Cos’è e a cosa serve la prostata

230
prostata uomo

prostata uomoLa prostata o ghiandola prostatica è un organo fibromuscolare e ghiandolare parte dell’apparato genitale maschile dei mammiferi (per caratteristiche anatomiche, chimiche e fisiologiche, differisce considerevolmente tra le varie specie di mammiferi).

La prostata è collocata nella parte frontale del retto, circa 5 cm dopo l’ano, e parte di essa può essere toccata durante un esame rettale; è composta da una zona periferica, una centrale, una di transizione, una porzione anteriore ed una sfinterica preprostatica, contenute in una capsula fibrosa che la isola dagli organi vicini (retto, vescica e muscoli del piano perineale).

Una prostata umana normale, in buona salute, ha le dimensioni di una grossa castagna. La sua funzione principale è quella di produrre ed emettere il liquido seminale (20-30% del totale dell’eiaculato), poiché fornisce componenti fondamentali alla sopravvivenza, alla veicolazione e alla qualità degli spermatozoi. Pertanto alcune alterazioni della struttura e dello stato dell’organo possono influenzare la fertilità maschile. La restante parte dello sperma è prodotto soprattutto dalle vescicole seminali: due organi che si trovano tra vescica e prostata e che immagazzinano il liquido seminale per poi espellerlo al momento dell’orgasmo.

Circa il 15-20% delle infertilità maschili sono da attribuire a stati infiammatori cronici della prostata e delle vescicole seminali. Tale condizione è da attribuire ad un’azione diretta dei batteri sullo sperma e sulle vie seminali. Inoltre, le infiammazioni prostato-vescicolari determinano alterazioni delle caratteristiche fisico chimiche della parte liquida dell’eiaculato (variazioni della viscosità e della fluidificazione, del pH, presenza di globuli bianchi, modificazioni dei livelli di zinco, fruttosio ed acido citrico) determinando condizioni ambientali sfavorevoli per la normale funzionalità spermatica.

La prostata può essere la sede di malattie infiammatorie quali Prostatiti, Ipertrofia Prostatica Benigna (IPB) e tumori maligni quali l’Adenocarcinoma Prostatico.

Trovandosi situata sotto la vescica e intorno all’uretra, la ghiandola prostatica può influire sull’azione dell’urinare quindi, quando insorgono disturbi o alterazioni nella minzione, la prostata potrebbe esserne la causa. L’Ipertrofia Prostatica Benigna non è una condizione che può precedere il tumore della prostata, poiché non degenera in una patologia neoplastica, ma le due patologie possono coesistere e trarre origine da zone della prostata completamente differenti tra di loro.

Per tali rischi, è sicuramente importante per gli uomini occuparsi e monitorare la propria prostata costantemente e prima che sorgano disturbi seri: anche sintomi non rilevanti possono ugualmente essere segnale di un cattivo stato del sistema urinario che con il passar del tempo può peggiorare sempre più. Per questo si raccomanda sempre la PREVENZIONE!

Dopo i 50 anni è opportuna una visita urologica ogni 12 mesi poiché una adeguata prevenzione permette di scoprire eventuali patologie in uno stadio iniziale e di trattare le patologie della prostata in maniera sempre più efficace.