Meliloto giallo: la pianta dalle molteplici proprietà

180
meliloto

Il meliloto giallo (Meliotus officinalis) è una pianta dalle alte proprietà curative. È  utilizzata come arbusto medicinale da secoli e le sua importanti caratteristiche sono state notate anche dalle industrie di cosmetici naturali che ne stanno promuovendo sempre più la diffusione.

I suoi benefici sono dovuti soprattutto all’alta percentuale di cumarine – composti  aromatici – e flavonoidi presente nella pianta.

Uso medicinale del meliloto

Questa pianta ha comprovate proprietà farmacologiche perché contiene molte importanti sostanze biologiche. Le cumarine aumentano la pressione sanguigna, normalizzano l’attività dei leucociti e migliorano il movimento linfatico degli organi del nostro corpo. Il meliloto è inoltre ricco di olii essenziali e componenti retinose che aiutano nel trattamento del dolore, nella cura delle ferite e funzionano da antisettici.

Tra le sua funzioni curative ricordiamo la sua efficacia contro infezioni, ferite, ulcere ed emorroidi; inoltre agisce come un potente anticoagulante, antispasmodico, antibatterico ed emolliente. Può essere quindi usato anche come rimedio per tosse o spasmi muscolari.

Il meliloto ha proprietà lassative ed offre un buon aiuto alle donne con problemi ginecologici. Questa pianta può essere usata sia internamente che esternamente, preparando impacchi da applicare localmente o infusi medicinali da ingerire.

Vediamo nel dettaglio alcuni dei disturbi che possono essere trattati con questa pianta.

Prevenzione da trombosi

L’uso del meliloto aiuta a ridurre il rischio di flebite e trombosi. Le cumarine contenute al suo interno – una volta che la pianta comincia a seccare – si convertono in dicumarolo, un potente anticoagulante. Per gli stessi motivi è anche utile per trattare l’insufficienza linfatica e venosa e i disturbi ad esse legate, come gonfiore e crampi agli arti.

In questi casi, il meliloto viene assunto internamente.

Proprietà diuretiche e digestive

Il meliloto contiene degli agenti che rilevano e rimuovono i gas dal sistema digerente, stimolando così la diuresi e favorendo una corretta digestione. Preparate un infuso con le sue foglie e l’organismo ne trarrà grandi benefici.

Sollievo dai dolori

Esternamente, questa pianta è usata per trattare infiammazioni, dolori reumatici, gonfiore delle articolazioni e lividi. Basterà aggiungere qualche foglia di meliloto all’acqua della vasca e immergervisi.

Altre proprietà del meliloto

Oltre alle sue caratteristiche più note, è stato scoperto che il meliloto tratta anche altre varietà di disturbi. Pare infatti che aiuti a ridurre il rischio di tumori, se assunto nelle giuste quantità. Riesce poi a curare discretamente le emorroidi, infiammazioni ovariche e dolori mestruali. È anche un ottimo metodo per stimolare la produzione di latte durante l’allattamento al seno.

Le sostanze nutritive contenute al suo interno, rendono il meliloto in grado di calmare il sistema nervoso centrale, per questo motivo è consigliato nei casi di insonnia: immergete 2 cucchiai di meliloto essiccato in 500 ml di acqua bollente e tenete in infusione per 2 ore; filtrate il tutto e consumate l’infuso durante la giornata, servirà a rilassarvi.

Il miele di meliloto

In estate, le api provvedono a raccogliere miele dalla pianta di meliloto. Questo prodotto è in grado di fornire al corpo energia necessaria al suo giusto funzionamento. Aggiungere il miele di meliloto alla propria dieta quotidiana è un metodo gustoso e molto facile per godere di tutti i riscontri benefici dati da questa pianta.

Usi alternativi del meliloto

Il profumo del meliloto ricorda quello di un prato appena tagliato e può essere un interessante soluzione per profumare gli ambienti. Le sue foglie possono essere seccate e usate come repellente per alcuni insetti, soprattutto le tarme.

La pianta può essere inoltre utilizzata come fertilizzante in grado di fornire al terreno il giusto apporto di materie organiche.

Controindicazioni

In genere, il meliloto non comporta rischi. Tuttavia, assumerne dosi troppo elevate può portare ad intossicazioni con conseguente mal di testa, debolezza o vomito. Ricordate poi che il meliloto assunto a fini terapeutici deve contenere una certa quantità di principi attivi (cumarine) utili allo scopo.

Le dosi di prodotto possono quindi variare a seconda delle cumarine contenute. Le indicazioni riportate sulle confezioni in genere riportano queste informazioni, ma prima di usare preparazioni a base di meliloto consigliamo in ogni caso di rivolgervi al vostro medico o omeopata che sarà in grado di consigliarvi la soluzione giusta per voi.

Alessandra Montefusco
Ho una laurea magistrale in Teoria dei linguaggi e sono appassionata di rimedi naturali e cosmetica ecobio sin dall’adolescenza. Per questo cerco sempre di tenermi aggiornata sulle ultime novità del settore e sulle potenzialità dei prodotti che madre natura ci ha donato. Mi occupo di comunicazione e lavoro nel settore degli audiovisivi. Amo la musica - mia grande passione - la letteratura, il cinema, le passeggiate all’aria aperta e…il cibo!