Masticare lentamente: i vantaggi per la nostra salute

117

Imparare a masticare lentamente porta grandi vantaggi alla nostra salute. Quando eravamo più piccoli, ce l’hanno ripetuto un’infinità di volte: mastica piano, non ingoiare così in fretta, assapora il cibo, rallenta!

In effetti, è una cosa che tutti sappiamo, ma non applichiamo e che dovremmo imparare a fare tutte le volte che mangiamo: masticare lentamente!

In questo modo s’ingerirà meno aria e si ridurranno i fenomeni di fermentazione.

I vantaggi saranno soprattutto:

  • una digestione facilitata (bocconi piccoli e molto sminuzzati che arrivano all’intestino)
  • ci si sentirà sazi più velocemente (dato i lunghi tempi di masticazione)
  • la prevenzione dei problemi di aerofagia (meno aria ingerita e quindi meno scoreggine…)
  • l’eliminazione di quell’odiosa pancia gonfia (sembrerai subito più magra…).

Lo stomaco ci mette circa 20 minuti a informare il cervello di essere sazio. Se si mangia lentamente questo messaggio, arriva proprio al momento giusto.

A livello scientifico masticare lentamente significa anche ridurre l’introito calorico medio di una persona a pasto del 12%.

Ogni boccone deve essere assaporato, facendo attenzione a ogni singola fragranza. Portate il boccone alla bocca, appoggiate la posata e solo quando avete finito di masticare riprendente in mano la forchetta. Questo è un modo semplice ed efficacissimo per abituarsi a masticare correttamente.

Masticando lentamente, la saliva dovrebbe avvolgere completamente tutto il boccone, che deve essere il più possibile liquido, così lo stomaco non fatica. La digestione, infatti, inizia proprio dalla bocca.

Secondo la scuola macrobiotica più ortodossa, il numero di masticazioni ideali per ogni boccone è cento.

Ma sarebbe già un successo per noi comuni mortali masticare una trentina di volte ogni boccone.

Secondo alcune ricerche, masticando lentamente, si possono prevenire anche alcune intolleranze alimentari. Infatti, demolendo i cibi fino in fondo, si attivano processi capaci di assimilare le sostanze “ostiche”. Come quelle contenute nei legumi, nei cereali integrali, nei broccoli e nei frutti rossi.

In base agli studi di Nyioti Sakurazawa, meglio conosciuto come George Ohsawa (il fondatore della macrobiotica), masticando molto possiamo ridurre i problemi di ritenzione idrica. Poiché tutta la saliva richiamata in bocca, proviene dai liquidi in eccesso che ristagnano nei tessuti.

Ma i vantaggi non sono finiti. C’è una relazione stretta tra il lavoro della mandibola, i muscoli della deglutizione e la postura. La posizione della mandibola influenza in modo determinante l’assetto delle vertebre cervicali e il collo, quindi la schiena e le anche. Perciò è importante, per chi soffre di mal di schiena, una visita odontoiatrica allo scopo di approfondire le relazioni fra mal occlusione e problemi di postura.

Rammentate: masticare e assaporare, non è un optional.

Sonia Brunelli
Sonia Brunelli vive a Imola dove ha studiato agraria occupandosi di alimentazione per diversi anni in una nota azienda del territorio. Si è poi specializzata nella gestione aziendale e ad oggi lavora per una ditta che promuove nuove starup con progetti e idee innovative.