Pitaya: proprietà e benefici del frutto del drago

80
benefici-PITAYA

La Pitaya o Pitahaya è un frutto tropicale che dall’aspetto si presenta come una palla di fuoco ed è per questo conosciuto come frutto del drago. Si tratta di un frutto che si presta ad usi molteplici e che presenta delle straordinarie proprietà benefiche. Vediamole insieme.

Il frutto del drago, detto anche dragon fruit appartiene alla categoria delle piante grasse ed in particolare alla famiglia delle Cactacee ed al genere Hylocereus, pianta di cactus arrampicante che ha origine nelle foreste tropicali e raggiunge un’altezza di circa 10 metri.

Il frutto ha una forma ovale ed allungata, un’aroma delicato, una polpa molto cremosa e al suo interno contiene tantissimi semini neri commestibili. Il peso del frutto del drago può oscillare tra i 150 e i 600 g e, per quanto riguarda i suoi valori nutrizionali, 100 g di pitaya contengono 36 kcal, 14 g di acqua, 0,5 g di proteine, e 0,6 g di grassi.

A seconda del colore che assume la buccia del frutto è possibili distinguere la pitaya rossa o red pitaya, la pitaya gialla e quella del Costa Rica.

Proprietà e benefici della Pitaya

Prima di tutto la pitaya è molto ricca di vitamine del gruppo A,B,C ed E. In particolare la vitamina B1 è molto utile in quanto velocizza il processo di trasformazione dello zucchero in energia, aiuta quindi a tirarsi sù e a placare lo stress quotidiano.

La vitamina B3 favorisce la circolazione  mentre, l’alto contenuto di proteine rinforza la massa muscolare e la massa magra.

In mix di vitamine contenuto nel frutto del drago rafforza il sistema immunitario determinando inoltre un’azione antiossidante (soprattutto grazie alla vitamina C). Ottimo per salvaguardare la nostra salute in quando il dragon fruit aiuta a prevenire la formazione di cellule tumorali, velocizzando l’escrezione di tossine e metalli pesanti dal nostro organismo. Stimola l’attività cerebrale e favorisce la concentrazione.

Pitaya per dimagrire

Questo frutto è sicuramente un ottimo alleato della dita prima di tutto perché contiene poche calorie, è povero di grassi e di colesterolo.  Inoltre, grazie al betacarotene, presenta delle proprietà diuretiche che contrastano la ritenzione idrica e la pelle a buccia d’arancia. la pitaya può naturalmente affiancare ma non sostituire una dieta ipocalorica.

Per questo è consigliabile seguire un’adeguata dieta detox  e magari assumere delle ottime tisane brucia grassi nel corso delle propria giornata.

Usi della Pitaya

Come consumare la pitaya? Questo frutto è ottimo se mangiato fresco, basta tagliarlo a metà e mangiarlo con un cucchiaino. Si può scegliere di condirlo con zucchero o limone per esaltarne il sapore. Il frutto del drago viene inoltre spesso utilizzato per la preparazione di cocktail e frullati.

Assolutamente da provare è l’agua de pitaya, bevanda molto famosa nei paesi in cui ha origine la pianta di pitaya. Preparare l’agua de pitaya è veramente semplicissimo: basta estrapolare il contenuto del frutto con un cucchiaino e metterlo in un bicchiere, aggiungendo zucchero o limone. Miscela fino ad ottenere un composto uniforme ed il gioco è fatto!

Dove trovare la Pitaya

Non è facile reperire il c.d. frutto del drago in Italia, a meno che non si scelgano mercati ortofrutticoli con un’offerta particolarmente ampia e ricca di varietà. Si trova invece molto facilmente nei paesi in cui la pianta della pitaya viene coltivata come la Thailandia, la Cina, l’America Centrale, il Vietnam o l’Australia, per cui è consigliabile comprare il frutto del drago direttamente online.