Fiori eduli: quali sono e come usarli in cucina

110
fiori eduli

I fiori edibili, o fiori eduli, cioè commestibili, si trovano in moltissimi scaffali dei supermercati: si vedono insalate arricchite da fiori freschi, primule, violette. La prima domanda che si fa è: “Si possono mangiare davvero?”. La risposta è si. Si tratta di un condimento gustoso e sono una fonte di salute per l’organismo.

Quelli più usati in cucina sono: calendula, iris, margherita, malva, lavanda, rosa, violetta, primula, fiore di zucca, fiore di rosmarimo, fiore di limone e di mirto. Il loro impiego risale a migliaia di anni fa, dalla civiltà cinese a quella romana fino a quella greca.

L’azione dei fiori è armonizzante, prima di ogni altra cosa. Un’esperienza sensoriale unica. La rosa è molto rilassante, la violetta è impiegata specialmente in pasticceria grazie alla brinatura. Si tratta di un procedimento secondo cui si inumidisce il petalo, si passa nello zucchero e poi si ripone in freezer.

Fiori commestibili in cucina

Ne esistono diversi, meglio affidarsi a se stessi e quindi coltivarli in un piccolo orto. Non tutti sono commestibili, quindi bisogna fare attenzione.

Non rischiare mai se non si è esperti e chiedere al proprio erborista di fiducia!

  • Angelica: ha un colore tipico che va dalla lavanda al blu fino al rosa acceso, il suo sapore ricorda molto quello della liquirizia e va impiegata soprattutto per i dolci.
  • Belle di giorno: sono molto dolci e vanno benissimo crudi sull’insalata o per decorare un dolce.
  • Camomilla: di sicuro la conoscerete, va utilizzata soprattutto per infusi rilassanti. Ha un profumo rilassante, dolce e può essere usato nei biscotti e nei muffin.
  • Finocchio: fiori gialli e delicati che hanno un leggero sapore di liquirizia.
  • Gelsomino: molto utilizzato nei tè, perfetto anche per insaporire i dolci.
  • Geranio: con i petali si possono preparare semifreddi, vini, liquori, ma va benissimo anche accostato ai formaggi.
  • Rosa: largamente utilizzata per marmellate, sciroppi, coccoli ha un profumo delicato e un sapore deciso. Può essere impiegata anche nelle insalate e nei risotti
  • Viola: molto conosciuta come la rosa, ha un sapore delicato simile alla mente. Perfetta per confetture, gelatine, insalate e bibite.

Se invece preferite qualcosa di più saporito e leggermente piccante potrete utilizzare:

  • Calendula: ha un gusto piccante-pungente e va benissimo sulla pasta, sui risotti e anche sulle zuppe.
  • Crisantemo: stesso sapore forte della calendula, viene spesso usato anche solo come decorazione visto le colorazioni stupende.
  • Lilla: usata spesso in pasticceria su creme, yogurt, gelati per il suo sapore agrumeto e pungente allo stesso tempo.

Fiori commestibili, dove trovarli?

Spesso ci si chiede dove bisogna prendere i fiori da mangiare. Ovviamente il modo più semplice e pratico è quello di fare una passeggiata in aperta campagna

(ATTENZIONE: potreste raccogliere un fiore scambiandolo per un altro col rischio di avvelenamento!).

Di sicuro si troverà la calendula, fiore molto forte, vicino ai fiumi e nei prati. In questo caso è spontaneo quindi dovrebbe essere sicuro per la salute.

Altra opzione da non trascurare sono i vivaisti oppure ancora online. I fiori possono essere consumati freschi o essiccati. Per conservarli bisogna metterli su una carta da forno, lontano dalla luce. Vanno girati più volte finché non saranno secchi. Dopo questo procedimento si ripongono in un contenitore di latta o di vetro e si conservano a lungo.

Come si usano in cucina?

Innanzitutto bisogna subito dire che la parte edibile sono i petali, quindi bisogna ricordarsi di rimuovere pistilli e gambi. Esistono svariati modi per cucinarli. Se avete deciso di utilizzare il fiore fresco, non va lavato sotto l’acqua corrente perché si rovinerebbe e perché si toglierebbe quella patina vellutata piena di proprietà (vitamine, proteine).

Ah dimenicavo... se ti piacciono questi rimedi puoi riceverli ogni giorno direttamente su WHATSAPP! Ecco come fare.. ti aspetto!

Quando si essicca in modo giusto, la parte liquida evapora e la parte solida resta nel petalo. Non c’è una vera e propria regola su come usarli nelle pietanze, basta seguire il gusto personale, facendo attenzione all’accostamento di gusto e di colore. Su pietanze calde si possono usare quelli secchi, ad esempio.

Giusi Rosamilia
Nata nel 1990, si è laureata alla triennale di Editoria e Pubblicistica, ha proseguito gli studi con la Magistrale in Informazione, editoria e giornalismo e un Master in Comunicazione e Giornalismo di moda. E' giornalista pubblicista, Vicedirettrice del periodico “Altirpinia", collabora con varie riviste tra cui Fashion News Magazine e Chic Style. Social media manager e web copywriter. Ama la scrittura, la moda e gli animali.