Ridare vita alla pelle con il peeling chimico

194
peeling chimico

Il peeling chimico è un trattamento in cui viene usata una soluzione acida per rimuovere lo strato superficiale danneggiato della pelle. La vecchia pelle viene così eliminata affinché – nella zona trattata – possa rigenerarsene di nuova.

Sempre più persone oggi si sottopongono a questa tecnica di bellezza, ormai diffusissima anche grazie ai suoi risultati quasi immediati.

In cosa consiste il peeling chimico

In questo trattamento, il medico applica acido glicolico (AHA), acido tricloroacetico o fenolo sulla pelle. Solitamente il peeling viene effettuato sul viso ed è in grado di renderlo più levigato.

È un trattamento molto efficace per sanare imperfezioni, rughe e macchie della pelle. Esso esfolia la pelle morta in superficie, rivelando un nuovo strato di  pelle tonificata e uniforme.

A seconda delle esigenze, esistono diversi tipi di peeling chimico: è possibile optare per un’applicazione leggera o, viceversa, scegliere di utilizzare acidi leggermente più forti in grado di penetrare a fondo nella pelle.

Oltre al ringiovanimento facciale, il peeling può essere usato per trattamenti sull’intero corpo, in particolare per la rimozione di smagliature.

Nei giorni successivi al trattamento, è possibile avere una reazione simile a una scottatura solare con conseguenti sensazioni di bruciore o di screpolatura. Questo effetto ha una durata massima di 14 giorni, dopodiché la vostra pelle risulterà più levigata e luminosa.

Dopo questo trattamento, la pelle è temporaneamente più sensibile al sole. È fondamentale, quindi, applicare quotidianamente una protezione solare per almeno 15 giorni successivi al peeling. Bisogna inoltre evitare l’esposizione diretta, specialmente tra le 10.00 e le 14.00.

Il peeling può essere effettuato preferibilmente da un dermatologo o medico estetico, semplicemente nel suo studio. Non necessita infatti del ricovero.

Come primo passaggio, il professionista che effettua il trattamento pulirà la vostra pelle con un detergente. Dopodiché inizierà ad applicare la soluzione chimica su piccole aree del viso o del corpo: in questo modo vengono controllate le lesioni provocate, per consentire alla nuova pelle di prendere il loro posto. Durante il peeling molte persone avvertono una lieve sensazione di bruciore, che dura dai cinque ai dieci minuti.

A chi può essere rivolto il peeling chimico

Di solito, i pazienti con la pelle molto chiara e i capelli biondi sono degli ottimi candidati per ricevere un peeling chimico. Tuttavia, anche chi ha una pigmentazione diversa e capelli scuri può avere ottimi risultati da questo trattamento, nonostante sia più probabile riceverne un risultato meno regolare.

Cedimenti dei tessuti della pelle, rughe profonde e protuberanze non rispondono al peeling chimico. I riceventi ideali di questo processo sono quindi persone che vogliono risolvere problemi legati ad imperfezioni relativamente recenti. Sarà il vostro medico a indirizzarvi al meglio sul trattamento giusto per ogni problema specifico.

Come prepararsi al peeling chimico

Prima di sottoporsi a un peeling, i pazienti dovrebbero evitare di fumare nei giorni precedenti al trattamento e preparare la pelle con delle soluzioni specifiche, di solito a base di vitamina A.

Lavorate con il medico per decidere quali misure prevendite adottare e a quale tipo di peeling sottoporvi: da queste decisioni dipenderà molto la condizione della vostra pelle e dei risultati ottenuti con il trattamento.

Rischi e benefici

Il peeling chimico non comporta quasi mai complicazioni, ma non è comunque avulso da rischi. Essi includono: infezioni, cambiamenti del tono di pelle o irritazioni considerevoli. Si possono scongiurare i rischi seguendo completamente le istruzioni del medico – prima e dopo il trattamento – e fornendogli il quadro completo della vostra storia clinica.

Un peeling chimico correttamente effettuato comporta sostanziosi benefici per la pelle.  Ecco i principali:

  • Riduce le rughe di espressione intorno a occhi e bocca
  • Tratta efficacemente le macchie causate dalla sovraesposizione ai raggi solari o dall’età
  • Diminuisce la visibilità delle cicatrici
  • Migliora l’aspetto estetico della pelle rendendola visibilmente più giovane
  • Minimizza i segni provocati dall’acne

Pur trattandosi di una procedura molto diffusa, il peeling chimico è comunque un trattamento medico. Quindi, ricordatevi sempre di affidarvi ad un professionista abilitato e di seguirne i consigli per ricevere il massimo dei benefici di questo particolare gesto di bellezza.

Alessandra Montefusco
Ho una laurea magistrale in Teoria dei linguaggi e sono appassionata di rimedi naturali e cosmetica ecobio sin dall’adolescenza. Per questo cerco sempre di tenermi aggiornata sulle ultime novità del settore e sulle potenzialità dei prodotti che madre natura ci ha donato. Mi occupo di comunicazione e lavoro nel settore degli audiovisivi. Amo la musica - mia grande passione - la letteratura, il cinema, le passeggiate all’aria aperta e…il cibo!