Come avere una bocca sana e un bel sorriso?

63
bel sorriso

Conosciamo tutti le classiche regole per avere una bocca sana e un bel sorriso. Quante volte da piccoli ci siamo risentiti ripetere dalla nostra mamma di lavarci i denti appena finito di mangiare! Ecco ora ci dicono tutto il contrario… cioè non lavarsi i denti subito dopo mangiato.

Secondo alcuni studi, nella prima mezz’ora dopo un pasto si attivano dei meccanismi naturali di auto pulizia: usare spazzolino e dentifricio potrebbe interferire con questo processo naturale.

In attesa di ulteriori conferme, sappiate che se capita di pranzare fuori casa e di non potersi lavare immediatamente i denti, non è un problema. L’importante è non saltare, invece, l’appuntamento con lo spazzolino e il filo interdentale del mattino e della sera, perché la placca si forma ogni 12 ore-18 ore. L’operazione “lavaggio denti” dovrebbe durare ogni volta almeno due minuti.

Un altro accorgimento delle nuove regole “salva sorriso” è mangiare lentamente, masticando a lungo. Secondo una ricerca, l’operazione di “masticazione” facilita la rimozione della placca, oltre ad aumentare la produzione di saliva, che ha un’azione detergente.

Un’abitudine da acquisire è sciacquarsi bene la bocca dopo aver bevuto delle bibite gassate. L’acido fosforico contenuto in alcune bevande è corrosivo e rovina lo smalto dei denti. Invece, è bene dopo aver bevuto una bibita arricchita di anidride carbonica non lavarsi subito i denti con lo spazzolino, perché lo smalto in questo momento è particolarmente sensibile.

Un brutto vizio che con il tempo rovina e “consuma” i denti, favorendo la carie, è mordicchiare matite o cappucci delle biro. Con gli anni quest’abitudine può persino modificare l’allineamento delle arcate dentali.

L’ultimo consiglio per avere una bocca sana è non fare spuntini notturni. Uno studio dell’Università di Copenaghen ha dimostrato che tra i mangiatori notturni, il rischio di sviluppare problemi dentali è molto più alto. Anche se subito dopo lo snack ci si lava i denti, nelle ore notturne, le probabilità che si formino carie sono maggiori. Questo, perché di notte la saliva tende ad asciugarsi ed è meno efficace nell’eliminare i residui di cibo. Inoltre, la placca che si forma nelle ore notturne è molto più aggressiva.

Infine, i gel sbiancanti da casa (oggi in commercio ne trovate di tutte le marche) sono stati ritenuti dai dentisti un buon prodotto (naturalmente non al pari dello sbiancamento professionale), utilizzateli anche quotidianamente, ma solo a cicli, senza mai superare i 10 giorni. Ricordatevi anche di non fumare per almeno 30 minuti dopo aver usato il prodotto.

Per risultati più efficaci, inoltre, non bevete tè, caffè, vino rosso e non mangiate liquirizia per almeno 2 ore dopo lo sbiancamento, altrimenti le macchie sui denti torneranno visibili. Gli aspetti negativi dello sbiancamento dei denti sono alcuni fastidi come: sensibilità dentale e irritazione delle gengive, tutti sintomi temporanei che dovrebbe sparire entro 24 ore dall’utilizzo del prodotto.

Buon sorriso a tutti!

Sonia Brunelli
Sonia Brunelli vive a Imola dove ha studiato agraria occupandosi di alimentazione per diversi anni in una nota azienda del territorio. Si è poi specializzata nella gestione aziendale e ad oggi lavora per una ditta che promuove nuove starup con progetti e idee innovative.