Attenzione ai rimedi post abbuffate: fanno più male che bene!

45

E’ inevitabile, volenti o nolenti, durante queste prossime feste faremo la solita abbuffata di cibo e dolci: anche se cercheremo di non esagerare o di avere delle accorgenze per limitare i danni, sforeremo certamente il nostro abituale regime alimentare: mettiamoci l’anima in pace. Sì, perché non bisogna dannarsi o sentirsi in colpa per forza se ci concediamo qualche giorno di svago alimentare, di gratificazione e di convivialità con le persone a cui vogliamo bene, senza pensare continuamente al “non posso”. Viviamoci bene questi momenti, serenamente e non facciamoci condizionare inutilmente… soprattutto perché questa angoscia costante può condurci ad adottare comportamenti conseguenti ancor più nocivi dell’abbuffata stessa!

Evitate quindi ogni forma di rimedio estrema post pranzo o cenone, per cercare di annullare quanto mangiato: vi farete più male che bene. Nello specifico, non state a digiuno il giorno dopo per fare una media delle calorie ingerite fra i due giorni: non farete altro che accumulare fame e ripetere un’ulteriore abbuffata nel pasto successivo, con relativa maggiore assimilazione del cibo. Preferite quindi la riduzione delle quantità nei giorni successivi, piuttosto che il digiuno totale o i pasti a base di tisane o di solo yogurt o di solo frullati. E, assolutamente, non inducetevi il vomito da soli: ricordatevi di godere del cibo e non demonizzatelo per forza anzi, è un momento di condivisione e di felicità soltanto da gestire.

Non assumete lassativi o farmaci diuretici per scaricarsi, sgonfiarsi e perdere peso: date priorità sempre alla fisiologica funzionalità del vostro corpo (fa da sé!) ed aiutatelo piuttosto assumendo una quantità maggiore di fibre (con i cereali a colazione, ad esempio) e con tisane drenanti a base di finocchio o cardo mariano. A proposito di colazione, non saltatela mai: anche se vi sentite colmi dal giorno prima, bevete del the o caffè e latte con biscotti integrali.

Non uccidetevi poi con ore estenuanti di fitness e palestra nei giorni successivi, dovete voler bene al vostro corpo innanzitutto: è molto meglio essere costanti e fare 20 minuti al giorno, per tutto il mese successivo alle feste (e possibilmente, proseguire come abituale attività fisica…).

Non trasformate i vostri pasti successivi in surrogati sostitutivi o in cibi light: quest’ultimi vi faranno ingerire inconsapevolmente molte più calorie di quante ne avreste assunte con il cibo non-light (saziano meno, inducono a mangiarne di più in quantità e richiedono alimenti a supporto spesso calorici). Piuttosto, realizza dei menù leggeri e sazianti a base di verdure, proteine e cereali integrali.

Usate quindi il buonsenso, anche nel cercare di recuperare gli eccessi alimentari fatti: l’autoregolazione è la prima regola ma se non è sempre possibile, non aggravate la situazione con il senso di colpa e con rimedi ancora peggiori. Datevi tempo e date tempo al vostro corpo, per vivere delle buone feste…