Bere acqua per affrontare il caldo in gravidanza

4.328 views
gravidanza bere acqua

Le alte temperature sono fonte di disagio per molti ma ci sono alcune categorie più “delicate” come bambini, anziani e, naturalmente donne incinte che, soprattutto quando la gravidanza è inoltrata, soffrono  maggiormente il caldo che accentua tutti quei piccoli fastidi che la dolce attesa porta con sè, dovuti ai cambiamenti del corpo e al peso di portare a spasso il bebè nel proprio pancione.

Una sana alimentazione è sempre la buona base da cui partire per affrontare i cambiamenti climatici, scegliendo con attenzione ciò che si mangia e si beve in modo da fornire all’organismo tutti i nutrienti di cui ha bisogno per mantenersi in buona salute e, durante la gravidanza, per la sana crescita del feto.

Se frutta e verdura non devono mai mancare con l’aumenta delle temperature bisogna tenere sotto controllo soprattutto l’idratazione avendo cura di reintegrare i liquidi e i sali minerali che si perdono con il caldo, durante una semplice passeggiata al parco o in spiaggia  e, nei giorni più caldi, semplicemente stando ferme.

Durante l’arco di tutta la giornata il Comitato Scientifico Acqua Panna consiglia di portare a  2,1 litri il consumo di acqua minerale, prediligendo quella a basso contenuto di sodio (basta leggere l’etichetta che riporta tutte le indicazioni) per favorire la diuresi e combattere la ritenzione idrica, uno dei più grandi fastidi ed incubi della gravidanza; questo tipo di acqua va però ogni tanto alternata con acque a media mineralizzazione (il residuo fisso classifica le acque) per riequilibrare alcuni sali minerali.

Per riuscire ad arrivare ai fatidici 2 litri d’acqua al giorno è bene sorseggiare acqua a temperatura ambiente (favorisce il transito intestinale) poco e spesso, cercando di prevenire la sensazione di sete, portando con sè sempre una bottiglietta d’acqua quando si è fuori casa, soprattutto durante le passeggiate. Naturalmente non si vive di sola acqua e per mantenere l’idratazione si può tranquillamente bere anche spremute, succhi o frullati soprattutto se preparati in casa ed eventualmente allungati con acqua o latte.

Oltre che al benessere durante i mesi di gravidanza e quelli più caldi una corretta alimentazione e idratazione predispone anche all’allattamento, d’altra parte l’acqua è una delle componenti fondamentali del latte che andrà a nutrire il neonato per cui le donne che diventano mamme proprio in estate faranno bene ad aumentare l’apporto di acqua per soddisfarne la maggior richiesta da parte dell’organismo arrivando fino a 3 litri al giorno per integrare l’alimentazione consigliata durante l’allattamento.