile che il personal trainer faccia utilizzare per allenarsi il pupazzo di legno (come se fosse l’avversario).