Influenza: verità e bugie

119
influenza-verita-bugie

Ogni anno milioni di italiani devono fare i conti con la classica “influenza di stagione”. Quest’anno sono previsti 3 ceppi diversi di influenza che metteranno a letto 1 italiano su 3 già a partire dal mese di ottobre. i ceppi in arrivo sono: la California, Hong Kong e Brisbane. Sono ceppi molto aggressivi che nei casi peggiori potrebbero portare anche al ricovero ospedaliero.

I soggetti a rischio sono come sempre gli anziani (over 65), i bambini e le persone affette da patologie che potrebbero vedersi aggravare le proprie condizioni. Senza causare allarmismi, se l’influenza colpisce è importante seguire le normali prassi farmacologiche (in caso di virus batterico) e i principali rimedi di sollievo e per affrontare al meglio la convalescenza. Di seguito vi mostriamo tutte le verità sull’influenza e i falsi miti da sfatare che disorientano il paziente.

Le verità sull’influenza

Quando prendiamo l’influenza, il raffreddore e il mal di gola siamo abituati, fin da piccoli, con i rimedi della nonna (vedi quali funzionano e quali no). Alcuni corrispondono a verità scientifiche, altre invece no e si mostrano come un buco nell’acqua. Quali sono i consigli da seguire in caso di influenza? Vediamoli insieme.

Succo d’arancia

Bere una premuta d’arancia al giorno aiuta a prevenire l’influenza oppure a guarire più rapidamente. La Vitamina C, contenuta nelle arance e in numerosi altri alimenti, contribuisce a rafforzare il sistema immunitario e affrontare al meglio la stagione invernale. Attenzione alle dosi, un eccesso di vitamina (anche sotto forma di integratori) potrebbe causare problemi gastrointestinali.

Vedi anche altri rimedi naturali contro l’influenza, melograno e bacca camu camu.

Pulire casa

Quando qualcuno in casa si ammala è buona norma pulire più frequentemente casa. Disinfettare la casa aiuta a liberarsi dal virus più velocemente. Il virus influenzale permane in casa fino a 12 ore su superfici dure e mobili, mentre su superfici morbide scompare subito con un panno. Usare la candeggina o sostanze disinfettanti per la pulizia delle mura domestiche.

Ricordatevi di aprire balconi e finestre per far passare aria in casa (naturalmente evitate le correnti) e non usate abbigliamenti troppo caldi per sudare ( altro falso mito), è preferibile usare tessuti freschi in cotone e lino soprattutto se in casa si sta già caldi con camini, stufe e termosifoni.

Riposare

Sonno e riposo sono utili per aiutare il corpo a combattere il virus influenzale. Questo vale per tutti, adulti e bambini, per questi ultimi è ancora più rilevante la qualità del riposo per monitorare le infiammazioni respiratorie e curarle al meglio.

Brodo di gallina

E’ il rimedio della nonna più antico e più vero. L’assunzione di proteine facilita, infatti, la ricostruzione delle cellule danneggiate dall’infezione. Il brodo è il modo migliore per nutrirsi grazie alle proprietà e alla facilità di ingerimento in caso di naso chiuso e gola infiammata.

Non esiste una tosse unica

Ogni tosse ha una storia clinica a se stante. Esiste la tosse grassa, la tosse secca e la mista. In genere per scegliere lo sciroppo o la pastiglia più indicata è necessario chiedere il parere del medico di fiducia o del farmacista. Se la tosse è grassa servirà un espettorante per cacciare il muco, se è secca servirà un calmante e lenitivo (in alternativa il miele come rimedio naturale).

Ah dimenicavo... se ti piacciono questi rimedi puoi riceverli ogni giorno direttamente su WHATSAPP! Ecco come fare.. ti aspetto!

Panno bagnato

Un altro rimedio della nonna infallibile è il panno bagnato sulla fronte per far scendere la febbre. Anche l’alcol etilico è una soluzione efficace per abbassare la temperatura corporea. Se la febbre è alta unire ai panni umidi un buon antipiretico (es. tachipirina nelle varie posologie).

Le bugie sull’influenza

Il contagio non c’è dopo tre giorni

Ricordatevi che ogni virus è diverso e ogni persona colpita lo affronta in modo differente in base alle proprie caratteristiche corporee e organiche. Il virus non sopravvive in eterno ma è errato affermare che un malato no è più contagioso dopo i primi 3 giorni dell’influenza.

Il contagio può avvenire in qualsiasi momento anche a guarigione completa del soggetto. L’unica cosa che può fare chi assiste il soggetto influenzato è evitare starnuti e colpi di tosse e lavarsi costantemente le mani. Evitate anche di dormire accanto al malato, se non si tratta di bambini (per i quali è necessaria una costante vicinanza).

Antibiotici combattono l’influenza

Sfatiamo il tabù che per l’influenza è necessario prendere l’antibiotico. Le influenze stagionali sono causate da virus  e per questo tipo di infezione non servono gli antibiotici (usati per le infezioni batteriche). In ogni caso esistono delle eccezioni per cui è necessario l’intervento del farmaco antibiotico sotto consiglio medico. Questo vale per i soggetti affetti da malattie croniche e anziani e per coloro che insieme all’influenza manifestano anche sintomi batterici legati a:

  • bronchiti
  • polmoniti
  • sinusiti
  • otiti
  • faringiti da stafilococco e streptococco

Il vaccino previene sempre

Il vaccino previene dall’influenza che decorre in un anno specifico, ma non copre l’organismo da tutti i virus. Chi è vaccinato ha comunque una percentuale molto bassa di ammalarsi e di prendere l’influenza, inoltre se viene colpito la forma influenzale non sarà molto aggressiva. Il vaccino conviene sempre per anziani e soggetti a rischio. Ricordatevi di seguire una corretta igiene personale e di bere molta acqua. Consultare sempre il proprio medico in caso di influenza stagionale.