Puntini rossi sulla pelle

491

La pelle è l’organo più esterno del corpo umano e quello soggetto alla maggior parte delle imperfezioni. Maschietti e femminucce sono molto attenti alla cura della propria pelle, creme, lozioni, nutrimento, idratazione. Nonostante tutti questi minuziosi accorgimenti anche la pelle può “reagire improvvisamente” con sfoghi cutanei di cui non conosciamo la provenienza.

A chi di voi non è mai capitato di osservare dei fastidiosi puntini rossi sulla pelle che a volte si sono ampliai in vere e proprie anti-estetiche macchie cutanee? Cosa sono quei puntini rossi? Da cosa dipendono? Come intervenire? Scopriamolo insieme.

Puntini rossi sulla pelle: possibili cause

La comparsa dei puntini rossi sulla pelle (viso, copro, gambe, braccia, inguine etc) non è quasi mai sintomo di una patologia grave. Spesso è legata ad una particolare condizione del soggetto in quel momento oppure è la diretta conseguenza di un’azione ancora può essere legata a fattori esterni. Quando compaiono quei fastidiosi puntini rossi cutanei, prima di allarmarvi, cercate di capire se siete stati interessati da una di queste situazioni:

  • allergie alimentari o a farmaci: spesso un alimento può causare la comparsa di puntini rossi accompagnati anche da fastidio e prurito. Oltre il cibo anche polvere o polline (dermatite da contatto) possono indurre la comparsa di questi inestetismi. Un’altra causa di allergia sono i farmaci. Cosa fare? Rivolgersi a un laboratorio ed effettuare subito un test allergico magari se avete da poco cambiato un’abitudine alimentare o preso un nuovo farmaco
  • cambiamenti climatici: il forte caldo o al contrario il gelo possono colpire la nostra cute causandone un’alterazione. Spesso il caldo eccessivo causa un’irritazione cutanea fatta di puntini rossi e di prurito. Il caldo potrebbe causare anche delle vere e proprie chiazze di brufoli o macchie rosse che possono ricoprire l’intero corpo. In questo caso parleremo di angioma ciliegia
  • stress: periodi di profondo stress lavorativo, preoccupazioni, tensioni e ansie possono causare sfoghi cutanei. E’ come se il corpo emanasse richieste di aiuto tramite il suo organo ricettivo più esterno. Non sottovalutate i puntini rossi da stress. Cercate di cambiare abitudine e condurre uno stile di vita più regolare e sano altrimenti si rischia che il problema diventi acuto
  • vasculite: i puntini rossi possono essere una conseguenza di un’infiammazione dei vasi sanguigni e dei capillari a seguito di infezioni o processi autoimmuni dell’organismo
  • Sindrome di Schamberg : simili al pepe di cayenna che di solito compaiono sulle gambe degli anziani e sono dovuti a un danneggiamento dei capillari
  • melanoma o carcinoma: quando i puntini rossi tendono al nero o porpora e assumono forme irregolari
  • malattie del fegato o reni
  • disturbi del metabolismo
  • disturbi della tiroide
  • micosi fungoide
  • psicosomatizzazione: spesso la comparsa di puntini rossi è legata ad aspetti psicologici legati ad ipocondrie o traumi improvvisi

Anche i bambini possono essere soggetti a irritazioni cutanee da puntini rossi e in questo caso spesso è dovuto a reazioni allergiche al pannolino, al caldo/umido oppure a un particolare prodotto utilizzato per la pelle. In ogni caso se il sintomo persiste negli adulti e nei bambini, ovvero i puntini rossi non tendono a scomparire nel giro di qualche giorno e sono accompagnati da prurito, bruciore e bollicine, rivolgersi a un dermatologo.

Puntini rossi sulla pelle: cure naturali e rimedi farmacologici

Rivolgersi a un medico specialista è indispensabile per la valutazione clinica del problema cutaneo. Il medico valuterà la storia clinica del paziente e con esami e test tenderà ad individuare la cura giusta per i puntini rossi.

Tra i rimedi naturali troviamo:

  • pomate idratanti e lenitive
  • bagni con oli naturali
  • igiene accurata
  • utilizzo di indumenti con fibre naturali e non sintetiche
  • impacchi con ghiaccio
  • impacchi con farina d’avena e bicarbonato
  • eliminare prodotti chimici e irritanti per la pelle

Tra i principali rimedi farmacologici troviamo gli antistaminici e i corticosteroidi (terapia prolungata per avere una risposta del problema nel tempo). Purtroppo si tende sempre più spesso a curare il problema più che rintracciarne la causa, questo a causa della difficoltà di individuare l’allergene o il fattore scatenante. Se invece la diagnosi ha accertato tumori o patologie più serie il medico valuterà con una diagnosi precisa il percorso curativo idoneo al problema.