Cosa sono i polipi nasali?

16
raffreddore

La presenza di polipi nasali è un problema molto diffuso che provoca alcuni fastidi tipici del raffreddore ma a differenza di quest’ultimo si tratta di una patologia cronica della mucosa nasale e purtroppo nella maggior parte dei casi il polipo nasale non è la causa della malattia ma la sua manifestazione.

Risalire alla causa precisa ed inequivocabile della formazione dei polipi nasali non è facile: benchè sia possibile una predisposizione genetica solitamente si è sempre in presenza di un’infiammazione cronica della mucosa del naso e dei seni paranasali che porta alla formazione di escrescenze dall’aspetto gelatinoso, lucido ed edematoso (i polipi).

Difficoltà nella respirazione, tendenza a russare, mal di testa, naso che cola, naso chiuso e perdita progressiva dell’olfatto sono i sintomi tipici della presenza di polipi nasali che vengono generalmente individuati quando sono già troppo grandi, infatti quando sono di dimensioni ridotte sono privi di sintomi o questi vengono confusi con quelli tipici del comune raffreddore. Con l’aumentare della grandezza dei polipi (e dell’infiammazione) il naso cola maggiormente, il muco tende ad accumularsi in quantità anche nella gola (può subentrare la sensazione di mancanza d’aria), il senso dell’olfatto viene compromesso e si può presentare un dolore diffuso nella zona vicino agli occhi.

In presenza di tali sintomi bisogna rivolgersi al proprio medico e ad uno specialista otorinolaringoiatra che effettua gli appositi esami investigativi: anamnesi, visita otorinolaringoiatrica test allergologici (in alcuni casi la comparsa di polipi nasali è collegata alla presenza di allergie), test ematologici, test sulla funzionalità respiratoria nasale ed olfattiva, esami per immagini come tac e risonanza del massiccio frontale.

Farmaci e intervento chirurgico

Individuata la presenza e la natura dei polipi nasali la terapia è valutata in base alle esigenze specifiche del paziente e a base di farmaci che tendono a ridurne le dimensioni:

  • corticosteroidi assunti sottoforma di spray nasale e/o compresse
  • antistaminici se la causa dei polipi è di natura allergica
  • antibiotici se la comparsa dei polipi nasali è collegata a infezioni batteriche

La terapia farmacologia è indicata in casi di polipi di piccole o medie dimensioni oltre le quali si preferisce intervenire chirurgicamente onde evitare che polipi nasali troppo grandi possano ostruire seriamente le vie aeree. Le  varie tecniche chirurgiche di tipo miniinvasivo come la chirurgia endoscopica, il debrider, il laser spesso vengono combinate tra loro per ottenere i risultati migliori.

Nei casi di poliposi nasale medio-grave solitamente si ricorre alla chirurgia endoscopica in anestesia generale così da eliminare i polipi e intervenire anche per correggere la struttura dei seni paranasali così da prevenire l’infiammazione della mucosa. Nei casi di polipi nasali allo stadio iniziale e di piccole dimensioni si può intervenire interventi mininvasivi con microdebrider e laser in anestesia locale in sedazione

I polipi nasali possono comparire a qualunque età ma sono soprattutto gli adulti ad essere colpiti con una maggiore incidenza nella popolazione maschile. Sia dopo il trattamento farmacologico che quello chirurgico i polipi nasali si possono ripresentare.