Chirurgia estetica: gli interventi a rischio

108
chirurgia estetica

Tutti ormai parlano di chirurgia estetica, e non sempre riguarda il classico ‘ritocchino‘. C’è chi vuole un seno più grande, chi un naso lineare, chi dei glutei sodi e chi decide di sottoporsi ad interventi più complessi per subire una vera e propria metamorfosi del corpo. Si moltiplicano i chirurghi, gli interventi e di conseguenza anche i rischi.  Vediamo insieme quali sono gli interventi che forse sarebbe meglio evitare.

Lipolisi o Lipodissoluzione

Questo intervento mira a distruggere le cellule adipose, i grassi in eccesso. E’ ritenuta più pericolosa della liposuzione. I rischi derivano dall’utilizzo di ultrasuoni, laser, infrarossi, radiofrequenza, iniezioni di o prodotti lipolitici come il sodio desossicolato. La pericolosità sta proprio in questo. Dove vanno i liquidi usati per sconfiggere il grassi in eccesso? La risposta è  restano nell’organismo.

Queste sostanze sono vietate dalla FDA e sono nocive per la salute. Possono infatti provocare allergie anche nel tempo proprio in virtù del loro rimanere per sempre nell’organismo.

Filler

I filler, cioè le punturine, sono considerati ormai uno dei trattamenti migliori per contrastare i segni dell’invecchiamento. Sono facili da fare, poco costosi e con un risultato quasi immediato.

I filler sono autorizzati dal Food and Drug Administration e i prodotti iniettabili sono solo sette, da noi ne circolano 137, una decina dei quali permanenti, cioè non riassorbibili. Già la parola permanente dovrebbe spaventare, perché significa che una volta iniettato nella pelle non si potrà togliere mai più.

Questi filler sono a base di poli-metil-metacrilato, vale a dire plastiche in gel o in particelle. Sono prodotti pericolosi e dannosi, anche a distanza di dieci anni possono causare granulomi molto gravi che deturpano il viso.

Arrotondare i glutei

Anna Tatangelo, Jennifer Lopez e chi più ne sa più ne dice hanno un sedere praticamente perfetto. Tante donne ormai cercano di imitare le star e ricorrono agli impianti di silicone per avere un sedere alto e sodo.

E’ bene sapere che le protesi di silicone possono causare infezioni, si possono rompere, possono creare asimmetria del lato B, in più dopo l’intervento non si possono più fare le iniezioni intramuscolari sui glutei perchè potrebbero lacerare le protesi. E’ un intervento ad alto rischio per ragioni più oggettive che soggettive. Infatti come ci ricordano tanti medici scrupolosi il sedere è la parte dove mettiamo tutto il peso del nostro corpo quando ci sediamo.

Se proprio non possiamo farne a meno è bene optare per l’intervento che trasferisce il grasso autologo. Questo tipo di intervento è meno rischioso perchè non avviene inserimento di sostanze estranee.

Iniezioni per aumentare seno e allungamento gambe

Anche questi due interventi sono inseriti nella lista dei più rischiosi. Aumentare il seno è un desiderio di tante donne, ma l’iniezione di sostanze all’interno delle mammelle potrebbe provocare danni irreparabili futuri e problemi in caso di gravidanze e allattamenti.

Allungare le gambe è forse tra gli interventi meno conosciuti e praticati. Il solo e grande rischio che farebbe rabbrividire anche un orso polare è la possibilità di fratture permanenti ed irreparabili alle ossa.

Prima di sottoporsi ad un intervento di chirurgia estetica vediamo a chi ci affidiamo, la professionalità e l’esperienza del medico chirurgo, la sede dove verrà fatto l’intervento, il nostro stato di salute psico-fisico e ricordiamoci  che le complicanze possono essere dovute a una o più di queste cause:

reazione del paziente

– non osservazione dei consigli pre e post operazione

tecnica chirurgica inadeguata

Ricordatevi che la vera bellezza di un individuo è la sua perfetta imperfezione.