ellaOne pillola anticoncezionale dei 5 giorni dopo

445

E’ stata commercializzata anche in Italia ellaOne, la nuova pillola anticoncenzionale già ribattezzata “dei 5 giorni dopo“. Questa pillola infatti, presente in 27 Paesi Europei già da molti anni e autorizzato in 39, a base del principio attivo ulipristal acetato, reisce ad agire con un tempo più lungo rispetto alla ormai tradizionale pillola del giorno dopo, la famosa Ru486.

ellaOne però non è una pillola abortiva, ma appunto un anticoncezionale: questo vuol dire che se la fecondazione è già in corso all’atto della somministrazione, la pillola non funziona. Per questo, prima di utilizzarla, il Consiglio Superiore della Sanità ha disposto un test, sangue o urine, da fare prima dell’utilizzo.

Prima della prescrizione il medico è tenuto a verificare l’assenza di una gravidanza preesistente attraverso l’esito negativo di un test a base di beta Hcg. Test che la donna può effettuare anche con un semplice stick sulle urine reperibile in farmacia.

Come funziona ellaOne

Essendo una contraccezione di emergenza, il farmaco va assunto il prima possibile e non oltre 5 giorni (120 ore) dal rapporto non protetto (o nel caso in cui il contraccettivo utilizzato abbia fallito), poiché il suo principio attivo  è selettivo verso il progesterone e riesce a ritardare o evitare l’ovulazione, anche se l’ormone che ne è alla base ha già cominciato a salire (e quindi l’ovulazione è imminente). Ciò consente al farmaco di avere un’efficacia molto elevata ed immediata, e viene ben tollerato dal corpo senza particolari controindicazioni (dai test effettuati su oltre 4.000 donne il principio attivo non ha dato problemi).

In particolare, entro le prime 24 ore dal rapporto presenta un’efficacia tripla rispetto alle vecchie soluzioni a base di Levonorgestrel, e doppia nelle prime 72 ore. Avendo un effetto di 120 ore (la pillola del giorno dopo ha una durata di 24 ore, invece) impedisce la fecondazione dell’ovulo  e potrebbe anche impedire l’impianto in utero di un uovo già fecondato.

Cosa accade in caso di ritardo del ciclo?

Il ciclo mestruale può avere sia un blocco oppure un ritardo. Cosa fare in questi casi? Si può prendere la pillola anticoncezionale ellaOne? In caso di ritardo delle mestruazioni esiste la possibilità di una gravidanza (togliersi ogni dubbio acquistando un test al costo di 10 euro circa in farmacia).

Se siete alle prese con ritardi e sintomi tipici della gravidanza (nausea, vomito, pesantezza) consultare subito un medico e non prendere assolutamente la pillola ellaOne. Se si ha un rapporto sessuale non protetto dopo aver preso ellaOne, il medicinale non impedirà la gravidanza e non protegge in alcun modo da infezioni  e malattie sessualmente trasmissibili. Per questi casi efficace è solo il preservativo.

Quando assumere ellaOne

L’efficacia della pillola anticoncezionale ellaOne è stato dimostrato fino a 5 giorni dopo il rapporto non protetto e dal fallimento di qualsiasi altro contraccettivo, ovvero:

  • se si rompe il profilattico
  • se si dimentica di utilizzare il profilattico
  • se si sfila il profilattico
  • se non si prende la pillola anticoncezionale (per Lei)

I medici consigliano però di prenderla il prima possibile e cercare di non arrivare alle ultime ore. Questo per ottimizzare l’efficacia del farmaco. Secondo L’Agenzia europea dei medicinali (Ema) la maggiore efficacia di ellaOne si ha nell’arco delle 24 ore. La pillola anticoncezionale si può prendere in qualsiasi del ciclo mestruale e non funziona in caso di gravidanza già in atto.

Chi può comprare ellaOne?

La pillola anticoncezionale può essere acquistata rigorosamente dai maggiorenni (quindi a partire dai 18 anni compiuti) senza obbligo di ricetta medica. Il farmaco non è un prodotto da banco e va acquistato solo in farmacia senza esporre eventuali test di gravidanza.

Per le minorenni invece sussiste l‘obbligo di ricetta medica da richiedere al medico di base, un consultorio, un ginecologo privato o al pronto soccorso. Non è necessario essere accompagnati da un genitore e nemmeno da un soggetto maggiorenne.

Effetti collaterali di ellaOne

La pillola anticoncezionale dei 5 giorni può presentare degli effetti collaterali, seppur di modesta identità. Tra i sintomi più comuni:

  • gonfiore addominale
  • dolori addominali
  • possibili perdite marroni dopo 4/5 giorni dall’assunzione
  • possibili sanguinamenti a 4/5 giorni dall’assunzione
  • cefalee

Per qualsiasi tipo di disturbo, anche se non elencato, rivolgersi al medico o ginecologo tempestivamente.

Cosa c’è da sapere su ellaOne?

In Italia, la polemica attorno a questo farmaco nasce proprio dal concetto che si ha di “inizio di gravidanza”: con la vecchia definizione (la gravidanza parte dal momento in cui l’ovulo viene fecondato), la nuova pillola dei 5 giorni dopo sarebbe un farmaco abortivo poiché la interrompe volontariamente; se si assume la nuova definizione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità invece, che ritiene che la gravidanza cominci quando l’ovulo fecondato s’impianta nell’utero, la pillola è pienamente un contraccettivo di emergenza. I medici obiettori di coscienza non possono rifiutarsi di rilasciare la ricetta. Stesso discorso per i farmacisti.

Il farmaco appartiene alla classe di rimborsabilità C e viene venduto a 34,89 euro a confezione.